Aperitivo a Grado
facebook

Cine20 lo potete leggere tutti i giovedì ed è curata da Matteo “Weltall” Soi dalle pagine del blog weltallsworld.blogspot.com e dal blogger-seriale Kusa direttamente da lavitaenientaltro.wordpress.com. Una coppia inedita disposta a tutto pur di mettere la loro esperienza di cine-blogger e cinefili non professionisti per una rubrica alla portata di tutti, libera e accessibile, che spazia da brevi recensioni fino alle uscite home-video, senza dimenticare le doverose segnalazioni sui film in sala, il tutto corredato da un sistema di valutazione facile ed immediato. Detto questo, andiamo a cominciare.
.

Al cinema e non solo.

.

gijoelavendettaG.I. JOE – LA VENDETTA di Jon M. Chu

Se per caso vi trovate oggi ad avere i vostri bei trentanni suonati, non potete non aver mai sentito parlare dei G.I. Joe. Non potete non essere mai incappati nella serie animata facendo zapping pomeridiano tra i canali televisivi. Non potete non aver avuto un contatto con i giocattoli a loro dedicati anche solo per caso (tipo il vostro compagno delle elementari che vi colpisce in testa con un elicottero dei Cobra). Ecco perchè, se rientrate nella casistica precedente, il primo film dedicato ai Joe vi deve aver lasciati spaesati, colti dalla sensazione di aver sbagliato sala. Questo perchè poco o nulla di quel film ha a che fare con la serie animata o con i giocattoli, senza contare che è un film d’azione che da il suo meglio unicamente nel trailer. Alla Universal devono essersene accorti e, acchiappando il franchise fallimentare per i capelli, hanno capito che, se volevano tirarci fuori qualche bel soldino, bisognava darsi una regolata. E da qui la rivoluzione: fuori praticamente tutto il cast tecnico ed artistico e dentro nomi nuovi, alcuni conosciuti altri un po’ meno. Alla cabina di regia siede Jon M. Chu, giovane regista con un passato lavorativo non proprio memorabile, che si dimostra comunque capace di gestire in maniera almeno decente un action fracassone come questo. Buone le sequenze di ampio respiro, dove si spara ed esplodono le cose, un po’ meno quelle dei combattimenti corpo a corpo, troppo confuse (ma parte della colpa è anche dell’ inutile 3D) e soffocate da riprese eccessivamente attaccate agli attori. Proprio sul fronte attoriale arrivano le vere novità visto che, a parte il coreano Byoung-hun Lee, tutti i volti del film precedente vengono sostituiti da altri, alcuni di grande richiamo per il genere (The Rock e Bruce Willis) e altri anche di ottima presenza (la bellissima Adrianne Palicki). E forse proprio grazie a delle figure più solide, si è riusciti a dare un’ identità riconoscibile ai vari personaggi, tanto ai Joe quanto ai Cobra, rendendoli unici e riconoscibili come nel cartone televisivo, intento che è stato poi trasmesso anche agli elementi di contorno (armi e mezzi bellici vari). Naturalmente, nonostante questi aspetti che potremo anche definire positivi, non ci troviamo certo di fronte ad un miracolo ma ad un film che prende, giustamente ed onestamente, le distanze dal precedente. Le logiche hollywoodiane su questo tipo di prodotti poi, le conosciamo bene e dove si spende tanto in effetti speciali magari si risparmia su altri frangenti, come quello della sceneggiatura, anche troppo articolata per un film dai risvolti sempre prevedibili. Ma di sicuro quello che si centra è il target di riferimento che punta ai nostalgici, agli amanti del genere e soprattutto, visto che si evitano quasi totalmente particolari di violenza esplicita, ad un pubblico piuttosto giovane. Chi rientra in queste categorie non dovrebbe rimanere deluso.
GRADIMENTO WELTALL 60%
.

Brevemente in sala (a cura di Weltall).

