Aperitivo a Grado

Cern di Ginevra: raggiunto il terzo record

facebook

cern3
Grandi festeggiamenti al Cern di Ginevra. Raggiunto il terzo record dalla gigantesca macchina nell’arco di poche settimane e ciò che è avvenuto segna il primo passo in un mondo finora completamente sconosciuto. Collisioni di particelle alle energie più alte mai raggiunte al mondo sono state ottenute nel superacceleratore Large Hadron Collider (Lhc). A quanto si apprende, le collisioni sono avvenute nella tarda serata di ieri all’energia record di 1.180 miliardi di elettronvolt (1,18 TeV) per fascio, per un totale di 2,36 TeV. Collocato in una galleria sotterranea di 27 km di circonferenza alla frontiera tra Svizzera e Francia , l’Lhc è l’acceleratore di particelle più grande del mondo. Il suo obiettivo è far scontrare a velocità prossime a quella della luce fasci di protoni per creare nuove particelle mai osservate, a partire dal chimerico Bosone di Higgs, mai osservato e che secondo il modello standard fornisce la massa a tutte le altre particelle.

L’Lhc era stato avviato la prima volta il 10 settembre 2008, ma dopo appena nove giorni è stato spento per un guasto al sistema di raffreddamento dei magneti che ha richiesto lunghe riparazioni.
Collisioni di particelle a livelli di energia record sono state ottenute nel superacceleratore Large Hadron Collider (Lhc) del Cern di Ginevra. L’esperimento è riuscito nella tarda serata di martedì all’energia record di 1.180 miliardi di elettronvolt (1,18 TeV) per fascio, per un totale di 2,36 TeV. Gli studiosi puntano a ottenere collisioni all’energia di 3,5 TeV per fascio (7 TeVi in totale).



Foto: Maximilien Brice


L’ultimo obiettivo sarà raddoppiare questa energia, raggiungendo 7 TeV per fascio (14 TeV in totale). Quello che ci si aspetta da queste tecnologie per la scienza è che fotografino le particelle che c’erano all’inizio dell’Universo e strani oggetti come i bosoni di Higgs, la particella responsabile della presenza della materia nell’Universo. Quella che da molti è stata ribattezzata la ‘particella di Dio’.

Collisioni di particelle ad energie mai cosi’ alte
Collisioni di particelle alle energie piu’ alte mai raggiunte al mondo sono state ottenute nel superacceleratore Lhc del Cern di Ginevra. Si tratta del terzo record raggiunto dalla gigantesca macchina nell’arco di poche settimane e cio’ che e’ avvenuto segna il primo passo in un mondo finora completamente sconosciuto. Le collisioni sono avvenuta nella tarda serata di ieri all’energia record di 1.180 miliardi di elettronvolt (1,18 TeV) per fascio, per un totale di 2,36 TeV.
(Ansa)

L’LHC, il superaccelleratore di particelle del Cern di Ginevra ha battuto un altro record: sono avvenute all’interno dell’ampio anello sotterraneo le collisioni di particelle alle energie più alte mia avvenute al mondo.
Nel giro di poche settimane gli scienziati del Cern hanno forzato sempre di più l’enorme circuito per particelle per testare le sue potenzialità e hanno ottenuto ben tre record. Le collisioni sono avvenute martedì sera all’energia di 1.180 miliardi di elettronvolt per fascio, per un totale di 2,36 TeV.
I ricercatori di Ginevra sperano di scoprire con questo esperimento senza precedenti i fondamenti della fisica e l’esistenza del famoso Bosone di Higgs, unica particella al mondo a non essere ancora stata rilevata importante perchè definisce la massa delle particelle.
(Agr)

1.464