Aperitivo a Grado
facebook

Cine20 lo potete leggere tutti i giovedì ed è curata da Matteo “Weltall” Soi dalle pagine del blog weltallsworld.blogspot.com e dal blogger-seriale Kusa direttamente da lavitaenientaltro.wordpress.com. Una coppia inedita disposta a tutto pur di mettere la loro esperienza di cine-blogger e cinefili non professionisti per una rubrica alla portata di tutti, libera e accessibile, che spazia da brevi recensioni fino alle uscite home-video, senza dimenticare le doverose segnalazioni sui film in sala, il tutto corredato da un sistema di valutazione facile ed immediato. Detto questo, andiamo a cominciare…
.
.

Al cinema e non solo.

.

laviedadeleLA VITA DI ADELE di Abdellatif Kechiche

Anche se il titolo non potrebbe essere più esplicativo di così, l’ ultimo film di Abdellatif Kechiche, premiato con la Palma d’ Oro a Cannes 2013, è un racconto di vita nel quale si racconta la fine dell’ adolescenza e l’ ingresso nell’ età adulta della sua protagonista, Adele. L’ approccio scelto dal regista è quello di uno sguardo intimo, spesso insistito fino al voyeurismo, per immergere lo spettatore all’ interno di macro sequenze, lunghe, quasi interminabili, che con grande coerenza esplorano tanto la quotidianità quanto la sfera più intima della vita di coppia tra Adele e la sua compagna Emma. Una scelta di sceneggiatura non immediata ma efficace che compensa le ellissi narrative che separano i frammenti l’ uno dall’ altro, con la straordinaria capacità di catturare gli attimi, l’ esplodere dei sentimenti che si percepisce anche dalla minima espressione sui volti dei protagonisti. Un particolare che denota una importante direzione d’attori ma soprattutto l’ incredibile bravura di Adèle Exarchopoulos e Léa Seydoux che ci regalano due interpretazioni talmente naturali da rendere difficile percepire dove finisce l’ attrice e comincia il personaggio. Tratto dalla graphic novel “Le Bleu est une couleur chaude”, La vita di Adele è anche e soprattutto un film sull’ amore, sulla straziante consapevolezza di non poterne svelare i misteri ma al massimo accettare il naturale percorso, la nascita, la crescita e anche l’ inevitabile fine.
GRADIMENTO WELTALL 80%

.

Brevemente in sala (a cura di Weltall).

.

lajauladeoroLA GABBIA DORATA di Diego Quemada-Diez

Tre adolescenti guatemaltechi in viaggio dal loro Paese verso gli Stati Uniti nella speranza di trovare una vita migliore. Il film d’ esordio di Diego Quemada-Diez, presentato anche all’ ultimo Festival di Cannes, riporta sotto i riflettori il mito immortale del sogno americano, vera speranza per il futuro, spesso infranto contro la cruda realtà. Interessante il fatto che questa tematica venga affrontata dal punto di vista di personaggi giovani quasi come se fossero loro i nuovi migranti.
ATTESA WELTALL 50%

Mi hai perso a guatemaltechi. Sbadiglio.
ATTESA KUSA 0%

.

jeuneetjolieGIOVANE E BELLA di Francois Ozon

Il nuovo film del regista francese Ozon, anch’esso presentato quest’ anno a Cannes, si propone di investigare l’ intimità di una giovane adolescente esplorando in particolar modo la sua vita sessuale, attiva ma totalmente priva di qualsiasi sentimento tanto che, dopo il suo primo rapporto sessuale all’età di diciassette anni, decide con estrema fermezza di prostituirsi. Tematiche difficili (adolescenza e sesso) da trattare, ma soprattutto da far convivere con armonia. I bravi registi ci riescono quindi ci sono buone speranze.
ATTESA WELTALL 60%

