Aperitivo a Grado
facebook

cine20

Cine20 lo potete leggere tutti i venerdì ed è curata da un ragazzo cagliaritano ed uno genovese. Matteo “Weltall” Soi, dalle pagine del blog weltallsworld.blogspot.com, e Mattia “Tob Waylan” Meirana, da tobwaylan.tumblr.com , mettono insieme la loro esperienza di cine-blogger e cinefili non professionisti per una rubrica alla portata di tutti, libera e accessibile, che spazi da brevi recensioni fino alle uscite home-video, senza dimenticare le doverose segnalazioni sui film in sala, il tutto corredato da un sistema di valutazione facile ed immediato. Perché mettersi in due per gestire la rubrica? Semplicemente perché il “pensiero unico” è noioso e due voci, due opinioni, sia che convergano o che vadano in direzioni opposte, possono essere decisamente più interessanti e stimolanti per chi scrive e per chi legge. Detto questo, andiamo a cominciare.

.
Al cinema e non solo.

.
I SEGRETI DELLA MENTE di Hideo Nakata

Bisogna ammetterlo: fa sempre una grande tristezza quando grandi ed importanti registi orientali cedono alle lusinghe del cinema occidentale e finiscono per venirne fagocitati. I Segreti della Mente (adattamento poco felice dell’ originale Chatroom) è l’ ultimo film di Hideo Nakata, la sua prima produzione Inglese dopo aver diretto per gli americani il remake del suo Ringu 2. Cosa è rimasto del regista giapponese in questa pellicola? Poco o nulla. Il suo film, ambientato tra le chat nelle quali si riunisce il popolo di internet, dopo il maldestro tentativo di raccontare una realtà sociale del nostro tempo si trasforma in un insipido thriller quando il protagonista, un giovane disturbato con insoddisfatte tendenze suicide, cattura nella sua trappola (una chatroom per adolescenti) un gruppo di coetanei fingendo di aiutarli ma in realtà sfruttando le loro debolezze per piegarne la volontà. Ne I Segreti della Mente i brividi latitano, così come la tensione che sembra arrivare nel finale ma si spegne presto. MA anche tutti gli spunti più interessanti del film, quelli che avrebbero potuto renderlo più adulto e disturbante, sfortunatamente muoiono sempre sul nascere. Interessante l’ idea di dare una dimensione “fisica” alle stanze virtuali, tanto quella dove i giovani si ritrovano che le migliaia che popolano la rete, rendendole più colorate, ma anche più inquietanti, della grigia realtà. Ma il più grosso problema del film di Nakata, quello che lo affonda completamente, è di nascere già vecchio,trattando tematiche trite e ritrite in maniera banale con un abuso spropositato di figure stereotipate e luoghi comuni. Meglio risparmiare tempo prezioso e recuperare il ben più bello e riuscito “Kairo” di Kyoshi Kurosawa.
GRADIMENTO WELTALL 30%

.
BAD TEACHER : UNA CATTIVA MAESTRA di Jake Kasdan

Elizabeth Hazley mi ha fatto subito pensare a Ronnie Barnhardt. Cosa hanno in comune il personaggio di Bad Teacher con quello di Observe and Report (ottima commedia ancora inedita in Italia)? Seppur diversi, entrambi sono personaggi assolutamente negativi nonostante ricoprano dei ruoli “socialmente positivi” e di responsabilità. Quello interpretato da una splendida Cameron Diaz è un insegnante che ha scelto il suo lavoro non certo per vocazione, ma soprattutto come ripiego dopo essere stata lasciata dal suo ricco fidanzato. Nell’ attesa di trovare un nuovo rampollo con il quale accasarsi, Elizabeth si trascina svogliatamente tra una lezione e l’altra dormendo in classe, abusando di alcol e droghe ma anche del suo ruolo quando si tratta di fare il possibile per racimolare, tramite svariati espedienti, la cifra necessaria per una tanto desiderata operazione al seno. Se Bad Teacher è certamente un film costruito interamente intorno a questa figura principale, sarebbe comunque ingiusto non citare i personaggi di contorno e i loro interpreti: c’è il giovane e ricco professore interpretato da un sempre più apprezzabile Justin Timberlake che, sotto una sottilissima patina da intellettuale, si rivela un perfetto idiota. Ma anche il cristallino insegnante di educazione fisica con il volto di Jason Segel direttamente dalla serie How I Met Your Mother. E chi si aspetta la svolta con la redenzione finale della protagonista, forse è meglio che guardi da un’ altra parte a qualche altro film, perchè è esattamente la coerenza con la quale viene portato avanti il personaggio di Elizabeth a rendere Bad Teacher una commedia davvero riuscita e pure divertente.
GRADIMENTO WELTALL 70%

.
Brevemente in sala.

