Aperitivo a Grado
facebook

Cine20_1

Cine20 lo potete leggere tutti i giovedì ed è curata da Matteo “Weltall” Soi dalle pagine del blog weltallsworld.blogspot.com e dal blogger-seriale Kusa direttamente da lavitaenientaltro.wordpress.com. Una coppia inedita disposta a tutto pur di mettere la loro esperienza di cine-blogger e cinefili non professionisti per una rubrica alla portata di tutti, libera e accessibile, che spazia da brevi recensioni fino alle uscite home-video, senza dimenticare le doverose segnalazioni sui film in sala, il tutto corredato da un sistema di valutazione facile ed immediato. Detto questo, andiamo a cominciare.

.

Al cinema e non solo.

.

sialzailventoSI ALZA IL VENTO di Hayao Miyazaki

.
Forse idealmente ci si aspettava che l’ultimo film di Miyazaki, non in ordine di tempo ma, per ammissione dello stesso regista, l’ ultimo prima di ritirarsi dalle scene, potesse essere la sua opera più bella. Così non è. Si Alza il Vento non è la sua opera più bella ma questo non vuol dire che non sia un bel film, anzi. Si Alza il Vento è un bellissimo film, importante e perfettamente coerente con una filmografia che rasenta la perfezione. A differenza dei suoi film precedenti però è un film dalla predominante componente biografica che non lascia spazio a quella vena fantastica spesso rivolta anche ad un pubblico di giovanissimi. Non ci sono castelli magici, maiali aviatori, streghe o creaturine di fuliggine. C’è il Giappone che marcia a testa bassa verso la Seconda Guerra Mondiale e c’è un uomo che fin da bambino ha ben chiara quale sarà la sua strada: Jiro Horikoshi. Come Miyazaki, Jiro è un sognatore capace di trasformare i sogni in pura ed elementare passione. Come Miyazaki, Jiro ha la passione per il volo e per gli aerei ma una forma di miopia lo inchioda a terra senza appello. Ma la sua fantasia non si fa ancorare ed è così che dedica la sua vita alla progettazione di aerei. Jiro Horikoshi è infatti l’uomo che ideò e diede vita agli Zero, gli aerei che diventarono l’ orgoglio della flotta Giappone durante la guerra. Aerei e guerra è un binomio che Miyazaki ha già affrontato in passato ma mai da un punto di vista così vicino alla celebrazione di chi questi strumenti di morte li ha concepiti. Eppure non c’è celebrazione ne una traboccante morale pacifista. C’è lo sguardo commosso di un uomo, di un artista, di un sognatore verso un altro, con il quale condivide tanto. Ed è proprio nel sogno, nelle varie sequenze oniriche dove il protagonista conversa con Giovanni Battista Caproni, che Miyazaki coglie e trasmette le emozioni più positive che si contrappongono a quelle più tese e pesanti, come l’impressionante scena del terremoto o la componente melò, delicata come solo il regista giapponese sa raccontare, che sfortunatamente spezza il film a metà pregiudicandone il ritmo. Ma non di certo pregiudicando un film che è uno degli addii migliori che ci potessimo aspettare. Addio allora Maestro, e grazie.
GRADIMENTO WELTALL 80%

.

Brevemente in sala (a cura di Weltall).

.

animenereANIME NERE di Francesco Munzi

.
Direttamente da Venezia una produzione italo-francese che racconta una storia di ‘ndrangheta che parte dall’ Olanda, passa da Milano fino ad arrivare nella Calabria di oggi. Tiepida accoglienza al Lido così come è tiepido (anzi freddino) il nostro interesse
ATTESA WELTALL 40%

Mi hai perso a ‘ndrangheta, soprattutto preceduto da italo-francese.
ATTESA KUSA 0%

.

lapemaiailfilmL’APE MAIA – IL FILM di Alexs Stadermann, Simon Pickard

.
L’ Ape Maia è di certo uno di quei personaggi che ha fatto parte dell’ immaginario di più di una generazione, sicuramente la mia. Trovarla al cinema, in un film a lei dedicato realizzato completamente in computer grafica, è qualcosa che toglie molto ad un personaggio che non può nascondere gli anni che porta neanche con un lifting tecnologico.
ATTESA WELTALL 0%

Vola vola vola… SPLAT….VOLAVA l’Ape Maia…. adesso però per par condicio vogliamo anche il film  dell’Ape Magà ,  e poi quello in 3D di Remy, e di Anna dai Capelli Rossi! E pensare che ci hanno tolto Miyazaki dopo 4 fottuti giorni….
ATTESA  KUSA 0%

.

jimiallisbymysideJIMI: ALL IS BY MY SIDE di John Ridley

.
Riducendo ai minimi termini, biopic sulla fondamentale figura musicale di Jimi Hendrix. Ora i biopic mi appassionano quanto le verruche, soprattutto se sono datati 2013 ed escono solo ora.
ATTESA WELTALL 0%

