Cine20_1

Cine20 lo potete leggere tutti i giovedì ed è curata da Matteo “Weltall” Soi dalle pagine del blog weltallsworld.blogspot.com e dal blogger-seriale Kusa direttamente da lavitaenientaltro.wordpress.com. Una coppia inedita disposta a tutto pur di mettere la loro esperienza di cine-blogger e cinefili non professionisti per una rubrica alla portata di tutti, libera e accessibile, che spazia da brevi recensioni fino alle uscite heome-video, senza dimenticare le doverose segnalazioni sui film in sala, il tutto corredato da un sistema di valutazione facile ed immediato. Ma non possiamo più trascurare l’importanza delle serie TV alle quali dedichiamo Derive Seriali, una sezione apposita curata da :A:, scrittore, sceneggiatore e nerd impenitente. Detto questo, andiamo a cominciare.

.

Al cinema e non solo.

.

sullySULLY
di Clint Eastwood

.
Il 15 gennaio del 2009, dopo un “bird strike” che manda fuori uso entrambi i motori del volo di linea della U.S. Airlines appena decollato dall’aeroporto La Guardia di New York, il capitano Chesley “Sully” Sullemberger tenta un ammaraggio sul fiume Hudson salvando tutti i 150 passaggeri e i membri dell’equipaggio.
Un aereo vola a bassa quota tra lo skyline di New York e la mente non può che fare un balzo indietro ai tragici eventi dell’ 11 settembre 2001 anche se qui cause e conseguenze sono state fortunatamente ben diverse. Ma anche qui, tra il panico e l’orrore, ciò che emerge è la necessità di celebrare l’eroe e gli eroi che si sono distinti mettendo la propria vita in gioco per salvare quella degli altri.
Per fortuna a Clint Eastwood non è questo che interessa ed infatti in Sully, sua ultima e formidabile fatica impreziosita dall’ennesima performance attoriale di Tom Hanks, quella di “eroe” è un’etichetta pesante, posticcia e anche riduttiva, applicata unicamente a funzione di risalto mediatico e poco altro.
Il regista americano gratta via quella patina dorata per portare in superficie l’uomo che non anela la celebrità ma che cerca di compiere unicamente il suo dovere, che dietro la figura mitizzata che altri hanno costruito per lui c’è una persona comune che si barcamena con i problemi comuni della gente comune, non ultime le incertezze per il futuro all’ombra della crisi economica.
Sully è un film che senza tanti fronzoli e retorica, celebra la perfetta imperfezione del “fattore umano” elemento bistrattato, ignorato e soffocato da burocrazia, parametri e automatismi che contraddistinguono una vita moderna non più a misura d’individuo.
GRADIMENTO WELTALL 75%

.

Brevemente in sala.

.

babbobastardo2BABBO BASTARDO 2 (Bad Santa 2)
di Mark Waters

.
Torna Billy Bob Thornton con il suo Babbo Natale politicamente scorretto, a ben 13 anni di distanza dal primo episodio, e ci si domanda sinceramente il perché. Evidentemente anche al di là dell’oceano le idee scarseggiano, e non avendo visto il primo penso che eviterò il secondo e, a quanto si dice, pure un po’ mediocre capitolo.
ATTESA KUSA 0%

Caro socio, al di la dell’oceano le idee sono date per disperse ormai da tempo. E questo seguito di Babbo Bastardo, commedia antinatalizia per eccellenza, ne è solo l’ennesima dimostrazione. Però, insomma, almeno c’è un alternativa straniera ai cinepanettoni.
ATTESA WELTALL 0%

.

captainfantasticCAPTAIN FANTASTIC
di Matt Ross

.
Viggo Mortensen interpreta un padre di famiglia che ha deciso di crescere i suoi figli in maniera alternativa e naturale, lontano dai pericoli del consumismo e della modernità, nel mezzo dei boschi incontaminati dello stato di Washington. Ma la sua educazione e il suo sistema di valori verrà messo a dura prova quando la famiglia sarà costretta ad abbandonare il proprio habitat e ad avventurarsi in un viaggio attraverso il mondo esterno. Un film che esplora il difficile ruolo di genitore e le scelte a volte problematiche che esso comporta.
ATTESA KUSA 50%

E’ davvero possibile condurre una vita lontana da tutti gi aspetti della vita moderna? Soprattutto per un padre che deve crescere sei figli? Questo è l’interrogativo che porta il film di Matt Ross che nell’ultimo Festival di Roma ha decisamente diviso la critica.
ATTESA WELTALL 50%

