Aperitivo a Grado
facebook

cine20

Cine20 lo potete leggere tutti i venerdì ed è curata da un ragazzo cagliaritano ed uno genovese. Matteo “Weltall” Soi, dalle pagine del blog weltallsworld.blogspot.com, e Mattia “Tob Waylan” Meirana, da tobwaylan.tumblr.com , mettono insieme la loro esperienza di cine-blogger e cinefili non professionisti per una rubrica alla portata di tutti, libera e accessibile, che spazi da brevi recensioni fino alle uscite home-video, senza dimenticare le doverose segnalazioni sui film in sala, il tutto corredato da un sistema di valutazione facile ed immediato. Perché mettersi in due per gestire la rubrica? Semplicemente perché il “pensiero unico” è noioso e due voci, due opinioni, sia che convergano o che vadano in direzioni opposte, possono essere decisamente più interessanti e stimolanti per chi scrive e per chi legge. Detto questo, andiamo a cominciare.

.
Al cinema e non solo.

.
13 ASSASSINI di Takashi Miike

In un piccolo villaggio di provincia, 13 samurai ne affrontano 200 per uccidere il fratellastro dello Shogun il cui indegno e spietato comportamento rischia di far precipitare il Giappone in una nuova era di inutili e cruente battaglie. Remake di un classico dei primi anni ’60 di Kudo Eichii, 13 Assassini è l’ ultima fatica (l’ ultima ad arrivare in Italia, si intende) di Takashi Miike, un film dalla struttura semplice e rigorosa, lo stesso rigore che si avverte nella costruzione di questo affresco feudale all’ interno del quale il regista si insinua con tutta la forza (anarchica) della sua poetica, ribaltandone le figure chiave, esplicitando la violenza solo dove ha senso che venga esplicitata (i suicidi rituali sono fuori campo mentre la donna mutilata è mostrata “senza veli”, letteralmente). Pennellate rosso sangue per il primo jidai-geki (film storico ambientato in un preciso periodo, nello specifico quello Tokugawa) al quale Miike si trova a lavorare, genere che affronta rispettandone le regole ma senza rimanerne intrappolato, definendo attraverso l’evoluzione della figura del samurai, devoto al popolo e non più allo Shogun, il tramonto di un’ epoca con tutti i suoi valori e tradizioni. Il Giappone raccontato in 13 Assassini infatti, si trova di fronte ad un’ ideale linea tracciata dal tempo, un “confine”,esattamente come il villaggio teatro della cruenta e spettacolare battaglia finale, oltre il quale il samurai è destinato a diventare automaticamente una figura anacronistica e pertanto non esiste tempo e luogo migliore per seguire fino alla fine “la via della spada” immolandosi, tra fango, fuoco e cascate di sangue, a compimento di un’ intera esistenza. Per un regista come Miike, con all’ attivo un numero impressionante di pellicole notevoli e importanti, 13 Assassini rappresenta certamente una delle sue opere più mature, perfettamente bilanciata tra film di genere e film d’autore, tra impianto classico e derive personali.
GRADIMENTO WELTALL 85%

.
UN TUFFO NEL PASSATO di Steve Pink

Quel tanto che salva un film dalla definizione “vaccata”, a volte è solo un po’ di sana autoironia, la capacità di saper giocare sulle proprie debolezze e lasciare che sia il resto a fare la differenza. Voglio dire, ok al fascino dei viaggi nel tempo, ma una vasca idromassaggio che proietta i protagonisti del film nel passato proprio non si può sentire anche se è proprio questa vasca a dare il titolo al film di Steve Pink, nella versione originale “Hot Tub Time Machine”. Nonostante questa idea di base, originale certo ma talmente ridicola che gli stessi protagonisti ne sottolineano più volte l’ assurdità, il film di Steve Pink sfrutta il pretesto dei viaggi nel tempo per tirare fuori una commedia nel complesso riuscita e anche parecchio divertente. Il merito è certamente da attribuire ad un cast perfettamente funzionale ma anche ad una sceneggiatura che, seguendo le tracce dei grandi capisaldi del genere “time-travel”, gioca con i paradossi (il finale è da applausi) e mette i protagonisti in particolari situazioni nelle quali devono scegliere se affrontare la loro disavventura temporale come una seconda occasione per cambiare le loro attuali vite incasinate o con un atteggiamento “geek” del tipo “fare tutto esattamente come vent’ anni fa per non alterare il continum spazio temporale”. E tutto questo da vita anche a irresistibili dialoghi e spassosissime gag dove gli ’80, con tutto quello che nel bene e nel male hanno portato con se, dalla musica alla moda, sono gli assoluti e indiscussi protagonisti.
GRADIMENTO WELTALL 70%

.
Brevemente in sala.

.
CEDAR RAPIDS di Miguel Arteta

Commedia “certificata” Sundance, con protagonista un agente di una compagnia di assicurazioni che trasforma il raduno annuale dei professionisti nel suo campo nell’ occasione per scoprire il mondo al di fuori della cittadina dove è nato e cresciuto. Sicuramente più nelle mie corde rispetto ad Arturo.
ATTESA WELTALL E TOB WAYLAN 70%

.
.
.
.
.
.