Cioe’, vorresti dirmi che dovrei dar fiducia ad un ALTRO film francese basandomi SOLO sul tuo giudizio, caro collega? Massi’ dai, perche’ no…
ATTESA KUSA 55%

.

machetekillsMACHETE KILLS di Robert Rodriguez, Ethan Maniquis

Ecco come stanno le cose: Machete era un ottimo ed insuperabile “fake” trailer che accompagnava quella divertentissima operazione di coppia portata in sala qualche anno fa da Tarantino e Rodriguez per omaggiare il cinema “grindhouse”. Machete film era un’ altra cosa. Brodo allungato a voler essere buoni, o forse semplicemente arrivava in sala con ritardo quando l’ interesse per Death Proof e Planet Terror era già scemato. Parere mio ovviamente, ma in sintesi l’ interesse per questo annunciatissimo sequel è poco.
ATTESA WELTALL 40%

A parte Sofia Vergara e le sue tette armate, davvero poco interesse per il seguito di un film che, pur avendone avuto l’occasione a portata di telecomando, non ho visto. Un motivo ci sara’ stato.
ATTESA KUSA 0%

.

planesPLANES di Klay Hall

Dopo le macchine anche gli aerei. Certo, la firma della Pixar non c’è ma il nuovo film Disney si ispira apertamente al mondo delle automobili animate di Lasseter e soci. Quasi sicuramente un prodotto dedicato per il pubblico di giovanissimi ai quali, ahinoi, non apparteniamo più da un bel po’. Un giro in aereo lo si potrebbe pure fare, a patto di avere con se’ figli o nipotini.
ATTESA WELTALL 30%

Ah non e’ Pixar? Pensavo proprio di si’. Comunque il film ha ricevuto critiche a dir poco orrende in USA, dove peraltro e’ uscito 3 mesi fa. Dopo i sequel e i prequel siamo arrivati anche gli spin-off… sara’ mica che anche i film d’animazione stanno cominciando a raschiare il fondo del barile?
ATTESA KUSA 0%

.

prisonersPRISONERS di Denis Villeneuve

Prima fatica targata “Hollywood” per il regista franco-canadese Denis Villeneuve che si trova subito per le mani uno script bello tosto ed un cast di ottimi nomi: alcune bambine vengono rapite, un poliziotto indaga sul caso e  trova il colpevole in un ragazzo mentalmente disturbato. Al padre di una delle bambine però non basta l’ apporto delle forze dell’ordine e decide di farsi la sua personale giustizia. E’ proprio la questione morale che il film pone ad alzare di un bel po’ l’asticella dell’interesse.
ATTESA WELTALL 70%

Non so chi sia Denis Villeneuve, ma so benissimo chi sono Jake “Donnie Darko” Gyllenhaal e Hugh “Wolverine” Jackman: due degli attori che preferisco tra quelli attualmente in circolazione. Percio’, visto anche il trailer, dichiarerei con tutta tranquillita’ Prisoners come il film della settimana.
ATTESA KUSA 70%

.

questioneditempoQUESTIONE DI TEMPO di Richard Curtis

Commedia romantica che si miscela al ramo “time-traveling” della più classica science fiction. E’ questo il curioso mix che propone Richard Curtis, regista di film come Love Actually e The Boat That Rocked, ma famoso soprattutto per aver scritto alcune delle commedia romantiche “british” più famose degli ultimi vent’anni (Quattro Matrimoni e un Funerale, Notting Hill, Bridget Jones ecc.). Insomma, non è certo sguarnito di frecce al suo arco.
ATTESA WELTALL 60%

Fatto curioso, Rachel McAdams ha gia’ recitato in una storia romantica con viaggi nel tempo, ovvero The Time Traveler’s Wife (Un amore all’improvviso), di cui ho pessimi ricordi, quasi tutti legati ad Eric Bana. Qui pero’ il film e’ british, si svolge tra la Cornovaglia e Londra, e c’e’ dentro quel simpatico mattacchione di Bill Nighy nel ruolo del padre/mentore del protagonista (che abbiamo gia’ visto in un piccolo ruolo nella mitica serie british Black Mirror). Poi come ha gia’ detto il mio informato collega il regista e’ uno che con le commedie ci sa decisamente fare, percio’ penso proprio che un occasione gliela daro’.
ATTESA KUSA 60%

