Aperitivo a Grado
facebook

console.jpg

Per assistere alle manifestazioni di Calendidonna dedicate al Giappone è in questi giorni a Udine anche il console generale nipponico Hiroshi Azuma, che è stato ricevuto a Palazzo D’Aronco dal sindaco Sergio Cecotti. Il diplomatico ha partecipato all’inaugurazione della manifestazione, visitando prima la sede comunale.
More…L’incontro, cui hanno partecipato anche l’assessore comunale alla cultura Gianna Malisani e il viceconsole Sumiko Kawanishi, è stato breve e cordiale e ha visto manifestare grande apprezzamento da parte degli ospiti del Sol Levante verso quel filone della politica culturale che il Comune di Udine negli ultimi anni ha potenziato notevolmente, ossia l’attenzione alle realtà “altre”, con particolare riferimento a quelle orientali.

“Udine Porta ad Oriente”, ha detto il console “è più di un semplice slogan, ma mi pare un effettivo segno della grande sensibilità di questo territorio verso la cultura del nostro continente”. Il sindaco ha omaggiato il console di un pregevole libro d’arte sul Friuli e la città di Udine, ricevendo a sua volta un pregiato calendario giapponese.

La delegazione ha apprezzato non solo la programmazione di Calendidonna, specificamente dedicata alla condizione femminile passata e presente nell’arcipelago nipponico, ma anche la pluriennale presenza della cinematografia del proprio paese nel festival Far East Film, la più grande rassegna europea dedicata al cinema asiatico.

La partnership culturale e la presenza di alcune decine di cittadini giapponesi nella provincia di Udine sono l’ingrediente, ha sottolineato il console, per una sempre più estesa collaborazione di carattere economico. In Giappone sono già presenti realtà friulane come Calligaris e Danieli, ma i contatti industriali e commerciali sono sempre più fitti e le aziende di casa nostra interessate a investire lì possono godere di nuove favorevoli opportunità.

Fonte: Walter Tomada

424