Aperitivo a Grado

Bon Jovi
Manca pochissimo al concerto più atteso dell’anno: domenica 17 luglio i BON JOVI ritornano dal vivo in Italia a otto anni dall’ultima apparizione. Sarà lo Stadio Friuli di Udine, già palcoscenico di eventi indimenticabili come il concerto degli AC/DC lo scorso anno, a ospitare l’unica tappa italiana del nuovo tour che segue la pubblicazione della straordinaria “Greatest Hits – Ultimate Collection”, la più grande raccolta discografica di tutti i successi della band statunitense.

Il tour europeo dei BON JOVI ha debuttato l’8 giugno a Zagabria, in Croazia, con uno show mozzafiato che ha travolto dal punto di vista sonoro e visivo lo stadio, gremito in ogni ordine di posti. Il concerto è stato salutato con particolare entusiasmo dai fan che a sorpresa si sono ritrovati la band al completo, con Richie Sambora ad imbracciare nuovamente la chitarra, dopo 2 mesi di assenza forzata per motivi di salute.
Per l’unico appuntamento in Italia, promosso da Barley Arts, in collaborazione con Azalea Promotion, la Regione Friuli Venezia Giulia, il Comune di Udine, No Borders Music Festival e TurismoFVG “Music&Live”, la band ospiterà sul proprio palco (inizio support act ore 20:25), i FLEMT, l’emergente gruppo glam rock di Senigallia (Ancona) che, sbaragliando la concorrenza di oltre 500 band, si è aggiudicato il Contest “Edison Change tue Music”, che offriva a un gruppo italiano senza contratto discografico la sensazionale opportunità di farsi conoscere suonando davanti alle 40mila persone attese.

I FLEMT nascono virtualmente nel 2006 dal “nuovo” incontro tra Frank Lapini e Michele Trillini che per lungo tempo, nel corso degli anni ’80, realizzarono un sodalizio dal nome di Ixion’s Wheel, una delle prime band heavy metal marchigiane. I suoni che uscivano dalla loro sala prove erano quelli classici del metal di quegli anni: echi delle cavalcate epiche degli Iron Maiden, virtuosismi “alla” AC/DC, linee melodiche e un po’ ruffiane in odor di Scorpions. Dalle ceneri di quell’esperienza, nasce Flemt che traendo spunto dal materiale degli Ixion’s Wheel (tredici storiche tracce!) propone una miscela musicale assolutamente nuova, liberata dai canoni metal delle origini, e con una sonorità legata alla grande tradizione rock americana.
Per avviare il lavoro chirurgico sulle vecchie composizioni Frank Lapini e Michele Trillini hanno iniziato a contattare musicisti ai quali affidare gli altri suoni dei Flemt.
Nasce così il loro nuovo sodalizio con Daniele Bianchelli, cantante (Live Killers), Diego Romagnoli, batterista (Live Killers) e Ivano Zoppi, tastiere (Live Killers).

Il contest rientra nell’“Edison – Change the Music”, il primo progetto italiano per sviluppare la sostenibilità ambientale nella musica, tanto che il concerto dei BON JOVI sarà ad emissioni zero.
La società elettrica fornirà l’energia rinnovabile derivante dalle proprie centrali idroelettriche attraverso il sistema dei certificati di produzione rinnovabile.

Tornando alla band, dopo 3 decenni di carriera sempre ai massimi livelli, 125 milioni di album venduti, oltre 2700 concerti dal vivo in 50 paesi diversi per 35 milioni di spettatori e Grammy Award vinti a ripetizione, i BON JOVI non mostrano segni di cedimento.
Il loro doppio “Greatest Hits” uscito su etichetta DefJam/Univesral nel novembre 2010 è la migliore testimonianza di 30 anni di successi e raccoglie le canzoni che i fan potranno sentire anche dal vivo.
Radio ufficiale del concerto di Udine è Virgin Radio Italy.

Gli ultimi biglietti dei settori gradinata, curva nord e prato B sono ancora disponibili nei negozi autorizzati Azalea Promotion e online su www.ticketone.it

UDINE20 SARA’ PRESENTE AL CONCERTO E VI FORNIRA’, COME E’ SOLITO FARE, DOPO POCHE ORE LE FOTO PIU’ BELLE DELL’EVENTO !!!

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
516