.

zarafaLE AVVENTURE DI ZARAFA – GIRAFFA GIRAMONDO
di Remi Bezancon, Jean-Christophe Lie

Film d’ animazione francese che narra la storia (vera?) di Zarafa, la prima giraffa a sbarcare in terra francese, dono del pascià egiziano al re di Francia. Un racconto che si concentra sia sul viaggio intrapreso dall’ animale che del modo in cui la sua presenza esotica influenzo la vita sociale del periodo. Cosa volete, siamo sempre li, animazione europea che si concentra, in questo caso, intorno a storie non proprio di portata universale e perciò possono pure non interessare. A meno che non siate francesi.
ATTESA WELTALL 0%

E dopo Marsupilami, ecco un altro capolavoro dell’animazione che mi perderò. Che ci vuoi fare?
ATTESA KUSA 0%
.

biancacomeillatterossacomeilsangueBIANCA COME IL LATTE, ROSSA COME IL SANGUE
di Giacomo Campiotti

Mentre leggete queste righe, immaginatemi con le mani sollevate in segno di resa. Altro non rimane da fare di fronte a film (ma è giusto definirli così?) come questo che solo dal trailer lasciano trasparire la pochezza di cui sono fatti. Allora, in pratica c’è un lui innamorato di una lei che non se lo fila. Si confida con l’ amica di sempre, segretamente innamorata di lui, che gli da preziosi consigli su come avvicinare la sua amata. E ci riesce ma scopre che lei è malata. A parte la banalità del triangolo amoroso, quel che mi spaventa (ricordatevi che questo è comunque un pregiudizio) è il modo in cui viene inserito l’ elemento della malattia, pretesto furbo che può facilmente sfociare nello sgradevole.
ATTESA WELTALL 0%

Caro collega, mi fido della tua capacità di giudizio, ANCHE per quanto riguarda il trailer, così risparmio fatica e mal di pancia.
ATTESA KUSA 0%

.

theplacebeyondthepinesCOME UN TUONO di Derek Cianfrance

Luke, pilota acrobatico di motociclette in un luna park, lascia il suo lavoro e parte alla ricerca della sua sua ex da poco diventata neo mamma di suo figlio. Per contribuire al sostentamento della sua nuova famiglia, Luke si dedica alle rapine fino a quando si scontra con un ambizioso poliziotto desideroso di fare carriera. Non c’è dubbio che Ryan Gosling ci piaccia moltissimo e, se non fosse per QUEL film di cui parliamo poco sotto, questa sarebbe la pellicola consigliata della settimana, senza rivali. Si piazza comunque in seconda posizione (o seconda scelta, se preferite) che non è male.
ATTESA WELTALL 70%

Adesso, non è che siccome Ryan Gosling ha fatto Drive poi gli affibbiano il ruolo di pilota di qualsiasi mezzo in movimento,  vero? A parte gli scherzi,  se dovessi scegliere un film della settimana sarebbe questo, anche perchè a me di QUEL film là sotto frega poco poco, e qui c’è pure Bradley Cooper, che tutti si dimenticano sempre di menzionare invece anche ne Il Lato Positivo aveva dato bella mostra di sè, malgrado tutta l’attenzione sia andata poi alla Lawrence, anche per indubbi motivi ormonali. Comunque di questo film se ne  parla un gran bene praticamente dappertutto, quindi lo vedremo di sicuro.
ATTESA KUSA 70%

.

hitchcockHITCHCOCK di Sacha Gervasi

Altra uscita degna di interesse soprattutto perchè dedicata ad uno dei più grandi registi di sempre. Quello di Sacha Gervasi è infatti un bio-pic dedicato ad Alfred Hitchcock, incentrato nel periodo in cui, già famoso, si preparava a partorire la pellicola alla quale il suo nome sarebbe stato per sempre legato, Psycho. Davvero ottimo il cast coinvolto, partendo da Anthony Hopkins nel ruolo di Hitchcock, seguito da Helen Mirren, Scarlett Johansson, Jessica Biel e Toni Colette.
ATTESA WELTALL 70%

Qui il mio non è un pregiudizio, dal momento che l’ho già visto. La parte migliore del film è sicuramente il cast, con la Mirren, Hopkins e la Johansson su tutti. Ma il regista riesce solo a sprazzi ad interessarci alla storia, indeciso com’è tra il ritratto del genio e delle sue manie e il racconto della crisi matrimoniale tra Hitch e la moglie durante le riprese di Psycho. Ne esce un film gradevole ma nulla più.
ATTESA KUSA 65%

.

