Aperitivo a Grado

Ator pal mont 2011 -Cibo e identità – Tutti gli appuntamenti – 13 ott/4 nov

facebook

Gezim HajdariCibo e identità nell’esperienza migratoria è il tema dell’ottava edizione di Ator Pal Mont, manifestazione culturale che in questa edizione vuole far conoscere quanto il cibo e le migrazioni siano importanti nelle relazioni tra gli uomini, quali elementi unificanti nelle comunità e culture e determinanti nelle relazioni interculturali. In programma dal 13 ottobre al 4 novembre tra Udine, Corno di Rosazzo, Capriva del Friuli, Remanzacco e Povoletto, organizzata dall’Associazione Culturale Gentes, Ator Pal Mont 2011 sottotitola: tutto migra, tutto si contamina, tutto si trasforma.

Migrazione, sapere, cultura sono interfacce di uomini, notizie, idee che sovrapponendosi si confondono, contaminano e amalgamano creando sincretismi ed eventi spesso imprevedibili in termini di conflitti, cambiamenti, relazioni. Ne deriva che la conoscenza, i rapporti quotidiani tra persone di diversa cultura attraverso le contaminazioni e le sperimentazioni possono dare origine, anche in cucina, a infinite sincretizzazioni di nuovi saperi e sapori.
Gli eventi e le iniziative dell’edizione 2011 intendono far conoscere i luoghi nei quali si producono le derrate alimentari nel mondo e le condizioni di vita di quanti in quei luoghi lavorano e vivono; evidenziare che le persone migrando portano spesso come unico bagaglio abitudini, tradizioni e cultura, fra queste anche le abitudini alimentari le quali incontrandosi con altre mutano stimolando nuove possibilità di incontro e confronto.

Si continua giovedì 20 ottobre alle 18, alla libreria Einaudi di Udine, la conferenza “Migrazioni di uomini e animali”, una conversazione tra Barbro Santillo Frizell e Umberto Sarcinelli. Venerdì 21 ottobre, alle 10 dagli studi di Radio Onde furlane (Udine) Carlo Vicentini e Abeba Demisse discuteranno in diretta radiofonica su “Il cibo della sopravvivenza”. Sempre venerdì, alle 20.30 al Centro civico di Povoletto, incontro di studio su “Luoghi di produzione delle derrate alimentari”: Alberto Luchitta parlerà di territorio, risorse alimentari, prodotti e consumo; seguirà poi la relazione di Vichi De Marchi su “Scarsità delle risorse agricole e la fame in un mondo di abbondanza”. Chiuderà la serata Daniela Del Bene, spiegando lo sfruttamento, l’impoverimento del territorio e la migrazione nei paesi produttori di derrate alimentari.
Sabato 22 ottobre, alle 17 a villa Russiz di Capriva del Friuli, l’inaugurazione ufficiale di Ator Pal Mont 2011 con il primo incontro in Italia dedicato alla poesia dall’esilio, al fenomeno ancora poco indagato dei “poeti migranti” – provenienti da diverse parti del mondo – ormai cittadini italiani  che scrivono in lingua italiana. Saranno presenti artisti – tra cui Armando Gnisci, considerato il più grande comparatista del mondo e il maggior studioso della letteratura degli scrittori migranti in Italia – impegnati in diversi campi a far conoscere i poeti e gli scrittori e le loro opere e far capire la consistenza e l’influenza che questa nuovo fenomeno ha o potrà avere sulla letteratura e sulla poesia in Italia.
Verranno lette le poesie di Çlirim Muça, Mihai Butcovan, Tomaso Kemeny, Ana Vicent, Silvano Zamaro, Ndjock Ngaha, Anila Hanxhari e Gezim Hajdari, – ospite della serata – fuoruscito dall’Albania e in Italia dal 1992, uno dei massimi poeti contemporanei e forse il più rappresentativo e importante tra queste figure.
Domenica 23 ottobre alle 20, all’Auditorium G. De Cesare di Remanzacco, teatro in lingua friulana: “Alla cieca. Lettura scenica con danza” della Compagnia Ana-thema, opera tratta dal libro “Alla cieca” di Claudio Magris.
Il filo conduttore della rappresentazione, vuole delineare un percorso – il migrare degli ideali attraverso varie fasi storiche – di un solo uomo che riassume su di sé il peso e la sofferenza di quanti si impegnarono per affermare la parità dei diritti per tutti gli uomini.
Giovedì 27 ottobre, alle 20.30, al Posto di conversazione di Remanzacco, incontro con il critico d’arte Enzo Santese “La cucina come espressione artistica”.
Venerdì 28 ottobre a Palazzo Antonini (Udine) alle 11, incontro di studio sui metodi di trasformazione e nuovi prodotti alimentari, con Fabiana Romanutti, Michele Morgante e Maria Cristina Nicoli.
Venerdì 4 novembre serata finale dell’edizione 2011 di Ator pal Mont. Alle 19.30 da “Solder” a Corno di Rosazzo, con lo chef e maestro di cucina Germano Pontoni che preparerà illustrandole, prelibate pietanze sul tema “Contaminazioni mediterranee nel dì di festa in Friuli”.
Conduttore della serata sarà il giornalista Piero Villotta, che illustrerà “Il percorso del vino attraverso la storia, la sperimentazione e la moderna vinificazione”. E quale spettacolo di chiusura di questa edizione l’artista Gigi Maieron, sul filo delle contaminazioni, aprirà un sipario con interventi musicali legati al tema del viaggio e agli incontri.

646