Aperitivo a Grado
facebook

Cine20_1

Cine20 lo potete leggere tutti i giovedì ed è curata da Matteo “Weltall” Soi dalle pagine del blog weltallsworld.blogspot.com e dal blogger-seriale Kusa direttamente da lavitaenientaltro.wordpress.com. Una coppia inedita disposta a tutto pur di mettere la loro esperienza di cine-blogger e cinefili non professionisti per una rubrica alla portata di tutti, libera e accessibile, che spazia da brevi recensioni fino alle uscite home-video, senza dimenticare le doverose segnalazioni sui film in sala, il tutto corredato da un sistema di valutazione facile ed immediato. Ma non possiamo più trascurare l’importanza delle serie TV alle quali dedichiamo Derive Seriali, una sezione apposita curata da :A:, scrittore, sceneggiatore e nerd impenitente.
Detto questo, andiamo a cominciare.

.

Al cinema e non solo.

.

manifesto_suffragette_200SUFFRAGETTE di Sarah Gavron

Nella Londra dei primi del ‘900, stanca della dei soprusi e delle violenze che lei e le sue colleghe sono costrette a subire sul lavoro,  la giovane madre e moglie Maud decide di ribellarsi. Si unisce cosi’ al movimento che si batte per il diritto al voto delle donne, ormai disposte a tutto pur di farsi ascoltarsi da un governo sempre piu’ violento e repressivo.

La lotta per il diritto al voto di quella “trascurabile” minoranza rappresentata dalle donne e’ stata, come tutte le battaglie per i diritti civili , una lotta contro il potere, e quindi una vera e propria guerra, perche’ in ogni epoca e luogo il potere costituito,  rappresentato dalla legge e dal governo, non e’ solitamente incline a cedere facilmente alle richieste di qualcuno intenzionato, nel bene o nel male,  a cambiare lo status quo. Accomunate dalla causa del sacrosanto diritto al voto e ad una rappresentanza all’interno del governo, donne di ogni ceto sociale si ritrovarono insieme per combattere quella che divenne rapidamente una vera  e propria guerra, con le proprie vittime innocenti e i propri martiri.
La regista Sarah Gavron e la sceneggiatrice Abi Morgan,  affermata autrice per il cinema e la televisione, di cui ricordiamo la bellissima serie The Hour nonche’ il recente River,  scelgono di concentrare tutta la loro attenzione non su figure come la storica leader del movimento, Emmeline Pankhurst, interpretata in un brevissimo cameo da Meryl Streep, ma sui “soldati semplici” di questa guerra, ben rappresentati  dal volto sofferente e intenso di una sempre brava Carey Mulligan, protagonista ed anima della pellicola.
A rinforzare la sua brillante prestazione c’e’ pero’ anche, oltre alla consueta cura britannica nella ricostruzione d’epoca, un ricco cast di attori ed attrici piu’ o meno noti al grande pubblico,  a testimonianza dell’attuale grande vivacita’ della scena attoriale (e cinematografica in generale) del Regno Unito. Ricordiamo tra gli altri Helena Bonham Carter, Brendan Gleeson (Calvario, In Bruges, Heart of Sea), Anne Marie Duff (in tv con Shameless  e piu’  di recente in From Darkness), per finire con Ben Whishaw (il Q in Bond, visto anche in Cloud Atlas)  e Romola Garai, coppia che peraltro aveva recitato insieme nel gia’ citato dramma tv The Hour.
Il grande merito di un film come Suffragette e’ proprio quello di  dar voce e visibilita’ a questi volti  spesso dimenticati dalla Storia, ma che della Storia sono stati parte essenziale,   spesso sacrificando la loro stessa vita alla causa come dimostra il tragico episodio,  realmente accaduto, su cui si chiude il film.

GRADIMENTO KUSA 80%

.

Brevemente in sala.

