Aperitivo a Grado
facebook

Cine20_1 Cine20 lo potete leggere tutti i giovedì ed è curata da Matteo “Weltall” Soi dalle pagine del blog weltallsworld.blogspot.com e dal blogger-seriale Kusa direttamente da lavitaenientaltro.wordpress.com. Una coppia inedita disposta a tutto pur di mettere la loro esperienza di cine-blogger e cinefili non professionisti per una rubrica alla portata di tutti, libera e accessibile, che spazia da brevi recensioni fino alle uscite home-video, senza dimenticare le doverose segnalazioni sui film in sala, il tutto corredato da un sistema di valutazione facile ed immediato. Detto questo, andiamo a cominciare.
.

Al cinema e non solo.

.

ilcapitaleumanoIL CAPITALE UMANO di Paolo Virzì

.
La quantità di critiche (e non si includono certe quelle strettamente legate al campo cinematografico) che riceve un film in grado di parlare del nostro disastrato Paese mettendone in luce quegli aspetti che si preferirebbero nascondere come polvere sotto ad un tappeto è direttamente proporzionale alla sua importanza. Il Capitale Umano di Paolo Virzì rientra in questa categoria in quanto riesce a fare un ritratto attuale di un Italia sull’orlo del fallimento attraverso una sceneggiatura che, adattata dal romanzo omonimo di Stephen Amidon, incastra le storie di tre personaggi le cui vicende sono strettamente collegate le une con le altre. Tutto parte da un ciclista investito da un SUV e lasciato moribondo sul ciglio della strada, per passare a raccontare le vicende di Dino e al suo avido desiderio di arricchirsi “facilmente” con i fondi fiduciari per entrare a far parte di un mondo che per estrazione sociale non gli appartiene. C’è poi Carla, che ha rinunciato alla possibilità di diventare un attrice teatrale per la comoda ma vuota vita di moglie di un ricco uomo d’ affari, e Serena, figlia di Dino, vero punto di rottura con questo mondo dove tutto è capitalizzato, anche la vita umana. L’ intreccio funziona anche se non tutti i capitoli hanno la stessa forza come, ad esempio, quello di Serena che, nonostante funga da raccordo definitivo per sbrogliare gli eventi dietro il ciclista investito, non risulta altrettanto incisivo nel portare al film ulteriori elementi per le riflessioni già imbastite. Stesso discorso per i personaggi, straordinariamente funzionali, anche quelli secondari, mentre alcuni rappresentati in maniera talmente eccessiva da risultare quasi caricaturali. Per il resto Il Capitale Umano rappresenta esattamente quel che vorremo vedere sempre più spesso nel cinema italiano, film anche imperfetti ma ben diretti e altrettanto recitati, capaci anche di affrontare temi che colpiscono senza remore dove fa male.
GRADIMENTO WELTALL 65%

.

Brevemente in sala.

.

angrygameslaragazzaconluccellodifuocoANGRY GAMES – LA RAGAZZA CON L’ UCCELLO DI FUOCO
di Jason Friedberg, Aaron Seltzer

.
Considerato l’ enorme successo del film, era lecito aspettarsi l’ arrivo, in tempo di record, della parodia demenziale di Hunger Games. Il titolo italiano dovrebbe farci sbellicare ma invece fa solo tristezza. Poi se qualcuno mi spiega perche questi film sono sempre diretti in coppia, sono pure contento.
ATTESA WELTALL 0%

Piu’ che tristezza il sottotitolo e’ una vergogna bella e buona, ma tanto dopo capolavori di finezza come Tre Menti sopra il Pelo e Lo Spaventapassere, di cosa ci meravigliamo? Per non parlare del fatto  che oltretutto  ci troviamo di fronte al solito titolo inglese inventato, visto che l’originale era The Starving Games. Detto questo, del film non ne puo’ fregar di meno, ma andrebbe boicottato a prescindere solo per il titolo.
ATTESA KUSA 0%

.

theimmigrantC’ERA UNA VOLTA A NEW YORK di James Gray

.
Graditissimo ritorno quello di James Gray, regista sempre troppo poco celebrato per le sue notevoli pellicole precedenti, tra le quali fa piacere ricordare I Padroni della Notte e Two Lovers. Dalla contemporaneità delle sue storie precedenti, questa volta ci si sposta nella New York del 1921, dove sbarcano le sorelle polacche Ewa e Magda nella speranza di poter inseguire il sogno americano. Ma dove una viene messa in quarantena, l’ altra viene presa sotto l’ala protettrice di un uomo, Bruno, che la spinge a prostituirsi.
ATTESA WELTALL 80%

Ah, e’ The Immigrant! Ecco perche’ non lo riconoscevo. Comunque ammetto candidamente la mia totale ignoranza su James Gray, visto che non ho visto nessuno dei due titoli citati dal mio ben informato collega. Di conseguenza per il giudizio mi rimetto alla sua saggezza, anche se le storia non sembra proprio il mio ideale…
ATTESA KUSA 60%

.