Condiviso pienamente l’entusiasmo del mio socio riguardo ai biopic, a meno che il personaggio non mi interessi in modo particolare. Quelli sui miti della musica come Hendrix non sono sicuramente tra quelli.
ATTESA KUSA 0%

.

awalkamongthetombstonesLA PREDA PERFETTA di Scott Frank

.
Ex poliziotto diventato detective privato, viene ingaggiato per trovare chi ha rapito e ucciso la moglie del suo cliente, trovandosi però di fronte ad un gruppo di individui che non è nuovo a questi reati e che non hanno neanche intenzione di smettere. Prima o poi dovrò cedere ed affrontare uno di questi film per scoprire come se la cava Liam Neeson con la sua riscoperta vocazione attoriale. Che sia la volta buona?
ATTESA WELTALL 50%

Invece io sulle doti di Liam Neeson come attore di action/revenge movie, cominciate a “brillare” con Taken (in Italia Io vi Troverò) ,   preferisco rimanere in una beata ignoranza, e ricordamelo in film come Kinsey, L’Amore Davvero, o, scavando ancora di più nel passato, nel Darkman di Sam Raimi
ATTESA KUSA 0%

.

restaanchedomaniRESTA ANCHE DOMANI di R.J. Cutler

.
Dopo Colpa delle Stelle, arriva con un tempismo (sospetto?) un altro teen drama potenzialmente votato a farci disidratare piangendo. L’avrei ignorato senza remore ma so quanto il buon Kusa adora Chloe Moretz quindi l’ho selezionato solo per lui!
ATTESA WELTALL 0%

Un tempismo, caro collega, generato come al solito dal ritardo dell’uscita di Colpa delle Stelle, distribuito nel mondo civilizzato in giugno-luglio, quando la nostra nazione tutta era troppo impegnata a fare una figura di m… ai campionati del mondo di calcio per potersi emozionare e commuovere per la tenera storia di due ragazzini innamorati e malati di cancro. Qui, a parte la mia adorata Chloe Grace, che peraltro ha perso parecchi punti dopo due passi falsi come Kick Ass 2 e Carrie, i motivi d’attrazione non sono tanti, ma vista anche la settimana fiacca la tentazione di dargli un occhiata c’è…
ATTESA KUSA 50%

.

teenagemutantninjaturtlesTARTARUGHE NINJA di Jonathan Liebesman

.
Anche per le Tartarughe Ninja potrebbe valere il discorso fatto per L’Ape Maia ma qui le cose sono leggermente diverse: le Tartarughe Ninja hanno già avuto i loro trascorsi cinematografici live-action pertanto questo reboot moderno ci sta e devo dire che mi intriga non poco. Michael Bay ha da farsi perdonare Transformers 4 anche se in regia ha ceduto il posto a Jonathan Liebesman che, se non è tamarro come lui, poco ci manca.
ATTESA WELTALL 70%

Chi l’ha già visto ed era a suo tempo appassionato di Michelangelo, Donatello &  C. lo consiglia, ma io proprio le tartarughe ninja non le ho mai potute compatire. E Megan Fox, passata dalla saga dei robottoni a quella (prossima) delle tartarughe, non è certo un motivo sufficiente a pagare il biglietto.
ATTESA KUSA 0%

.

unragazzodoroUN RAGAZZO D’ORO di Pupi Avati

.
Pupi Avati è uno dei pochi registi italiani che all’inizio della sua carriera ho seguito con passione, capace di passare da una inusuale (per un regista nostrano) vena horror e fantastica (La casa dalle finestre che ridono ancora mi dà  gli incubi) a dei nostalgici ritratti della provincia italiana degli anni del dopoguerra, che in me evocano ricordi personali perchè il regista racconta la sua Bologna, quella degli anni ’50-’60, che è poi anche la Bologna dei miei genitori, dove peraltro anche il sottoscritto nacque. E’ inoltre stato anche capace di coltivare,  a suo tempo,  un gruppo di attori fidati e fedeli come Carlo delle Piane, Gianni Cavina, il compianto Nick Novecento, Elena Sofia Ricci, e di scoprire il talento drammatico di un comico come Diego Abatantuono  in quello che secondo me resta il capolavoro del regista bolognese, ovvero Regalo di Natale. Detto questo, l’ultimo film di Avati che ho visto al cinema risale, ahimè, al ’91, e non penso proprio che comincerò con uno che ha come protagonisti due attoroni come Scamarcio e  la Stone… con buona pace della Capotondi che è caruccia assai.
ATTESA KUSA 0%

Condivido l’ interesse per il primo Avati ma questo, non me ne vogliate, proprio non mi dice nulla.
ATTESA WELTALL 0%

.

illustrationGOMORRA : LA SERIE
(dal 22/9 ogni lunedì per 4 settimane in cinema selezionati)

