Aperitivo a Grado

Coppa del Mondo di Sci alpino femminile

facebook

photogallery_44.jpgLa Coppa del Mondo di sci alpino femminile torna in Friuli Venezia Giulia, a Tarvisio, dove dal 20 al 22 febbraio sono in programma, nell’ordine, supercombinata, discesa libera e superG sulla pista Di Prampero,l’affascinante tracciato che, unico in Europa nel circuito del Grande Sci, prende il via da un piccolo centro abitato in vetta al Monte Lussari, il più alto borgo d’Europa a quota 1789 metri, per concludersi a Camporosso (815 metri s.l.m.).Nell’estremo Nordest, nella regione più multiculturale d’Italia, Tarvisio rappresenta il confine nord-orientale con la Slovenia e la Carinzia dell’Austria, simbolo di una collaborazione transfrontaliera che anche nello sport, con la candidatura trinazionale per i Giochi invernali 2002 e 2006, ha esaltato il ruolo di una regione dove si parlano almeno quattro lingue ufficialmente riconosciute (italiano, tedesco, sloveno e friulano) e dove, sempre di più, gli eventi dello sport sono considerati e valorizzati come importante veicolo di promozione turistica.“Abbiamo voluto riportare il Circo Bianco in Friuli Venezia Giulia due anni dopo la prima esperienza di Tarvisio – assicura il presidente del Comitato organizzatore e vicepresidente della Regione, Luca Ciriani – perché consideriamo lo sci, ed in particolare la Coppa del Mondo, una vetrina di altissimo livello per la nostra offerta turistica invernale. Recuperando la filosofia che, grazie all’Universiade invernale del 2003, ci ha consentito di operare il vero salto di qualità organizzativo, puntiamo ad attrarre il mercato nazionale e quello dei Paesi contermini con la tipicità di una montagna sobria, sviluppata a dimensione d’uomo”.A Tarvisio, in calendario subito dopo i Mondiali di Val d’Isere e unica tappa italiana di Coppa del Mondo femminile assieme alla classica Cortina, saranno di scena le neocampionesse iridate delle tre discipline veloci e, complessivamente, sono attese oltre 60 atlete in rappresentanza di 15 nazioni. Tra queste, anche le vincitrici del 2007 sulla Di Prampero, le austriache Nicole Hosp (SC) e Renate Goetschl (SG) e l’americana Julia Mancuso (DH) che, nel 2002, ha inaugurato la pista tarvisiana (quasi 4 km di lunghezza, oltre 800 metri di dislivello) trionfando nella discesa dei Mondiali junior e confermandosi in gigante e combinata. Nella stessa edizione della rassegna iridata dei giovani, comunque, Tarvisio può vantare anche l’oro in combinata del norvegese Aksel Lund Svindal, vincitore della Coppa del Mondo 2006/2007, ed il successo in superG di Peter Fill (con mezzo secondo di vantaggio proprio su Svindal), finalmente sul gradino più alto del podio anche in Coppa del Mondo nella discesa di Lake Louise, in Canada, lo scorso 29 novembre.Fonte e Foto: www.worldcuptarvisio.com photogallery_44.jpg 

702