Aperitivo a Grado
facebook


Cine20 lo potete leggere tutti i giovedì ed è curata da Matteo “Weltall” Soi dalle pagine del blog weltallsworld.blogspot.com e dal blogger-seriale Kusa direttamente da lavitaenientaltro.wordpress.com. Una coppia inedita disposta a tutto pur di mettere la loro esperienza di cine-blogger e cinefili non professionisti per una rubrica alla portata di tutti, libera e accessibile, che spazia da brevi recensioni fino alle uscite home-video, senza dimenticare le doverose segnalazioni sui film in sala, il tutto corredato da un sistema di valutazione facile ed immediato. Detto questo, andiamo a cominciare.

.
Al cinema e non solo.

.
LAWLESS di John Hillcoat

Dopo essersi confrontato con il monumentale romanzo di Cormack McCarty, The Road, finendo forse schiacciato dal peso di un testo non facilissimo da trasporre sul grande schermo, John Hillcoat torna con un nuovo film ancora una volta tratto da un opera letteraria “La Contea Più Fradicia del Mondo” di Matt Bondurant. Ambientato nella contea di Franklin in Louisiana durante il proibizionismo alla fine degli anni ’30, la storia racconta delle vicende realmente accadute riguardanti i fratelli Bondurant, parenti dell’ autore, produttori e distributori di alcolici con il beneplacito delle forze dell’ ordine locali. Tutto cambia quando un nuovo procuratore distrettuale decide di entrare nel giro portandosi dietro un ambiguo e spietato vice-sceriffo. Con un background così affascinante, già abbondantemente utilizzato in ambito cinematografico, ci si aspettava che Lawless imboccasse una strada precisa cosa che, con gran sorpresa ed una pizzico di disappunto non succede, anzi. Il film di John Hillcoat si ferma esattamente a metà, tra il più classico film di gangster ed il western. Rimane li, immobile, forse per l’ incapacità del regista di dargli un’ impronta decisa e riconoscibile. Si limita, a conti fatti, a svolgere il compito che gli viene assegnato senza che da questo emergano elementi che imprimano nella memoria questa o quella sequenza specifica, se si esclude una certa esplicitazione della violenza, spesso e volentieri insistita e dettagliata. Ma al di la di questi elementi, che possono far pensare a Lawless come ad un film piatto e trascurabile, vanno segnalate le cose che invece funzionano a dovere: tanto per cominciare la particolarità della ambientazione, che racconta il proibizionismo vissuto lontano dalle grandi città, in quelle piccole realtà di provincia dove era più facile nascondere le distillerie illegali e dove la violenza era prerogativa della Legge quanto del crimine. C’è poi una scrittura per lo schermo, parecchio azzeccata nei tempi, che rende la progressione narrativa incalzante e priva di letali momenti di stanca. Ultima, ma forse anche più importante, l’ apporto dato dall’ ottimo cast presente, partendo da un Gary Oldman po’ troppo sacrificato a l’ ennesima interpretazione “fisica” di Tom Hardy, dalla bella Jessica Castain fino ad un Guy Pierce trasformato in un villain cattivissimo e dall ‘aspetto davvero inquietante.
GRADIMENTO WELTALL 60%

.
Brevemente in sala.

.
LA BICICLETTA VERDE di Haifaa Al-Mansour

Ryadh capitale saudita. Il desiderio innocente di una bambina di 10 anni, di possedere una bicicletta verde vista in un negozio si scontra con l’ ottusa mentalità di una società che vede, perfino in un comunissimo mezzo di trasporto, un attentato alla virtù delle donne. Ma i desideri di una bambina non sono qualcosa che può essere soffocato così facilmente e quindi Wadjda, questo il nome della giovane protagonista, decide di trovare il modo di guadagnarsi da sola i soldi necessari a comprarsi la bicicletta, bypassando l’ ostruzionismo dei genitori. Al di la del fatto che il film possa essere riuscito o meno, è importante che il cinema usi il suo linguaggio per raccontare una storia comune, il sogno di un bambino contro l’ ottusa e retrograda negazione delle più basilari libertà personali.
ATTESA WELTALL 60%

