Aperitivo a Grado

cine20_1

Cine20 lo potete leggere tutti i venerdì ed è curata da un ragazzo cagliaritano ed uno genovese. Matteo “Weltall” Soi, dalle pagine del blog weltallsworld.blogspot.com, e Mattia “Tob Waylan” Meirana, da tobwaylan.tumblr.com , mettono insieme la loro esperienza di cine-blogger e cinefili non professionisti per una rubrica alla portata di tutti, libera e accessibile, che spazi da brevi recensioni fino alle uscite home-video, senza dimenticare le doverose segnalazioni sui film in sala, il tutto corredato da un sistema di valutazione facile ed immediato. Perché mettersi in due per gestire la rubrica? Semplicemente perché il “pensiero unico” è noioso e due voci, due opinioni, sia che convergano o che vadano in direzioni opposte, possono essere decisamente più interessanti e stimolanti per chi scrive e per chi legge. Detto questo, andiamo a cominciare.

.
Al cinema…e non solo.

.
PAUL di Greg Mottola

Che Simon Pegg e Nick Frost avessero la tara dei fanboys (nell’ accezione più positiva del termine) si era abbondantemente intuito dai riuscitissimi progetti portati a casa insieme all’ amico regista Edgar Wright, Shawn of The Dead e Hot Fuzz, omaggio al cinema romeriano il primo e all’ action poliziesco il secondo. Momentaneamente separati da Wright, impegnato sul fronte Scott Pilgrim, Pegg e Frost portano sul grande schermo, insieme al regista Gregg Mottola, un soggetto scritto a quattro mani incentrato su due nerd inglesi in viaggio nei luoghi culto degli USA per gli appassionati di fantascienza e ufo. Durante il loro peregrinare si imbattono in Paul, un alieno (anzi l’ Alieno) in fuga dall’ AREA51 ed intenzionato a tornare nel suo pianeta natale. Il duo inglese, che qui interpreta anche i due protagonisti, riversa nel film quello che con grande probabilità fa parte del loro bagaglio culturale cinematografico ma non solo, infarcendo il film di riferimenti e citazioni che vanno dalle singole linee di dialogo fino alle musiche. Paul è un road movie che, a velocità di camper, ci porta dal Comic-Con di San Diego fino a location entrate con forza nella storia del cinema, omaggiando soprattutto registi come Zemeckis, Lucas e Spielberg. Ed è proprio a quest’ ultimo che si fa maggiore riferimento, a quella visione di una fantascienza positiva che tirò fuori dal cilindro verso la fine degli anni ’70 con capolavori del calibro di Incontri Ravvicinati del Terzo Tipo ed E.T.. Paul trae grande ispirazione proprio da queste opere, sfruttando la sua natura comica per giocare al ribaltamento: rispetto alla creatura di Spielberg, Paul è smaliziato, al passo coi tempi e con uno sviluppatissimo spirito goliardico. Dispiace constatare però che, nonostante tutte queste ottime credenziali, il film sia stato venduto sfruttando l’ espediente della voce famosa utilizzata per doppiare il simpatico alieno, trovata fuori luogo che niente aggiunge ad un film (anzi forse toglie pure qualcosa) già di per se “nerdaviglioso”.
GRADIMENTO WELTALL
75%

.
ZACK & MIRI AMORE…A PRIMO SESSO! di Kevin Smith

Non so in che rapporti siate con il cinema di Kevin Smith ma per me è stato un vero colpo di fulmine fin dal primo Clerks, cult generazionale con il quale il regista americano ha stabilito dei punti fermi che sarebbero tornati nella successiva filmografia: il New Jersey come ambientazione, i dialoghi sboccati, l’ amore per Star Wars ed i personaggi ricorrenti (Jay e Silent Bob). Clerks ha iniziato un ciclo che Clerks 2 sembra aver chiuso viste i recenti percorsi che Smith ha deciso di intraprendere. Ma c’era ancora spazio per un film dove il suo stile fosse pienamente riconoscibile ed proprio questo Zack & Miri (mi rifiuto di completare l’ orribile titolo italiano) Make a Porno dove in qualche modo si inizia a rompere con le proprie radici (non siamo più nella sua New Jersey) ma non con un passato cinematografico impossibile da lasciarsi completamente alle spalle. Un’ inedita coppia di protagonisti (Seth Rogen e Elizabeth Banks), alcune vecchie conoscenze (Jeff Anderson e Jason Mewes) ed il solito vecchio Smith capace come al solito di raccontare, nella sua personalissima maniera, una generazione disillusa, dal futuro quanto mai incerto ma comunque capace di reinventarsi per tirare avanti. Ed è esattamente quello che fanno i nostri protagonisti per arrivare a fine mese, decidendo di intraprendere una carriera nel businnes della pornografia. Pieno di dialoghi inconfondibili e sequenze da cult immediato, Zack & Miri è anche venato da un romanticismo il cui ruolo all’ interno della storia è forse troppo prevedibile ma mai eccessivo e soprattutto non così incisivo da indebolire quel particolare “feeling” di cui le pellicole di Smith non sono mai prive.
GRADIMENTO WELTALL
70%