.

hailcaesarAVE,  CESARE! di Ethan and Joel Coen

.
Titolo della settimana a mani basse,  anche per mancanza di un qualsiasi straccio di concorrenza, l’ultima fatica dei fratelli Coen e’ una  commedia ambientata nella Hollywood degli anni ’50,  tra un peplum interpretato da George Clooney e un musical acquatico interpretato dalla sirenetta Scarlett Johansson. Magari un Coen minore ma pur sempre meritevole della nostra attenzione.
ATTESA KUSA 70%

I fratelli Coen ci catapultano in una Hollywood passata offrendo (si spera) un ritratto caustico e intelligente che rientrerebbe perfettamente nelle corde del loro cinema. Titolo pesante della settimana, senza dubbio.
ATTESA WELTALL 80%

.

foreveryoungFOREVER YOUNG di Fausto Brizzi

.
La Commedia Italiana della Settimana ci porta:
Un altro titolo tratto da una canzone.
Un altra storia su uno dei Grandi Fenomeni del Mondo  Moderno, ovvero il non saper invecchiare.
Un altro film a episodi del creatore (oddio, che parolona!)  di Ex, Maschi contro Femmine e Femmine contro Maschi.
Un altro bel chissene del sottoscritto.
ATTESA KUSA 0%

Se vivete in maniera problematica la crisi di mezza età, questo è il film che fa per voi. Altrimenti sparatevi ad un piede e passate la serata al pronto soccorso.
ATTESA WELTALL 0%

.

thedivergentseriesallegiantTHE DIVERGENT SERIES: ALLEGIANT di Robert Schwentke

.
Terzo capitolo della saga YA di Divergent, che gia’ nel secondo capitolo aveva mostrato parecchi limiti e soprattutto tanta noia. La curiosita’ per questo terzo e’ molto contenuta, per usare un pallido eufemismo,  e ci dispiace per Shailene Woodley ma e’ meglio riguardarci un buon Hunger Games (tipo il primo o il secondo)  piuttosto che il seguito delle avventure di Tris e Four.
ATTESA KUSA 30%

Questa è la serie young adult di cui mi frega meno. E si unisce a tutte le altre pellicole young adult di cui mi frega e mi fregherà nulla dal post Huinger Games in avanti. E già Hunger Games aveva i suoi grossi limiti, figuriamoci questo.
ATTESA WELTALL 0%

.

weekendWEEKEND di Andrew Haigh

.
Film british del 2011 del regista di 45 anni, probabilmente  riesumato  dopo il successo del titolo successivo, anche grazie alla nomination all’oscar per Charlotte Rampling. Storia di Russel e Glen, due ragazzi conosciutisi per caso una notte in un locale,  che finiscono per passare tutto il weekend insieme condividendo pensieri, sogni e desideri. Un inizio inaspettato di un amore inaspettato. Astenersi sostenitori del Family Day.
ATTESA KUSA 30%

Scelta quantomai curiosa quella di recuperare con così tanto ritardo la pellicola precedente di Andrew Haigh ma che da’ una certa misura della miopia della distribuzione nostrana, brava in particolar modo a cavalcare i successi ma (quasi) mai a prendere iniziativa. Chi lo voleva vedere l’avrà gia visto a questo punto.
ATTESA WELTALL 30%

.

Consigli per gli acquisti.

.

visitTHE VISIT (DVD e BD già disponibili dal 09/03/16)

.
Lontano da fallimentari progetti commerciali e dall’influenza malsana della famiglia Smith, M. Night Shyamalan torna con un riuscito thriller ascrivibile nella sottocategoria dei mockumentary. Anche se potrebbe sembrare fuori tempo massimo, il film funziona e pertanto ben vengano le edizioni home video proposte dalla Universal.
* DVD * VIDEO: 1.85:1 anamorfico – AUDIO: Ita / Ing / Fra / Spa / Ted / Tur / Hin Dolby Digital 5.1 – SOTT: Ing non udenti / Ita / Fra / Ted / Spa / Dan / Ola / Fin / Isl / Nor / Por / Sve / Tur / Ara / Hin – EXTRA: Scene eliminate, Finale alternativo – REGIONE: 2
ACQUISTO: CONSIGLIATO CON RISERVA
* BLURAY * VIDEO: 1.85:1 anamorfico 1080p – AUDIO: Ita / Fra / Spa / Ted / Hin DTS 5.1, Ing DTS HD 5.1 – SOTT: Ing non udenti / Ita / Fra / Ted / Spa / Dan / Ola / Fin / Isl / Nor / Por / Sve / Ara / Hin- EXTRA: Il Making Of, Scene Eliminate, Le Foto di Becca, Finale alternativo – ZONA: B
ACQUISTO: CONSIGLIATO
.
.
.

711