Ho ancora fresco il ricordo di quel piccolo gioiello che è Persepolis, e da come la descrivi questa pellicola un po’ me lo ricorda,  anche se probabilmente è una storia più intimistica. Penso però che a volte i film d’animazione abbiano una forza e una capacità di raccontare la realtà migliore di quelli live, anche se questo pare degno di nota. Ammetto comunque  (ed è un mio limite, me ne rendo conto) che il mio interesse  per le pellicole di certe nazionalità è veramente a livelli minimi
ATTESA KUSA 30%

.
DIANA VREELAND – L’ IMPERATRICE DELLA MODA
di Lisa Immordino Vreeland, Frédéric Tcheng, Bent-Jorgen Perlmutt

Documentario presentato a Venezia 2011 e dedicato a quella che fu considerata un vero e proprio “arbitro d’ eleganza”. E ‘sti ca…
ATTESA WELTALL  0%

Un bel echissene qua non ce lo toglie nessuno
ATTESA KUSA 0%

.
.
GRANDI SPERANZE di Mike Newell

Mike Newell è uno che in fondo ci piace. Ha fatto quel piccolo gioiellino british che è Quattro Matrimoni e un Funerale ed è anche riuscito ad avere nello stesso film Al Pacino e Johnny Depp per il bel Donnie Brasco. Negli anni si è poi dedicato anche ad altri progetti più grossi e commerciali, come Harry Potter e la trasposizione del videogioco Prince of Persia. Per il bicentenario della nascita di Charles Dickens lo troviamo alle prese con l’ adattamento di Grandi Speranze ed un cast che conta due grandi nomi come Ralph Fiennes e Helena Bonham Carter. Magari sul film non nutriamo proprio “grandi speranze” ma un minimo di interesse glielo possiamo anche dimostrare.
ATTESA WELTALL 60%

Nell’anno del bicentenario della nascita di Charles Dickens arriva sul grande schermo  il secondo adattamento di Great Expectations in poco meno di un anno, dopo  la bella miniserie in tre parti  andata in onda sulla BBC lo  scorso Natale, e sinceramente dalle mie  parti la curiosità per questa pellicola è alta.  Foss’anche solo per godersi  il duello a distanza tra le due attrici che interpretano la folle Mrs Havisham, rispettivamente  Gillian “Scully” Anderson per la miniserie della BBC ed Helena Bonham “Bellatrix” Carter per il film di Newell . Se poi aggiungiamo che nel ruolo di Estella c’è la bellezza rinascimentale di  Hollyday Grainger,  nota al pubblico delle serie tv anglofone per il  sensuale ruolo di Lucrezia Borgia in The Borgias della Showtime, ahimè ancora inedita in Italia, direi proprio che i motivi per un passaggio al cinema ci sono tutti.
ATTESA KUSA 70%

.
THE GREY di Joe Carnahan

Volete sapere il nome di un regista davvero sopravvalutato? Joe Carnahan. Joe Carnahan è uno di quelli che si è messo sulla scia dei vari Tarantino e Guy Ritchie quando ormai era già troppo tardi, tirando fuori un filmetto come Smokin’ Aces e deludendo molto, soprattutto chi si aspettava qualcosa di più dopo il bel Narc. Poi si è occupato della brutta e totalmente sbagliata versione cinematografica della storica serie tv A-Team attirandosi definitivamente tutte le mie antipatie. Ora torna con una storia che vede protagonista un Liam Neeson nei panni di una sorta di Bear Grylls che, invece di bere pipì, prende a pizze in faccia i lupi per salvare se stesso ed uno sparuto gruppo di sopravvissuti ad un disastro aereo.
ATTESA WELTALL 0%

Sarò sincero: a me Liam Neeson quando fa certi ruoli nei film d’azione o d’avventura proprio non mi attira, secondo me è adatto per film drammatici o per commedie, ma l’action man proprio non è il suo ruolo.
ATTESA KUSA 0%

