Aperitivo a Grado

Calcioscommesse: cosa rischiano le società? Rivoluzione in classifica?

facebook

soldi e pallone_200_200L’articolo 4 del Codice di giustizia sportiva individua tre tipi di responsabilità delle società di calcio: quella diretta, quella oggettiva e quella presunta. Proprio la responsabilità oggettiva è quella che, in pieno scandalo Calcioscommesse, in caso di illecito sportivo rischia di far vedere riscritti i campionati. L’articolo 4 (titolo I, norme di comportamento), infatti, dice che “le società rispondono oggettivamente, ai fini disciplinari, dell’operato dei dirigenti, dei tesserati e dei soggetti di cui all’articolo 1, comma 5” (sono tenuti cioè all’osservanza delle norme del Codice di giustizia sportiva e delle norme statutarie e federali anche i soci e non soci cui è riconducibile, direttamente o indirettamente, il controllo delle società stesse nonché coloro che svolgono qualsiasi attività all’interno o nell’interesse di una società o comunque rilevante per l’ordinamento federale). Secondo l’art.7 del Cgs (quello relativo all’illecito sportivo e obbligo di denunzia), al comma 4 poi viene evidenziato che ‘se viene accertata la responsabilità oggettiva o presunta delle società ai sensi dell’art.4 comma 5, il fatto è punito a seconda della sua gravità con le sanzioni di cui alle lettere g, h, i dell’art. 18 comma 1 e cioè: penalizzazione di uno o più punti in classifica (la penalizzazione sul punteggio, che si appalesi inefficace nella stagione sportiva in corso, può essere fatta scontare, in tutto o in parte, nella stagione sportiva seguente); retrocessione all’ultimo posto in classifica del campionato di competenza o di qualsiasi altra competizione agonistica obbligatoria (la retrocessione all’ultimo posto comporta sempre il passaggio alla categoria inferiore); o infine esclusione dal campionato di competenza o da qualsiasi altra competizione agonistica obbligatoria, con assegnazione da parte del Consiglio federale ad uno dei campionati di categoria inferiore. (ANSA)

Da quanto si evince da questo comunicato ansa, quindi l’eventuale, e ripetiamo, eventuale coinvolgimento del Napoli nell’inchiesta sul calcioscommesse potrebbe portare a pesantisisme conseguenze per la squadra partenopea. L’inchiesta aperta dalla procura campana infatti si concentrerebbe su tre partite dei partenopei risalenti agli ultimi due campionati. I match in questione sarebbero Sampdoria-Napoli 1-0 e Napoli-Parma 2-3 del 2009/2010 e Lecce – Napoli 2-1 dell’ultimo campionato. Nella partita con i ducali inoltre è stato fotografato a bordocampo il boss Antonio Lo Russo che il presidente De Laurentiis ha così giustificato Questo signore presentato nelle foto era vicino a un rappresentante delle forze dell’ordine ed era alle dipendenze di un manutentore del campo di gioco, quindi non è che il calcio Napoli può stare all’entrata a verificare la fedina penale di tutti quelli che entrano, altrimenti dovremmo anche investigare, e non solo sui frequentatori dello stadio”.. La procura ha acquisito i filmati dei tre match in questione e verificherà la presenza di eventuali anomalie nelle giocate. Inutile dire che eventuali risultanze dell’inchiesta avrebbero anche una conseguenza sul piano sportivo. Per ora la procura federale della federazione ha chiesto gli atti dell’inchiesta di Cremona dove però i team di serie A per ora risultano toccati solo marginalmente. Se l’inchiesta sul Napoli dovesse portare a sviluppi il calcio Napoli rischierebbe moltissimo. La recidività infatti porta all’ultimo posto in classifica.

agg.A rischiare fortissimo potrebbe esserci anche il Chievo che dalle intercettazioni dell’inchiesta di Cremona potrebbe risultare coinvolto in più di un match chiachierato nelle discussioni fra scommettitori e faccendieri vari (spunta anche il nome dell’ex arbitro Treossi)

Ovviamente i tempi sono strettissimi e la procura federale dovrà districarsi in un mare di intercettazioni per poi eventualmente aprire un inchiesta e formulare un giudizio.

284