.
four-lionsFOUR LIONS di Christopher Morris

Four Lions è una commedia esilarante, scorretta ed intelligente la cui forza sta nel prendere un argomento difficile e delicato come quello delle cellule terroristiche e stravorgerlo completamente. Quelli che di solito vediamo come dei seri e motivati invasati vengono qua dipinti sì come invasati ma anche maldestri, incapaci, illusi e anche un po’ ignoranti. Non che questo voglia insultare un’intera popolazione, anche perchè di quelli furbi se ne vedono, ma sicuramente se ne vuole sottolineare il lato più assurdo in un modo altrettanto assurdo e l’intelligenza del regista sta proprio in questo: pur raccontando le vere motivazioni che stanno alla base del dramma del terrorismo lo fa per vie traverse, attraverso quello che non si dovrebbe fare e pensare, come se anche nell’assurdo ci fosse della logica da seguire. Ma non si creda che tutto in Four Lions sia risate e deficienza: sotto le risate si cela una serietà piuttosto pesante e un mesaggio tutt’altro che banale, dove 4 maldestri attentatori non sono altro che un diverso modo di vedere la realtà, drammatica ed immutabile.
GRADIMENTO TOB WAYLAN 80%
GRADIMENTO WELTALL 80%

.
IL RAGAZZO CON LA BICICLETTA di Jean-Pierre e Luc Dardenne

All’uscita dal cinema non sapevo cosa pensare: mi era piaciuto il film? Sì, ma in modo piuttosto freddo, come se più che il contenuto avessi apprezzato la messa in scena, l’immagine che i Dardenne hanno donato ad un bambino ed una giovane donna, la cittadina francese, così anonima. Non che la storia sia semplice e leggera: Cyril è in un istutito perchè il padre non vuole e non riesce a prendersene cura. Incontrerà Samantha che si offrirà di tenerlo nei fine settimana e di aiutarlo e rimettersi in contatto con il padre. Una storia pregna di sentimenti contrastanti, amore, odio, certezze e incertezze, ma che alla fine, dopo diversi drammatici avvenimenti, non sembra lasciare il giusto segno. E’ forse proprio l’eccesivo contrasto, l’eccessiva esagerazione di certe scelte che privano il film della giusta intensità, un’intensità che si palesa solo nei momenti silenziosi, dove nell’immagine i personaggi sono impressi coi soli sentimenti e le sole sensazioni, senza parole di troppo.
GRADIMENTO TOB WAYLAN 65%

.
Brevemente in sala.

.
BRONSON di Nicolas Winding Refn

Con un ritardo di soli 3 anni Bronson arriva al cinema: la storia vera, e pazza, di uno degli uomini più pazzi e violenti che abbiano mai messo piede sulla terra. Bronson ha passato quasi tutta la sua vita in carcere ed è ancora dentro mentre state leggendo queste parole. La sua violenza, illogica, ritardata ed affascinante, diventa arte in una pellicola che mischia risse in carcere a sipari teatrali.
ATTESA TOB WAYLAN E WELTALL 80%

.
.
.
.

LE DONNE DEL 6° PIANO di Philippe Le Guay

Una commedia francese su un uomo alle prese con delle donne delle pulizie spagnole che dal trailer sembra essere o troppo stupida o troppo incomprensibile, perchè non fa affatto ridere anche se dovrebbe. Di solito i francesi mi piacciono quando fanno seri, mentre le commedie le trovo sempre troppo… francesi.
ATTESA TOB WAYLAN E WELTALL 50%
.

.
.
.
.

LONDON BOULEVARD di William Monahan

Un thrillerone con Colin Farrel e Keira Knightley che dal trailer non sembra poi così malaccio. E’ diretto da quello che ha vinto l’oscar come miglior sceneggiatura adattata per The Departed di Martin Scorsese, è il suo esordio alla regia e per questo penso che un’occhiata la meriti tutta, ance solo per capire se il suo talento su carta sia tale anche su schermo.
ATTESA TOB WAYLAN 70%
ATTESA WELTALL 50%
.

.
.
.

PUNTO D’ IMPATTO di Matthew Chapman

Un film sul quale so poco e niente ma che ha ricevuto diverse critiche positive in giro per il mondo.  La curiosità sta nella scelta narrativa:il tutto si svolge mentre un professore universitario minaccia di buttarsi giù da un cornice. Non so se proprio tutto il film si svolgerà intorno a quella situazione ma se così fosse sarebbe un esperimento davvero interessante
ATESSA TOB WAYLAN E WELTALL 60%

.
.
.
.