.
JABAL – ALI DI GHIACCIO di Filippo Arlotta, Salvo Campisano

Film italiano su due amici che vanno sul monte Etna per cercare un misterioso animale ma arrivati li succedono cose brutte. Spetterà ad un commissario di polizia ricostruire l’ accaduto. Detta così può sembrare pure interessante, poi ho visto il trailer e mi ha preso male. Malissimo.
ATTESA WELTALL e KUSA 0%

.
MOONRISE KINGDOM di Wes Anderson

Per quel che mi riguarda attendo ogni film di Wes Anderson con quella gioia paragonabile solo al Natale per i più piccoli. I suoi film sono effettivamente come un regalo che ti fa brillare gli occhi fin dalla confezione e ti lasciano sopraffatto dalla meraviglia una volta guardato al loro interno. Spesso viene tacciato di manierismo eppure il suo stile così riconoscibile, le sue carrellate laterali, i colori, i personaggi, sono quasi una firma che non può essere certo messa da parte per far contento qualche critico saccente. In questo suo nuovo film, già uscito praticamente ovunque nel mondo, racconta una delicata storia d’ amore tra adolescenti ambientata negli anni ’60. Vista l’attenzione riposta dalla Lucky Red nella promozione del film, possiamo aspettarci per una volta una distribuzione all’ altezza?
ATTESA WELTALL 100%

Ahimè, come ben sai caro collega  la mia opinione su Wes Anderson differisce dalla tua e non di poco, quindi mi posso solo augurare per solidarietà che la distribuzione sia all’altezza, limitandomi a commentare che SEI mesi SEI di ritardo rispetto all’uscita statunitense sono uno SCANDALO.  Metterò un giudizio di incoraggiamento per la presenza  di Bruce Willis, di Edward  Norton, di Frances McDormand  e di Tilda Swinton, e poi perchè  sto recuperando Pushing Daisies (bellissima!!!) e quindi sono  in pieno trip  da favola surreale e da personaggi strambi.
ATTESA KUSA 50%

.
RITORNO AL FUTURO di Robert Zemeckis

C’è davvero bisogno di parlare di questo film? Davvero? Ennesima occasione per vederlo in sala, se non l’ avete già fatto o se non ne avete mai avuto l’ occasione.
ATTESA WELTALL 70%

Doc !!! Marty McFly !!! Il flusso canalizzatore!!! Lewis Strauss !!! Il Moncler !!!  Huey Lewis and the News !!! Ommioddio, avevo vent’anni quando l’ho visto la prima volta, ma sono proprio veeeecchio !!!
ATTESA KUSA 100%

.
RUBY SPARKS di Jonathan Dayton, Valerie Faris

Ma vi ricordate di Little Miss Sunshine, piccolo film che raccontava di una famiglia di outsiders problematici (figlio muto per scelta, zio gay e aspirante suicida, nonno sboccato e dedito all’ uso di stupefacenti) che si mettevano in viaggio per permettere alla figlia più piccola di partecipare al concorso di Piccola Miss California? Io si e a distanza di anni continua a dimostrasi un prodotto intelligente ma allo stesso tempo divertente e commovente. Ora la coppia di registi torna con un nuovo film che racconta di un giovane scrittore che dopo aver raggiunto rapidamente il successo affronta il sopraggiunto blocco dello scrittore provando ad immaginare la donna dei suoi sogni. Solo che questa si materializza poi nel mondo reale.
ATTESA WELTALL 80%

Stavolta vado sulla fiducia, anche perchè Little Miss Sunshine era delizioso: l’unico problema è che da lì in poi si è creato una sorta di “Sundance Style” per i film indipendenti che spero non abbia influenzato anche chi ha contribuito a far nascere il filone.
ATTESA KUSA 60%

.
SCUSA MI PIACE TUO PADRE di Julian Farino

Il modo osceno con il quale vengono spesso titolati i film stranieri in Italia crea una sorta di antipatia pregiudizievole verso questi ultimi. Non si dovrebbe fare ma è così. Il fim di Farino racconta di due famiglie molto amiche che cercano di far “avvicinare” i rispettivi figli solo che lei si innamora del figlio di lui e la loro tresca, una volta venuta a galla creerà tutta una serie di situazioni che, mi immagino, saranno anche il motore della vena comica del film. Cast anche interessante (Hugh Laurie e Catherine Keener alcuni dei nomi presenti) ma quel titolo li proprio non lo riesco a digerire, scusate.
ATTESA WELTALL 40%