.

somethinggoodSOMETHING GOOD di Luca Barbareschi

E’ un film di Luca Barbareschi con Luca Barbareschi. E già letto questo dovreste essere tutti in fila in farmacia per comprare una pomata per le emorroidi. Ma se non vi basta e volete farvi ancora più male, provate con il sale al posto della pomata. Oppure sappiate che il film parla di un traffico internazionale di alimenti adulterati di cui, prima il personaggio di Barbareschi è artefice, poi si pente e prova a metterci una pezza. Ma i soldi per fare sto film chi glieli ha dati? E soprattutto, non potevano destinarlo solo per la televisione? Perchè la qualità pare quella, intendiamoci.
ATTESA WELTALL 0%

Ma soprattutto, quei soldi non potevano darli a me che mi facevo una bella vacanza?
ATTESA KUSA 0%

.

unweekenddabamboccioni2UN WEEKEND DA BAMBOCCIONI 2 di Dennis Dugan

Seguito inutile di un film altrettanto inutile di qualche anno fa. La più classica e trascurabile commedia americana su alcuni adulti che si rifiutano di crescere dove spicca un cast ricco di attori intenzionati solo ad incassare il proprio cachet.
ATTESA WELTALL 0%

I bamboccioni italiani, si sa, sono tutti a vedere Checco Zalone 3. Inutile Inutile Inutile.
ATTESA KUSA 0%

.
.

wolfchildrenWOLF CHILDREN di Mamoru Hosada (solo il 13 Novembre)

Altro film d’animazione giapponese che arriva nelle nostre sale grazie al prezioso contributo della Nexo Digital e della Dynit, com’era gia’ successo in settembre per l’evento Evangelion, anche se qui siamo in tutt’altro genere. Infatti Wolf Children e’ una fiaba moderna di due bambini, Ame e Yuki, apparentemente normali ma che in realta’ sono figli di un umana e di un licantropo. Il regista e’ quello di Summer Wars e La Ragazza che saltava nel tempo, il che promette bene, anche se la storia sembra un po’ troppo pucciosa per i miei gusti.
ATTESA KUSA 75%

Ennesima ottima scelta della Nexo Digital che sceglie di supportare ancora i film d’ animazione giapponesi con un autore che personalmente mi piace assai!!!
ATTESA WELTALL 70%

.

Consigli per gli acquisti.

.

tulpaTULPA (DVD e BD già disponibili dal 06/11/13)

L’ unica uscita di rilievo della settimana è rappresentata dal terzo film di Federico Zampaglione, unico regista italiano che sembra in grado di rifarsi al cinema “bis” italiano senza rimanerne fagocitato ma anzi dimostrando una grande capacità di infondere nei suoi progetti un tocco personale. Come per Shadow, anche Tulpa può vantare una doppia edizione, DVD e Bluray. Peccato per la mancanza di sottotitoli in inglese, dettaglio che avrebbe reso il prodotto facilmente esportabile in quei mercati particolarmente interessati al cinema italiano di genere.
* DVD * VIDEO: 2.35:1 anamorfico – AUDIO: Ita Dolby Digital 5.1 – SOTT: Ita non udenti – EXTRA: Making of, Trailer, Galleria fotografica – REGIONE: 2
ACQUISTO: CONSIGLIATO
* BLURAY * VIDEO: 2.35:1 anamorfico 1080p – AUDIO: Ita DTS HD – SOTT: Ita non udenti – EXTRA: Making of, Trailer, Galleria fotografica – ZONA. B
ACQUISTO: CONSIGLIATO
.
.
.

579