X-MEN : L’ INIZIO di Matthew Vaughn

Sinceramente non ho mai sopportato la saga degli X-Men e tanto meno sopporterò questo prequel. Poi magari è pure divertente, ma la voglia è proprio poca.
ATTESA TOB WAYLAN 40%
.
Per me è l’ esatto opposto: ho amato i primi due film di Bryan Singer (ma qui entra in gioco anche i quasi vent’ anni passati a leggere le avventure delle creature di Stan Lee e Jack Kirby) e tollerato quello di Brett Ratner. Aspetto quindi con molta curiosità e interesse questo prequel ambientato prima della fondazione degli X-Men, con Xavier e Magneto giovani ed ancora amici.
ATTESA WELTALL 80%

.
Consigli per gli acquisti.

.
Mentre nei negozi arrivano anche Another Year, La Versione di Barney e Tamara Drew, ecco i film che voglio portare alla vostra attenzione:

.
BURKE & HARE – LADRI DI CADAVERI (DVD e BD disponibile dal 07/06/2011)

burkehareA pochi mesi dall’ uscita nelle sale, il ritorno al lungometraggio di John Landis è pronto a sbarcare nel mercato home video in DVD e Bluray. Se escludiamo i formati video e audio in alta definizione non ci sono sostanziali differenze che spingano verso il Bluray piuttosto che il DVD.
* DVD * VIDEO: 1.78:1 anamorfico – AUDIO: Ita / Ing Dolby Digital 5.1 – SOTT: Ita, Ita non udenti – EXTRA: Trailer, Papere, Lezioni di cinema con John Landis – REGIONE: 2
ACQUISTO: CONSIGLIATO
* BLURAY * VIDEO: 1.78:1 anamorfico – AUDIO: Ita / Ing DTSHD 5.1 – SOTT: Ita, Ita non udenti – EXTRA: Trailer, Papere, Lezioni di cinema con John Landis – REGIONE: B
ACQUISTO: CONSIGLIATO CON RISERVA (maglio risparmiare e prendersi il DVD)

.
LA CASA 3 (DVD già disponibile dall’ 08/06/2011)

lacasa3Per gli appassionati questo è davvero un piccolo grande evento: finalmente esce sotto etichetta Medusa uno dei film di Umberto Lenzi più attesi e a fine agosto arrivano anche il capitolo 4 e il 5. Rimane una certa perplessità per il formato video, tipicamente “televisivo” ma non trovando notizie certe a riguardo e considerato che è il medesimo delle edizioni straniere, lo prendiamo per buono.
* DVD * VIDEO: 1.33:1 Letterbox – AUDIO – Ita Dolby Digital 2.0 – SOTT: Ita non udenti – EXTRA: nd
ACQUISTO: CONSIGLIATO CON RISERVA (in mancanza d’altro, questo è quel che passa il convento)

.
.

.
RABID – SETE DI SANGUE (DVD già disponibile dal 07/06/2011)

rabidA onor del vero il film era già stato pubblicato dalla Stormovie un po’ di tempo fa ma a quanto pare ora i diritti sono passati alla Password distribuita da Cecchi Gori (la vecchia edizione è comunque disponibile su alcuni store online). In questa nuova edizione è presente una traccia Dolby Digital 5.1 italiana ed il formato video con aspect ratio 1.85:1 anamorfico rispetto al 1.78:1 anamorfico della precedente. La differenza è minima ma il primo aspect ratio è quello espressamente voluto dal regista. Nessuna aggiunta che valga un nuovo acquisto ma se non l’avete questo è un film imprescindibile per gli amanti di David Cronenberg.
* DVD * VIDEO: 1.85:1 anamorfico – AUDIO: Ita / Ing Dolby Digital 2.0, Ita Dolby Digital 5.1 – SOTT: Ita – EXTRA: Trailer, Galleria fotografica – REGIONE: 2
ACQUISTO: CONSIGLIATO (anzi, se non avete l’edizione precedente, obbligato)

.
VALHALLA RISING (DVD e BD già disponibile dall’ 08/06/2011)

valhallarisingFilm certamente non facile ma incredibilmente affascinante (da un punto di vista visivo ma non solo) il film di Nicolas Winding Refn è stato snobbato dalla distribuzione nelle sale ma esce fortunatamente in DVD e Bluray grazie alla BiM che confeziona due edizioni oneste nel comparto tecnico e solo un trailer nei contenuti accessori.
* DVD * VIDEO: 2.35:1 anamorfico – AUDIO: Ita / Ing Dolby Digital 5.1 – SOTT: Ita – EXTRA: Trailer – REGIONE: 2
ACQUISTO: CONSIGLIATO
* BLURAY * VIDEO: 2.40:1 anamorfico 1080p – AUDIO: Ita / Ing DTS HD – SOTT: Ita – EXTRA: trailer – ZONA: B
ACQUISTO: CONSIGLIATO CON RISERVA (vale lo stesso ragionamento per Burke & Hare)
.
.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
529