Caro collega mi meraviglio di te ! Sai bene che in questi casi bisogna concentrarsi sul titolo originale, che in questo caso è  The Oranges, e francamente una commedia con un cast come questo,  proveniente praticamente per intero dal mondo delle serie tv,  non mi può non attirare : Hugh Laurie sappiamo tutti quanti che è quel gran simpaticone di House, ma qui  ci sono  anche la brava Allison Janney, ovvero CJ Cregg di The West Wing, il simpatico Oliver Platt,  ovvero l’avvocato Babish di The West Wing nonchè  Paul  di The Big C, Adam  Brody , ovvero Seth di The O.C., per finire con la protagonista Leighton Meister, alias Blair Waldorf di Gossip Girl.
ATTESA KUSA 70%

.
SI PUO’ FARE L’ AMORE VESTITI? di Donato Ursitti

Sessuologa in un piccolo paese della Puglia. Argomento tabù in una piccola comunità piena di pregiudizi. Già rido.
ATTESA WELTALL 0%

E io con te
ATTESA KUSA 0%

.
TROPPO AMICI di Olivier Nakache, Éric Toledano

I registi di Quasi Amici tornano con il loro nuovo film con il quale sperano di bissare il successo (meritato? Non meritato? E che ne so, io neanche l’ ho visto) del precedente. Veramente ci sperano di più i distributori italiani del film che hanno scelto ad arte un titolo che richiamasse alla memoria del pubblico boccalone la pellicola del 2011. Qui si racconta la storia di una famiglia allargata, allargatissima che…che…no, facciamo una cosa: guardatevi il trailer e ditemi se non vi fa venire anche a voi un gran mal di testa.
ATTESA WELTALL 0%

Quasi Amici pare fosse veramente bello, almeno così mi dicono. Per motivi personali e per la mia idiosincrasia per i film francesi (ovvero non li posso reggere) non ci ho neanche provato a guardarlo.  Di questo francamente non essendo spinto dall’effetto scia dell’altro non me ne frega nulla. Probabilmente per una volta aspetterò per entrambi  la versione USA, visto che già stanno facendo quella di Quasi Amici. O magari anche no.
ATTESA KUSA 0%

.
VORREI VEDERTI BALLARE di Nicola Deorsola

Altro film italiano e (indovinate un po’) altra storia d’ amore, difficile, tra due adolescenti. Lei affetta da disturbi alimentari, lui convinto di poterla aiutare a guarire sottraendola alle cure del padre psichiatra. Perchè, quando c’è l’ amore, a che serve una laurea?
ATTESA WELTALL e KUSA 0%

.
Consigli per gli acquisti.

.
LA CONGIURA DELLA PIETRA NERA
(DVD e BD già disponibili dal 04/12/12)

Una delle realtà più interessanti per gli amanti dell’ home video e del cinema orientale, è certamente la collana di film proposti dalla Far East Film su distribuzione Cecchi Gori. E’ il turno questa volta del film di Chao Bin-Su diretto a quattro mani con John Woo, La Congiura della Pietra Nera, wu-xia classico e allo stesso tempo molto particolare. Sempre attente al dettaglio tecnico le due edizioni DVD e Bluray.
* DVD * VIDEO: 2.35:1 ananorfico – AUDIO: Ita / Man Dolby Digital Stereo 2.0, Ita / Man Dolby Digital 5.1 – SOTT: Ita / Ita non udenti – EXTRA: Trailers, Making Of – REGIONE: 2
ACQUISTO: CONSIGLIATO
* BLURAY * VIDEO: 2.35:1 anamorfico 1080p – AUDIO: Ita / Man Dolby Digital Stereo 2.0, Ita / Man Dolby Digital 5.1, Ita / Man DTS HD 5.1 – SOTT: Ita / Ita non udenti – EXTRA: Trailers, Making Of – ZONA: B
ACQUISTO: CONSIGLIATO CON RISERVA