carrie_2013CARRIE – LO SGUARDO DI SATANA di Kimberly Pierce

.
Il film Carrie, quello originale, diede una notevole spinta alla notorietà del regista Brian De Palma ma anche allo scrittore del racconto originale dal quale era tratto, un certo signore che di nome fa Stephen King. Cosa potrà mai fare questo suo (a quanto pare inevitabile) remake se non rafforzare la convinzione che i rifacimenti sono una brutta, bruttissima cosa? E un po’ dispiace perchè questo sarà il secondo film con la Moretz che snobberò dopo Kick Ass 2.
ATTESA WELTALL 0%

Ecco, purtroppo Chloe Moretz  secondo me dovrebbe fare un po’ piu’ di attenzione nella scelta dei copioni, perche’ se Blood Story,  remake ammerigano del mitico Let The Right One In, poteva esser anche interessante come horror, questo inutile inutile inutile remake del film di De Palma proprio no. Con il rischio che la nostra cara Hit Girl (dopo il PESSIMO Kick Ass 2) si ritrovi incasellata in questi ruoli e in questo tipo di pellicole. Se sara’ cosi’, ce ne faremo a malincuore una ragione.
ATTESA KUSA 0%

.

thecounselorTHE COUNSELOR di Ridley Scott

.
C’è chi, dopo il disastro Prometheus, con Ridley Scott non vuole più averci a che fare. E come dargli torto? Sono anni che il regista americano non ne azzecca mezza e quando decide di tornare sulla saga di Alien fallisce miseramente. Certo, il grosso della colpa stava in una sceneggiatura sbagliata ma, se a scrivere il film è un nome grosso, possiamo di nuovo dare un minimo di fiducia al povero Ridley? The Counselor, oltre ad un cast ricchissimo (Pitt, Bardem, Fassbender, Diaz), vanta infatti uno script di Cormack McCarty e forse questo già basta.
ATTESA WELTALL 60%

Cast ricchissimo si’, ma un po’ troppo eterogeneo per i miei gusti, con una raccolta di figaccioni e di bellone che tutti insieme non mi ispirano affatto, di quelli insomma che senti puzza di bruciato da lontano un miglio. E poi Fassbender comincia un po’ a stufare, e’ praticamente ovunque. Io me ne terro’ adeguatamente  alla larga, malgrado cotanto nome nello script. Su Ridley Scott non mi faccia nemmemo cominciare che e’ meglio.
ATTESA KUSA 0%

.

nebraskaNEBRASKA di Alexander Payne

.
Convinto di essere il vincitore di una cospicua somma di denaro, un uomo, anziano ed alcolizzato, decide di intraprendere un viaggio per ritirare il suo presunto premio in Nebraska. Nonostante la famiglia si opponga alla sua decisione, il figlio decide comunque di accompagnarlo, trasformando il viaggio nella perfetta occasione per sistemare anni di incomprensioni. Altro graditissimo ritorno quello di Alexander Payne dopo l’ ottimo The Descendants di qualche anno fa.
ATTESA WELTALL 80%

Aridaje, The Descendants io non l’ho visto. Pero’ Nebraska in patria e’ stato indicato pressoche’ da tutti come uno dei dieci migliori film del 2013, quindi qualcosa vorra’ sicuramente dire.
ATTESA KUSA 70%

.

Consigli per gli acquisti.

.

moodindigoMOOD INDIGO (DVD e BD già disponibili dal 15/01/14)

.
Il nuovo film di Michel Gondry, malamente distribuito nelle sale, arriva in DVD e Bluray accompagnato, nelle edizioni proposte da Koch Media, da un libro. Per il resto, entrambe complete come nella norma.
* DVD * VIDEO: 1.78:1 anamorfico – AUDIO: Ita / Fra Dolby Digital 5.1 – SOTT: Ita non udenti – EXTRA: 4 Featurettes, Casting e personaggi, Making of, Interviste – REGIONE: 2
ACQUISTO: CONSIGLIATO
* BLURAY * VIDEO: 1.78:1 anamorfico 1080p – AUDIO: Ita / Fra DTS HD 5.1 – SOTT: Ita non udenti – EXTRA: 4 Featurettes, Casting e personaggi, Making of, Interviste – ZONA: B
ACQUISTO: CONSIGLIATO

.

OutrageBeyondOUTRAGE BEYOND (DVD e BLURAY già disponibili dal 14/01/13)

.
Uscita davvero importante per tutti gli appassionati del cinema di Takeshi Kitano. Nonostante l’ ultima fase della carriera del popolare regista giapponese faccia discutere, non si può che applaudire alla 01 per aver portato in Italia, almeno in home video, l’ ultimo lavoro del Maestro. I parametri tecnici sono tutti al loro posto, all’ acquirente la decisione se puntare al DVD o al Bluray.
* DVD * VIDEO: 2.35:1 anamorfico – AUDIO: Ita / Gia Dolby Digital 5.1 – SOTT: Ita non udenti – EXTRA: Galleria foto – REGIONE: 2
ACQUISTO: CONSIGLIATO
* BLURAY * VIDEO: 2.35:1 anamorfico 1080p – AUDIO: Ita / Gia DTS HD 5.1 – SOTT: Ita non udenti – EXTRA: Galleria foto – ZONA: B
ACQUISTO: CONSIGLIATO
.
.
.

574