Aperitivo a Grado

Bibione: concerto al tramonto con Remo Anzovino – 24 agosto 2019

facebook

“Tutto è imperfetto, non c’è tramonto così bello da non poterlo essere di più”. La frase del celebre poeta e scrittore portoghese Fernando Pessoa esprime al meglio l’idea di un concerto al tramonto, una vera e propria esperienza a trecentosessanta gradi per l’artista, per gli organizzatori e soprattutto per il pubblico.

Così, sabato 24 agosto alle ore 19:30, lo scenario di Punta Capalonga a Bibione, al confine tra il mare e la laguna, tra il Friuli Venezia Giulia e il Veneto, ospiterà uno straordinario “Concerto al Tramonto”, nell’ottica di far scoprire questo strepitoso patrimonio naturalistico e di far vivere al pubblico una serata davvero unica ed esclusiva (ingresso gratuito, accesso per il pubblico dalla spiaggia, dallo Stabilimento balneare Seven).

Il protagonista di questo “concerto evento” sarà il compositore e pianista Remo Anzovino, considerato fra gli esponenti più affermati, innovativi ed eclettici della musica strumentale contemporanea, che sta vivendo una strepitosa ascesa a livello nazionale e internazionale e che dopo il meraviglioso concerto all’alba nel Parco di Villa Manin farà vivere al suo pubblico una nuova esperienza al tramonto.

Dopo il successo dell’ultimo album di inediti Nocturne (registrato tra Tokyo, Londra, Parigi e New York e pubblicato da Sony Classical) che lo ha iniziato a far conoscere anche oltre i confini nazionali, lo scorso febbraio è arrivato il Nastro D’Argento 2019 per le colonne sonore originali dei film “Hitler contro Picasso e gli altri”, “Van Gogh tra il grano e il cielo” e “Le Ninfee di Monet” – per la serie di grande successo “La Grande Arte al Cinema” di Nexo Digital – con la Menzione Speciale “Musica Dell’Arte”, per aver reso più intensa la narrazione aggiungendo emozione alle emozioni che l’Arte riesce ad esprimere al grande pubblico attraverso il successo degli eventi speciali di cui è protagonista, accolte trionfalmente anche dalla stampa internazionale, che nell’unicità del linguaggio del compositore italiano ha riconosciuto l’importanza dell’aspetto musicale del racconto, la sua forza narrativa, il talento per la melodia e l’intelligenza compositiva.

A maggio Anzovino è stato scelto da Pianocity tra gli Ambassador del più importante festival nazionale dedicato al pianoforte e poi è volato in Giappone per i suoi primi due concerti (a Tokyo all’Auditorium Agnelli e a Osaka all’International House), rivelatisi un successo senza precedenti per un musicista italiano della sua generazione.

Da poche settimane ha chiuso una nuova colonna sonora cinematografica per il film “Frida Viva La Vida”, in uscita nei cinema a fine novembre, attualmente è in tour nelle principali rassegne estive della penisola con il suo concerto in piano solo e con lo spettacolo “La Grande Storia dell’Impressionismo”, assieme al critico d’arte Marco Goldin.

746