.
C’ERA UNA VOLTA IN AMERICA – EDIZIONE ESTESA
(DVD e BD già disponibili dal 04/12/12)

Se siete tra quelli che non hanno mai comprato la prima edizione speciale proposta dalla Warner ormai diversi anni fa, eco due motivi per la quale questa nuova uscita dedicata al capolavoro di Sergio Leone è davvero appetibile: innanzitutto contiene la versione restaurata del film ed integrata di quasi venticinque minuti di sequenze inedite non presenti nel montaggio originale. In secondo luogo, dopo maledizioni lanciate a gran voce da tutta l’ utenza italiana, è presente finalmente la traccia audio italiana con il doppiaggio storico ed indimenticato.
* DVD * VIDEO: 1.85:1 anamorfico – AUDIO: Ita Dolby Digital 1.0, Ing Dolby Digital 5.1 – SOTT: Ita non udenti / Ing non udenti – EXTRA: n.d. – REGIONE: 2
ACQUISTO: CONSIGLIATO
* BLURAY * VIDEO: 1.78:1 anamorfico 1080p – AUDIO: Ita Dolby Digital 1.0, Ita / Ing Dolby Digital 5.1 – SOTT: Ita / Ing – EXTRA: n.d. – ZONA: B
ACQUISTO: CONSIGLIATO

.
COSMOPOLIS (DVD e BD già disponibili dal 04/12/12)

Cine20 ha decretato, in sede di classifica, l’ ultimo film di David Cronenberg tra le cose migliori viste nella passata stagione cosa che lo porterà ad essere anche tra i migliori film dell’ anno. Inutile sottolineare però quanto il film abbia diviso e risulta pertanto davvero difficile consigliarne l’ acquisto a meno che non siate dei fan sfegatati del regista canadese. In ogni caso l’ edizione DVD è più che sufficiente.
* DVD * VIDEO: 1.85:1 anamorfico – AUDIO: Ita / Ing Dolby Digital 5.1 – SOTT: Ita non udenti – EXTRA: B-roll, Interviste, Trailer – REGIONE: 2
ACQUISTO: CONSIGLIATO
* BLURAY * VIDEO: 1.85:1 anamorfico 1080p – AUDIO: Ita / Ing DTS HD 5.1 – SOTT: Ita non udenti – EXTRA: B-roll, Interviste, Trailer – ZONA: B
ACQUISTO: CONSIGLIATO CON RISERVA

.
IL CAVALIERE OSCURO – IL RITORNO
(DVD e BD già disponibili dal 04/12/12)

Ecco un altro film che ha diviso. Molto diviso. A differenza di quello di Cronenberg però, qui sono state le gigantesche aspettative a cogliere in tanti completamente impreparati perchè in fondo, Il Cavaliere Oscuro – Il Ritorno, per quanto non sia all’ altezza del film precedente, è comunque la conclusione perfetta di una trilogia che, non solo ha rilanciato al figura cinematografica di Batman, ma l’ idea stessa del cinecomix hollywoodiano. Davvero interessanti le edizioni proposte da Warner, in particolar modo quella in doppio Bluray che, oltre alla copia digitale e ad un poster, potrete trovare anche con un comic book all’ interno.
* DVD * VIDEO: 2.40:1 anamorfico – AUDIO: Ing Dolby Digital Stereo 2.0, Ita / Ing Dolby Digital 5.1 – SOTT: Italiano non udenti / Inglese non udenti – EXTRA: n.d. – REGIONE: 2
ACQUISTO: CONSIGLIATO CON RISERVA
* BLURAY * VIDEO: 2.40:1 anamorfico 1080p – AUDIO: Ita / Fra / Spa / Ted / Tai / Ing non vedenti Dolby Digital 5.1, Ing DTS HD 5.1 – SOTT: Ita non udenti / Ing non udenti / Ted non udenti / Sve / Spa / Fra / Dan / Ola / Fin / Nor / Tai / Ind / Can / Man / Cor / Isl – EXTRA: La Batmobile, “Finire il Cavaliere” Making of, 4 Trailer, Galleria di immagini promozionali – ZONA: B
ACQUISTO: CONSIGLIATO
.
.

731