Aperitivo a Grado

Cavalicco: le oche di Via della Roggia nel mirino dei residenti

facebook

Sono circa una decina le oche che vivono nella roggia tra Adegliacco e Cavalicco. I residenti della zona sono divisi in due gruppi, chi le ama, le fotografa e le porta da mangiare, e chi invece è infastidito per la loro presenza.
Alcuni residenti hanno scritto una lettara indirizzata al comandante della polizia locale di Tavagnacco, all’ufficio ambiente e al sindaco Mario Pezzetta per lamentarsi della presenza delle oche

Con la presente siamo a segnalare una condizione di degrado e scarsa igiene ambientale in luogo pubblico. Parliamo dell’area attraversata dalla pista ciclabile che scorre lungo via della Roggia, dove la presenza costante di una colonia di volatili (una decina di oche e una trentina di anatre) provoca la contaminazione massiva del terreno con escrementi e piumaggi, mettendo a repentaglio la salute dei residenti e di tutte le persone che transitano a piedi, in bicicletta o di coloro che accompagnano i bambini con il passeggino, obbligandoli a spostarsi nella parte opposta della carreggiata. Spesso questi animali invadono la sede stradale, creando difficoltà alle auto, costrette a effettuare manovre brusche per evitare investimenti. C’è una continua presenza di persone che svuotano sulla pista ciclabile secchi o addirittura pentole di avanzi di cibo e pane vecchio. Pur amando gli animali, non possiamo fare a meno di segnalare come il cibo avanzato diventi un’ottima attrattiva notturna per ratti e topi”.

I cittadini anno anche suggerito 4 modi per ovviare al disagio segnalato: installare cartelli per vietare la distribuzione di cibo, effettuare verifiche igienico-sanitarie e monitorare le nascite, o ancora trasferirle in un area recintata più consona

Pronte anche le risposte dei “pro oche”, come Dino Trevisani che ha scritto a sua volta una lettera
“Via Della Roggia a Cavalicco si e’ ripopolata dopo che anni fa’ si e’ verificata la “”Sparizione”” di 19 oche finalmente questa primavera sono nate (caso raro a detta di molti) 7 oche da padre Canadese e da madre nostrana le quali vanno ad aggiungersi ai 19 germani reali, tra’ maschi e femmine.
Le 7 ormai grandi fanno prove di volo due volte al giorno, uno spettacolo inusuale dalle nostre parti che viene fotografato da molte persone e visitate anche da scolaresche, diciamo che ormai fanno parte di tutta la comunita’ della via anche perche’ tutti le sosteniamo dando loro qualcosa da mangiare e sarebbe un gran peccato se dovessero “”Sparire”” anche queste. ” LE OCHE NON SI TOCCANO ”

590