Aperitivo a Grado

Continua la crisi dell’Udinese, peggior attacco del campionato

facebook

Solo 2 reti in quattro partite, a firma Becao e Lasagna. Il curioso caso degli attaccanti friulani.

Solo tre punti finora, frutto di un’unica, ormai quasi lontana, vittoria. 1 a 0 contro il Milan, alla prima giornata di campionato, questa la sola gioia dell’Udinese per adesso. Poi solo sconfitte: contro l’Inter, contro il Parma e adesso anche con il neopromosso Brescia, in uno scontro diretto per la salvezza che andava onorato in maniera diversa.

I friulani sono il peggior attacco del campionato con appena 2 reti all’attivo, insieme a loro solo la disastrata Sampdoria di Eusebio Di Francesco e il Milan ancora anonimo di Marco Giampaolo. Di queste una è arrivata da un difensore, il brasiliano Rodrigo Becao, e l’altra dall’attaccante che l’anno scorso aveva concluso con 6 centri in 36 presenze: Kevin Lasagna. “Con Pussetto e Lasagna sfruttiamo meglio il contropiede, ma non deve essere l’unica soluzioneha spiegato dopo la sconfitta contro il Brescia il mister Igor TudorNegli ultimi 20-25 metri entrano in gioco le qualità e dobbiamo essere più bravi”. Nel match dell’ultimo turno mancava la vera stella dell’attacco dell’Udinese, quel Rodrigo De Paul che in estate sembrava vicinissimo all’Inter, poi alla Fiorentina di Commisso, infine alla Roma di Fonseca. È rimasto in bianconero, ma deve ancora trovare la forma giusta. L’argentino, classe 1994, la passata stagione ha sfiorato la doppia cifra giocando da trequartista e questo dovrebbe essere l’anno della svolta.

Segna poco l’Udinese, segnano poco in Serie A i bomber storici. Per il momento si confermano sugli standard degli ultimi tempi solo Edin Dzeko e Ciro Immobile, quotati come vincitori della classifica marcatori rispettivamente a 15.00 e a 12.00. Il favorito, neanche a dirlo, è Cristiano Ronaldo: la stella della Juventus si gioca ad un quasi scontato 2.50, mentre crolla il piazzamento del vincitore dello scorso anno Fabio Quagliarella, messo in lavagna a 10.00 insieme a Duvan Zapata dell’Atalanta e a Lautaro Martinez dell’Inter. Menzione particolare per Belotti e Mertens (a 21.00) e il ritrovato Higuain (23.00) ma i protagonisti per ora sono gli “dei minori”. Ci sono due del Sassuolo in testa: Mimmo Berardi e Ciccio Caputo, seguiti da quel Alfredo Donnarumma di Brescia che sta strabiliando tutti al primo anno di Serie A. Ma alla bolgia finale ci sono tanti candidati: Insigne, Kouamè, Lukaku.

Non ci sono, insomma giocatori dell’Udinese. Il parco attaccanti a disposizione di Tudor vede, oltre ai quotati Lasagna e Pussetto anche gli usati sicuri Stefano Okaka e Ilija Nestorovski, più la scommessa Lukasz Teodorczyk e i giovani Francisco Sierralta, Bocic Milos ed Eric Lirussi. I gol per la salvezza, però, potrebbero arrivare soprattutto dal centrocampo: De Paul, ma anche Mandragora e Fofana dovranno mettere in campo tutto quello che hanno per trovare la rete e portare punti a casa. Per ora si è segnato col contagocce, dalla prossima gara di campionato contro il Verona è il momento di cambiare marcia.

309