.
BOX OFFICE 3D – IL FILM DEI FILM di Ezio Greggio

Il film che ha inaugurato, nello sconcerto generale, la 68ma mostra di Venezia, un’ accozzaglia di sketch parodistici senza alcun filo conduttore e dalla bassa, bassissima comicità. E’ pure in 3D, quell’inutile tecnologia che non serve neanche quando il film ne giustifica l’utilizzo, figuriamoci in un film del genere dove l’unica cosa che uscirà dallo schermo sarà il naso di Greggio, anche in 2D.
ATTESA TOB WAYLAN E WELTALL 0%

.
CONTAGION di Steven Soderbergh

Che Sonderbergh non goda della simpatia di molti è chiaro, che non goda della mia simpatia è sicuramente vero e che il tema del virus letale sia trito e ritrito lo sapete anche voi, ma questo Contagion, sulla carta e sul trailer, sembra davvero convincente, soprattutto grazie al cast sensazionale che si porta dietro: Matt Damon, Marion Cotillard, Kate Winslet, Laurence Fishburne, Jude Law, Gwyneth Paltrow e John Hawkes. Difficile fare un film brutto.
ATTESA TOB WAYLAN E WELTALL 80%

.
QUESTA STORIA QUA di Alessandro Paris e Sibylle Righetti

E’ un documentario su Vasco Rossi e Vasco Rossi mi sta sulle palle come poche cose al mondo. Non lo vedrei neanche se pagato ma potrebbe stupire, potrebbe essere molto più onesto di quel che ci si aspetta, potrebbe non essere una semplice operazione celebrativa ma una messa a nudo del Vasco reale, con i suoi problemi e le sue dipendenze. Potrebbe sfatare un mito.
ATTESA TOB WAYLAN 20%

No grazie, mi sono bastati i bollettini medici giornalieri che ci siamo dovuti sorbire questa estate sui TG nazionali.
ATTESA WELTALL 0%

.
SUPER 8 di J.J. Abrams

J.J. Abramas torna, dopo Cloverfield, a parlare di giganti alieni sfascia tutto e lo fa attraverso gli occhi di alcuni ragazzini aspiranti cineasti nell’estate del 1979; quel che si respira è un romanticismo quasi malinconico verso quell’età in cui si poteva ancora sognare in grande semplicemente impugnando una videocamera. La presenza di Spielberg alla produzione è solo un peso che, con lo svilupparsi della trama, tende a soffocare la visione romantica e  fantascientifica di Abramas in favore di un’analisi sull’elaborazione del lutto troppo noiosa da inserirsi in un film dove il protagonista dovrebbe essere un alieno gigante.
ATTESA TOB WAYLAN 70%
ATTESA WELTALL 80%

.
L’ ULTIMO TERRESTRE di Gian Alfonso Pacinotti

Gianni Pacinotti è in arte Gipi, fumettista piuttosto noto per il suo stile disegnato male. Qua si parla di un uomo con gravi problemi a relezionarsi con le persone e di un razza aliena venuta a visitare una annoiata e distratta terra. Facile pensare come gli alieni non siano altro che un mezzo per descrivere la nostra società con un punto di vista totalmente estraneo. Da Venezia se ne parla molto bene, vedremo.
ATTESA TOB WAYLAN E WELTALL 75%

.
Consigli per gli Acquisti.

.
Che tristezza avere solo un paio di titoli da consigliare soprattutto se uno di questi è il quarto capitolo de I Pirati dei Caraibi. Facciamo una cosa, io vi dico che esce in DVD ed in formato Triple Play “DVD-Bluray-Download Digitale” o “Bluray-Bluray 3D-Download Digitale” e non ne parliamo più. Dedichiamoci invece all’ uscita della settimana:

.
1941 : ATTACCO A HOLLYWOOD (DVD già disponibile dal 09/09/2011)

1941Se una cosa il mercato italiano dell’ home video ce l’ha insegnata, quella è “non abbandonare mai la speranza” perchè delle volte, con una gigantesca dose di pazienza, si viene pure ricompensati. Delle volte, oltre all’ attesa, la fregatura è dietro l’angolo ma non in questo caso: finalmente anche i cinefili e collezionisti italiani possono mettere le mani sull’ unico film di Steven Spielberg inedito in Italia. Tra gli attori protagonisti ci sono pure due signori conosciuti come Dan Aykroyd e John Belushi…non credo ci sia bisogno di aggiungere altro.
* DVD * VIDEO: 1.85:1 anamorfico – AUDIO: Ita / Ing 2.0 Stereo, Ita Dolby Digital 5.1 – SOTT: Ita – EXTRA: Scene inedite, Galleria fotografica, Trailers, Filmografie – REGIONE: 2
ACQUISTO: CONSIGLIATO
.
.

566