GIALLO / ARGENTO di Dario Argento

C’è qualcosa di totalmente sbagliato quando un film italiano, uscito praticamente ovunque ed ovunque massacrato, arriva in Italia la settimana in cui Transformers 3 farà a pezzi tutti quanti. Questo lascia intendere quanto i distributori, nonostante tutto, credano nell’ ultima fatica di Dario Argento tanto da definirla in locandina “IL CAPOLAVORO”.Tra l’altro, dalla sua prima timida uscita ad oggi, il film ha cambiato titolo ed il dvd è stato ritirato dai negozi americani per “incomprensioni” tra Adrien Brody e la produzione. Non so voi, ma io piuttosto mi riguardo Profondo Rosso.
ATTESA WELTALL E TOB WAYLAN 0%

.
.
.

THIS IS BEAT – SFIDA DI BALLO di Robert Adetuyi

Quanto può spingersi in la una gara di ballo per mettere in gioco la vita dei suoi stessi partecipanti? Ballano sui vetri rotti o con le scarpe legate l’ una all’ altra dai lacci? No perchè la sinossi di questo ennesimo filmetto danzante mette bene le cose in chiaro e si arriva perfino a definirlo drammatico. Quasi più fastidioso dell’ ennesima pellicola sui vampiri.
ATTESA WELTALL E TOB WAYLAN 0%
.

.
.
.
.

TRANSFORMERS 3 di Michael Bay

Qui il fattore attesa ha stupito anche me! Non immaginavo infatti potesse settarsi così in alto soprattutto dopo la mezza delusione di Transformers 2, pieno di buone premesse che non arrivano mai al dunque. Insomma, Michael Bay ci deve un film fracassone con i robottoni e lui ha tutte le carte in regola per regalarci l’ esatta spettacolarità senza impegno che ci aspettiamo da un film così. Avete presente Optimus Prime che combatte tra i palazzi nel trailer? That’s what I’m talking about!
ATTESA WELTALL E TOB WAYLAN 80%

.
.
.
.

“VITTORIO RACCONTA GASSMAN”
UNA VITA DA MATTATORE di Giancarlo Scarchilli

Presentato allo scorso Festival di Venezia, quello di Scarchilli è niente più che un documentario su Vittori Gassman, un viaggio nella sua vita artistica e personale accompagnati dal figlio Alessandro (urgh!) e da filmati inediti ed interviste agli amici e colleghi di un’ intera carriera. Senza nulla togliere all’ importanza della figura di Gassman, francamente documentari come questi non mi attirano in sala.
ATTESA WELTALL E TOB WAYLAN 40%
.
.

.
.

Consigli per gli acquisti.

.
Questa settimana è uscito anche l’ atteso cofanetto de Il Signore degli Anelli Extended Edition in Bluray. 15 dischi blu al cui interno troverete i tre film in edizione estesa e tutti gli extra delle precedenti edizioni in DVD.

.
PARTO COL FOLLE (DVD e BD già disponibile dal 21/06/2011)

partocolfollePer il suo secondo film dopo il fulminante esordio con Una Notte da Leoni, Todd Phillips non riesce ad essere altrettanto brillante forse perchè Parto col Folle pecca un po’ di originalità anche se tra i due protagonisti (Robert Downey Jr. e Zack Galifianakis) si crea un’ alchimia travolgente. Per mio gusto personale propenderei per il DVD in questo caso, ma tenete presente che il Bluray ha più extra ed il download per la copia digitale.
* DVD * VIDEO: 2.40:1 anamorfico – AUDIO: Ita / Ing / Ing non vedenti dolby Digital 5.1 – SOTT: Ita non udenti / Ing non udenti / Ola / Arb / Gre / Ebr / Isl – EXTRA: Le gag – REGIONE: 2
ACQUISTO: CONSIGLIATO CON RISERVA
* BLURAY * VIDEO: 2.40:1 anamorfico 1080p – AUDIO: Ita / Fra / Ted / Spa / Tai / Ing non vedenti Dolby Digital 5.1, Ing DTSHD 5.1 – SOTT: Ita non udenti / Ing non udenti / Ted non udenti / Fra / Nor / Tai / Spa / Cor / Mand / Cant / Sve / Fin / Ola / Dan – EXTRA: Una parte per Ethan in “Two and a half men” – La scena completa, Scene inedite, Action mash up, Too many questions – ZONA: B
ACQUISTO: CONSIGLIATO

.
UN GELIDO INVERNO (DVD e BD già disponibile dal 28/06/2011)

ungelidoinvernoDebra Granik ci immerge senza sconti nella brutale realtà della provincia americana attraverso la storia della giovane Ree interpretata da una bravissima Jennifer Lawrence. Cecchi Gori propone il film nella doppia versione DVD e Bluray. al solito la scelta su quale supporto scegliere dipende da quanto siete disposti a spendere in più per l’alta definizione rispetto alla edizione standard su disco argentato. In questo caso io propendo per la seconda.
* DVD * VIDEO: 1.85:1 anamorfico – AUDIO: Ita / Ing Dolby Digital 5.1 – SOTT: ita / ita non udenti – EXTRA: nd – REGIONE: 2
ACQUISTO: CONSIGLIATO
* BLURAY * VIDEO: 1.85:1 anamorfico 1080p – AUDIO: Ita / Ing DTSHD – SOTT: Ita / Ita non udenti – EXTRA: nd – ZONA: B
ACQUISTO: CONSIGLIATO CON RISERVA
.
.

565