.

lafestaprimadellefesteLA FESTA PRIMA DELLE FESTE (Office Christmas Party)
di Josh Gordon, Will Speck

.
Jason Bateman, Jennifer Aniston, Olivia Munn e T.J.Miller protagonisti di una scatenatissima festa di Natale in ufficio, una di quelle che cominciano come tranquille festicciole tra colleghi e finiscono nel caos più totale e completo. Non so voi, ma a me bastano la Aniston e la Munn per partecipare con entusiasmo alla festa.
ATTESA KUSA 70%

Due commedie natalizie americane nella stessa settimana equivale ad una guerra aperta contro i film di genere italiani che da questo weekend in poi arriveranno senza sosta. Al di la’  del cast io passo pure qui.
ATTESA WELTALL 0%

.

noncepiureligioneNON C’E’ PIU’ RELIGIONE
di Luca Miniero

.
E non poteva mancare nel periodo natalizio la Commedia Italiana MultiEtnica. Così come non poteva mancare la suora protagonista. Coraggio che Natale tra un mese e’ passato.
ATTESA KUSA 0%

La tradizione del presepe, un paese che invecchia perchè non nascono più bambini e lo scontro culturale con una comunità tunisina musulmana, sono gli ingredienti della commedia di Luca Miniero che questo weekend si scontra con quelle dei cugini americani.
Buon per loro.
ATTESA WELTALL 0%

.

unavitadagattoUNA VITA DA GATTO (Nine Lives)
di Barry Sonnenfeld

.
Kevin Spacey che si ritrova nei panni di un gatto e viene adottato dalla sua stessa famiglia non e’ certo un motivo allettante per vedere questa commedia familiare natalizia. E la presenza di Jennifer Garner nel ruolo della moglie non aiuta.
ATTESA KUSA 0%

E se pullulano le commedie per i più grandi, non poteva mancare quella per tutta la famiglia con la classica storia del padre e marito distante che per imparare la lezione su ciò che sta perdendo deve vivere la più tipica delle esperienze extracorporee incarnandosi in un gatto. Non voglio nemmeno pensare ai nomi coinvolti.
ATTESA WELTALL 0%

.

justelafindumondeE’ SOLO LA FINE DEL MONDO (Juste la fin du monde)
di Xavier Dolan

.
Presentato all’ultimo festival di Cannes, arriva sui nostri schermi l’ultimo lavoro del talentuoso regista francese Xavier Dolan, quello di Mommy e Tom à la ferme. Tratto da una commedia teatrale, Juste la fin du monde racconta del ritorno dello scrittore Louis al paese natio dopo dodici anni di assenza, solo per annunciare ai suoi famliari la sua imminente dipartita. Film non proprio adatto alle feste natalizie direi, ma probabilmente la migliore proposta della settimana, anche se io non sono molto d’accordo.
ATTESA KUSA 60%

Dopo Mommy pare che finalmente si sia rivolta la giusta attenzione al giovanissimo talento Xavier Dolan, i cui film hanno finalmente raggiunto il nostro Paese prima con fugaci apparizioni in sala e poi in home video. Perciò si accoglie con gran piacere che la Lucky Red abbia deciso di portare anche la sua ultima fatica passata in concorso all’ultimo festival di Cannes.
ATTESSA WELTALL 80%

.

Consigli per gli acquisti.

.

xavierdolancollXAVIER DOLAN COLLECTION (DVD disponibile dal 07/12/16)

.
La Sound Mirror, distribuita Eagle, mette insieme i film del giovane Xavier Dolan nel suo catalogo per confezionare un bel cofanetto contenente J’ai tué ma mère, Les amours imaginaires, Laurence Anyways e Tom à la ferme. I contenuti dei film sono uguali alle versioni già pubblicate singolarmente ma stupisce che si sia deciso di editarlo unicamente in DVD considerato che i singoli titoli son presenti anche nel formato in alta definizione.
* DVD * VIDEO: 1.78:1 anamorfico – AUDIO: Ita / Fra Dolby Digital Stereo 2.0; Ita / Fra Dolby Digital 5.1 – SOTT: Ita – EXTRA: Trailer, Interviste, Scene Tagliate (Le amours imaginaires, Lawrence Anyways) – REGIONE: 2
ACQUISTO: CONSIGLIATO

.
.
.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
347