.
Arriva su grande schermo la serie tv tratta dal film di Garrone,  andata in onda durante l’estate su Sky Atlantic, che dopo il successo in Italia è stata molto apprezzata anche in Francia, Germania e Inghilterra e che ora è in procinto di conquistare anche gli States. Con un evento eccezionale, la casa di distribuzione The Space Movies, in collaborazione  con Universal Pictures, ha deciso di proporla in quattro “puntate”, con tre episodi per serata, per quattro lunedì consecutivi a partire dal 22/9.  Un’astuta operazione di marketing da parte di Sky e insieme un modo intelligente per far conoscere ad un pubblico più ampio un prodotto seriale italiano per una volta ai livelli delle migliori produzioni internazionali.
ATTESA KUSA 80%

.

Consigli per gli acquisti.

.

giardinoparoleIL GIARDINO DELLE PAROLE (DVD e BD già disponibili dal 15/09/14)

.
L’ ultimo mediometraggio di Makoto Shinkai, passato per selezionate sale italiane un solo giorno, arriva nei negozi grazie alla sempre attiva Dynit con una edizione limited “First Press”. Il che vuol dire accaparrarsela ora per avere anche il booklet che sicuramente non verrà inserito nelle prossime ristampe. Per il resto siamo nella norma anche come prezzo, un po’ sopra la media
* DVD * VIDEO: 1.78:1 anamorfico – AUDIO: Ita / Gia Dolby Digital 5.1 – SOTT: Ita – EXTRA: Interviste, Storyboard, Trailers, Filmografia, Booklet 16 pagine – REGIONE: 2
ACQUISTO: CONSIGLIATO
* BLURAY * VIDEO: 1.78:1 anamorfico 1080p – AUDIO: Ita / Gia DTS HD 5.1 – SOTT: Ita – EXTRA: Interviste, Storyboard, Trailers, Filmografia, Booklet 16 pagine – ZONA: B
ACQUISTO: CONSIGLIATO

.

godzillaGODZILLA (DVD e BD già disponibili dal 18/09/14)

.
Torna il Mostro Grosso giapponese nella sua nuova, grossissima, incarnazione americana. Film riuscito solo in parte, indebolito, neanche ci sia bisogno di dirlo, proprio dall’eccessiva ed ingombrante presenza degli attori in carne e ossa. Le edizioni proposte da Warner (a parte la solita ed inutile combo con il Bluray 3D) sembrano davvero valide in particolar modo quella in Bluray, ricchissima di extra.
* DVD * VIDEO: 2.40:1 anamorfico – AUDIO: Ita / Ing / Fra / Ted Dolby Digital 5.1 – SOTT: Ita non udenti / Ing non udenti / Ted non udenti / Fra / Ola – EXTRA: A Whole New Level Of Destruction, Ancient Enemy: The M.U.T.O.s – REGIONE: 2
ACQUISTO: CONSIGLIATO CON RISERVA
* BLURAY * VIDEO: 2.40:1 anamorfico 1080p – AUDIO: Ita Dolby Digital 5.1, Ing / Fra DTS HD 7.1 – SOTT: Ita non udenti, Ing non udenti, Fra, Ola, Dan, Nor, Fin, Sve, Isl – EXTRA: Operation: Lucky Dragon MONARCH, MONARCH: The M.U.T.O File, Special Report: The Godzilla Revelation, Godzilla, A Force of Nature!, A Whole New Level Of Destruction, Into The Void: Brody’s H.A.L.O. Jump, Ancient Enemy: The M.U.T.O.s, Threading the Needle: Editing Godzilla, Scene eliminate – ZONA: B
ACQUISTO: CONSIGLIATO

.

mononokePRINCIPESSA MONONOKE (DVD e BD già disponibili dal 18/09/14)

.
Puntuale come un orologio la Lucky Red (sempre su distribuzione Warner) porta nei negozi la nuova edizione di Principessa MOnonoke a più di dieci anni dalla prima edita su etichetta Buena Vista. I nuovi acquirenti potranno sicuramente godere di un disco (sia DVD che Bluray) più curato anche nel versante del doppiaggio italiano.
* DVD * VIDEO: 1.85:1 anamorfico – AUDIO: Ita / Gia Dolby Digital 5.1 – SOTT: Ita / Ita non udenti – EXTRA: Trailer dello Speciale “Mononoke in USA”, Storyboard, Trailer – REGIONE: 2
ACQUISTO: CONSIGLIATO
* BLURAY * VIDEO: 1.85:1 anamorfico 1080p – AUDIO: Ita / Gia Dolby Digital 5.1 – SOTT: Ita / Ita non udenti – EXTRA: Trailer dello Speciale “Mononoke in USA”, Storyboard (HD), Trailer – ZONA: B
ACQUISTO: CONSIGLIATO
.
.
.

554