Aperitivo a Grado

A Sesto al Reghena 1500 persone incantate da BILLY CORGAN. FOTO

facebook
Martedì 2 luglio, pienone alla prima data della rassegna di Sesto al Reghena con il leader degli Smashing Pumpkins. Un live suggestivo che ha rapito il pubblico di Sexto.
Successo per l’Uomo Vitruviano del Terzo Paradiso che ha attirato e coinvolto moltissime persone di tutte le età.

Ieri, martedì 2 luglio, Piazza Castello di Sesto al Reghena , era gremita di persone, tutte in trepida attesa per il live in acustico di Billy Corgan, l’ultimo concerto qui in Italia del suo tour da solista. A riscaldare l’atmosfera la voce della cantautrice australiana Katie Cole, già nota per aver suonato con gli Smashing Pumpkins in veste di tastierista e chitarrista durante il loro tour europeo dello scorso anno. E poi arriva lui, il “vampiro” che dopo aver dominato gli Anni Novanta continua ad ammaliare con la sua arte. Sul palco è in versione minimal, a lui basta solo una chitarra e un pianoforte e la magia è fatta. Uno spettacolo che parte da Ogilala (2017), passa per TheFutureEmbrace (2005) fino a toccare le perle storiche degli Smashing Pumpkins, enfatizzate dalla voce unanime del pubblico che emozionato, e sotto un’improvvisa pioggia calda, ha cantato con lui pezzi immortali come Today, Tonight Tonight, Disarm e, a sorpresa, anche una cover da brivido di Wish you were here dei Pink Floyd. Billy tra l’altro, tra una canzone e l’altra scambiava divertenti battute col pubblico, un concerto che ha letteralmente rapito il prezioso borgo.

Successo anche dal fronte dell’arte performativa. L’opera partecipativa del Terzo Paradiso di Pistoletto ha attirato l’attenzione e la curiosità di moltissime persone di tutte le età che entusiaste hanno partecipato all’opera collettiva ispirata all’Uomo Vitruviano di Leonardo da Vinci e a Segno Arte di Michelangelo Pistoletto. Questa performance accompagnerà tutta la rassegna di Sexto, ad ogni live, si creerà un’opera collettiva, unica e originale.

Ed è già tempo di ripartire con i prossimi ospiti di Sexto ‘Nplugged. Lunedì 8 luglio arriva la cantautrice statunitense Sharon Van Etten che a distanza di cinque anni dall’acclamato Are We There, l’album che l’ha consacrata alla fama internazionale, torna in scena con il quinto nuovo album in studio Remind Me Tomorrow, rilasciato a gennaio di quest’anno. Il giorno dopo, è il talento del soul a infiammare il palco, Michael Kiwanuka, l’unica occasione per vederlo in Italia, col suo nuovo album “Love & Hate”. E infine, il 22 luglio sarà Elena Tonra a completare la rassegna di Sexto con il suo raffinato progetto da solista “Ex:Re”.

Sexto ‘Nplugged è realizzato con il sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia, Turismo FVG e della Fondazione Friuli. I concerti sono inseriti quindi nella promozione “Dormi da noi – Biglietto Free” realizzata dal Consorzio Pordenone Turismo che permette di ricevere il biglietto omaggio a chi soggiorna in una struttura convenzionata della regione.

Ufficio Stampa PK COMMUNICATION: press@pkcommunication.it

SEXTO ‘NPLUGGED: Sexto ‘Nplugged è la rassegna musicale che si svolge in estate a Sesto al Reghena, nel Pordenonese, in uno dei borghi più belli d’Italia. Fondata nel 2006 dall’Associazione Culturale Sexto, si è affermata negli anni per lo spessore delle proposte artistiche e per la volontà degli organizzatori di percorrere strade alternative che entrano in simbiosi col luogo dove si svolge la manifestazione, un suggestivo complesso abbaziale dell’ottavo secolo. Numerosi gli artisti nazionali e internazionali che hanno calcato il palco di Sexto ‘Nplugged tra i quali Air, Antony and the Johnsons, St. Vincent, The War on Drugs, Belle And Sebastian, Einstürzende Neubauten, Goldfrapp, Apparat, Mogwai, Interpol e Rhye, e decine di migliaia le persone che hanno avuto modo di conoscere il festival, fulcro di attrazione turistica del territorio.

2.097