Aperitivo a Grado
FEFF21

mittelfest.jpgIn attesa dell´apertura ufficiale della 17.ma edizione di Mittelfest, che sarà inaugurata sabato 19 luglio a Cividale del Friuli e proseguirà fino a domenica 27 alternando spettacoli teatrali, concerti e attese performance di danza di artisti italiani e internazionali,il festival della Mitteleuropa presenta un fuori programma in calendario domani, domenica 13 luglio, con la doppia replica (ore 18.30 e ore 21.00, Centro S. Francesco) dello spettacolo NOUMA, alla ricerca di orme norme forma formule, un giallo informatico diretto da Serena Di Blasio su un´idea di Romeo Crapiz e Giuseppina Trifiletti e realizzato dal gruppo DISCuTe, che riunisce Liceo Copernico, Liceo Marinelli, ITIS Malignani, Universita’ degli Studi di Udine e LiberEta’. Nouma è un progetto ludico-didattico ideato da alcune scuole superiori della provincia di Udine per declinare in maniera proficua e divertente i metodi e i concetti dell´informatica, della logica e per interrogarsi sul futuro delle macchine intelligenti. Evento scenico interattivo, lo spettacolo richiede l’intervento giocoso dello spettatore al quale si chiede di assumere il ruolo dell’investigatore che si avvale di metodologie scientifiche per risolvere un inquietante delitto. Lungo tre percorsi investigativi diversi il giocatore-detective è chiamato infatti ad affrontare e risolvere diversi problemi di valenza scientifica matematico-informatica. Inoltre, per avere successo dovrà scaltrirsi opportunamente nell´adozione di logiche investigative di tipo abduttivo e deduttivo, che hanno anch´esse larga attinenza con l´informatica e con la scienza in generale. Dovrà impadronirsi insomma del paradigma indiziario particolarmente fertile in ogni ambito della ricerca.

Nouma è il risultato di un PROGETTO CRUS (Collaborazione Scuola – Università) concepito nel 2003 e realizzato durante gli anni scolastici 2004-2006 da studenti e insegnanti di una rete di scuole della Provincia di Udine (Liceo Scientifico Magrini e ISIS D´Aronco di Gemona, Liceo Copernico di Udine, in funzione di capofila) con la collaborazione del dipartimento di Matematica e Informatica dell´Università di Udine. Hanno inoltre collaborato al progetto, a titolo individuale, insegnanti e studenti dell´Istituto Tecnico Zanon e del Liceo Classico Stellini.

Lo spettacolo fa parte del percorso interno a Mittelfest 2008 MITTELINOLTRE, che prevede anche escursioni “artistiche”, eventi che uniscono trekking e teatro, percorsi di salute e degustazione, oltre ad un prestigioso percorso espositivo – la cui inaugurazione è in programma anch´essa nella giornata di domani domenica 13 luglio: si tratta di sei tappe nella Cividale medievale coniugate e raccontate attraverso il linguaggio universale dell´arte, espressa attraverso 14 Stele di grandi dimensioni del celebre maestro friulano Giorgio Celiberti. “Le Stele, hanno cominciato a crescere, ad innalzarsi, a tentare il cielo, a cercare profondità verticali… forse celebrando una sorta di matrimonio ideale, di comunione dello spirito e delle immagini fra il passato misterioso e tenebroso legato all´epopea longobarda, ai miti ed alle leggende funerarie, alle tradizioni ed alle memorie cimiteriali che tanto hanno contato per la cultura carnico-friulana, e le pagine terribili della distruzione programmata del popolo ebreo…” Testo tratto da “Celiberti : stele e finestre” di Giovanni Granzotto

Tra i percorsi che compongono Mittelfest 2008 da ricordare anche il ricco cartellone di Mittelimmagini, corti, video e documentari 9 serate per 15 film che ogni sera saranno proposti nel rinnovato spazio di Foro Giulio Cesare ad ingresso libero, un progetto in collaborazione tra Associazione MittelFest, Società Operaja di Mutuo Soccorso ed Istruzione di Cividale, Associazione Navel (con il supporto tecnico e finanziario della Comunità Montana del Torre, Natisone e Collio).

Il cinema è costruzione del tempo. Per dirla con Andrej Tarkovskij: il cinema è tempo scolpito. Il cinema documentario, in particolare, aggiunge all´organizzazione del ritmo di un tempo cinematografico, anche l´indagine e la conservazione di una traccia del reale. Ogni film diventa così una tacca incisa nella sostanza inarrestabile del tempo, da cui viene sottratto un frammento condensato di memoria. I documentari di MittelImmagini, si legano in diversa misura e con diversa intensità al tema “Costruire il tempo”, suggestione portante di questa edizione del festival.

Cresce, intanto, l´attesa anche per il grande evento speciale che venerdì 18 luglio anticiperà l´apertura ufficiale del festival, la lunga maratona teatrale di oltre 15 ore sui personaggi dell´Amleto shkespeariano, NON ESSERE – progetto HAMLET´S PORTRAITS, diretta da Antonio Latella: un lungo, primissimo piano sull´immortale figura di Amleto con undici stazioni suddivise in sei “quadri”. Il biglietto d´ingresso per questa inedita performance darà la possibilità di entrare e uscire da teatro nel corso delle numerose ore di spettacolo (inizio ore 10.00) in corrispondenza delle pause previste, così da poter gustarne anche solo alcune parti e crearsi un proprio personale percorso di visione di questa coraggiosa `avventura´ teatrale.

Info e prevendite: tel. 0432/ 700573 – 0432/730793

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
382