bullettotheheadJIMMY BOBO – BULLET TO THE HEAD di Walter Hill

Ok, è uno dei titoli più ridicoli a memoria d’ uomo, non si discute. E tenete presente che é stato scelto attraverso un sondaggio on line dove il vincitore era di gran lunga superiore alle altre opzioni. Peró il ritorno in sala di Walter Hill é personalmente il mio film della settimana anche perché vanta come protagonista un Sylvester Stallone che, dopo Schwarzenegger e Willis, trova il suo spazio da “solista” dopo il progetto Expendables. Tratto da una graphic novel, la pellicola vede il nostro, assassino a pagamento, allearsi con un poliziotto per vendicarsi di un gruppo di malavitosi che vogliono fare la pelle ad entrambi.
ATTESA WELTALL 80%

E qui caro collega, come già detto in precedenza, le nostre strade si dividono in maniera plateale. Anche perchè, diciamocelo, io di Stallone a parte i primi Rocky e Rambo non sono mai stato un grande fan. Quindi figuriamoci un po’ cosa mi può interessare un suo ritorno sulle scene da protagonista a un’età in cui Sly per me sarebbe ampiamente pensionabile…
ATTESA KUSA 0%
.

Consigli per gli acquisti.

.

amourAMOUR (DVD già disponibile dal 03/04/13)

Ecco l’ occasione ghiottissima per recuperare uno dei film più importanti del 2012, Palma d’ Oro all’ ultimo Festival di Cannes, ingiustamente snobbato da sale e multisala maggiormente orientati verso titoli più commerciali. E se c’è una cosa che il cinema di Haneke non è, quella è proprio “commerciale”. Il suo è un cinema difficile, doloroso, che non fa sconti e forse per questo è difficile dimenticarsi dei suoi film anche dopo mesi dalla visione. La Cecchi Gori porta nei negozi un’ edizione ordinaria ma completa, anche negli extra.
* DVD * VIDEO: 1.85:1 anamorfico – AUDIO: Ita / Fra Dolby Digital 5.1 – SOTT: Ita non udenti – EXTRA: Estratto, Introduzione, Making of, Trailer – REGIONE: 2
ACQUISTO: CONSIGLIATO

.

vitadipiVITA DI PI (DVD, BD e BD 3D disponibile dal 04/04/2013)

Il film di Ang Lee ha vinto ben quattro premi Oscar. Se ora foste qui vicino a me avreste sentito anche una sonora pernacchia. Non bisogna mai dare troppa importanza ai premi distribuiti dall ‘Academy ma pare comunque che Vita di Pi sia stato un tantino sopravvalutato (cosa che accade spesso con il cinema del regista taiwanese). Non si tratta comunque di un brutto film, anzi è assolutamente consigliata la visione per delle riflessioni sulla fede davvero molto importanti e che lasciano decisamente il segno, molto più profondo del tanto celebrato aspetto visivo che a volte pare fine a se stesso. Davvero complete le edizioni home video in particolar modo quella Bluray contenente sia la versione 3D che quella 2D (che per la natura del film è anche quella maggiormente consigliata)
* DVD * VIDEO: 1.85:1 anamorfico – AUDIO: Ita / Ing / Fin / Sve Dolby Digital 5.1 – SOTT: Ita / Ing / Fin / Sve – EXTRA: Straordinaria visione, Trailer – REGIONE: 2
ACQUISTO: CONSIGLIATO CON RISERVA
* BLURAY * VIDEO: 1.85:1 anamorfico 1080p – AUDIO: Ita / Fra / Ola / Gia / Fia / Dan / Fin / Sve / Man DTS 5.1, Ing DTS HD 7.1 – SOTT: Ita / Ing / Fra / Ola / Gia / Dan / Fin / Nor / Sve / Man / Ara – EXTRA: Epica avventura di un regista, Straordinaria visione, Esperienza tra gli effetti speciali, Galleria, Storyboard, Trailer – ZONA: B
ACQUISTO: CONSIGLIATO
* BLURAY 3D * VIDEO: 1.85:1 anamorfico 1080p – AUDIO: Spa / Por Dolby Digital 5.1, Ita / Gia DTS 5.1, Ing DTS HD 7.1 – SOTT: Ita / Ing / Spa / Gia / Por – EXTRA: Scene tagliate, Progressione effetti visivi, Epica avventura di un regista, Straordinaria visione, Esperienza tra gli effetti speciali, Galleria, Storyboard, Trailer – ZONA: B
ACQUISTO: CONSIGLIATO
.
.

625