Aperitivo a Grado

Dalai Lama: l’uomo, il nobel, il santo.

facebook

dalai lama

E’ cominciata la tre giorni del Dalai Lama, sua santità Tenzin Gyatso, a Udine. Stamattina, in una giornata baciata da uno splendido sole, il Dalai Lama, presentatosi in Castello con quasi tre ore di ritardo dovute a problemi di volo, si è presentato ricevendo i saluti delle autorità e ha dato alla stampa la possibilità di porgli alcune domande. La Farnesina, parlando dell’incontro dei prossimi giorni a Roma, si è affrettata a precisare che l’incontro non sarà di carattere istituzionale ma si tratterà di un incontro di carattere morale. Segue un esclusivo foto racconto

A Udine il Dalai Lama è venuto grazie al centro buddista Cian Ciub Cio Ling di Polava di Savogna e parteciperà nei prossimi giorni anche a degli incontri organizzata al centro Balducci di Don Di Piazza e a delgi incontri con l’ateneo udinese.

La sensazione questa mattina è stata comunque, felice di essere smentito dai fedeli buddisti, di un incontro con un’autorità politica morale più che con un’autorità religiosa. Sarà stato forse l’ambiente, con tutti le autorità locali a dare il benvenuto al Dalai Lama, saranno state le domande della stampa, eppure la sensazione che ho avuto questa mattina è stata quella di una specie di Gandhi in esilio dal suo paese.

Infatti le domande si sono concentrate su guerra e religione “non sono le religioni che portano la guerra e l’odio”, sulla speranza in riferimento alla recente enciclica di benedetto XVI “la speranza è alla base dell’esisitenza”, sul tema mondiale dell’emigrazione raffrontato al Friuli, antica terra di emigranti che ora si oppone all’arrivo in massa di stranieri “ è dovuta al grande gap economico fra mondo ricco e mondo povero” e sulle prossime olimpiadi che saranno ospitate dalla Cina, paese che ha invaso il Tibet “mi auguro che in Cina, il governo, gli intellettuali e gli imprenditori risolvano la non esemplare situazione del rispetto dei diritti umani, della libertà religiosa e di stampa.”

In ogni caso la massima autorità religiosa buddista ha dato l’impressione di essere lontano anni luce dagli atteggiamenti di un politico dimostrandosi affabile e umile, una specie di profeta illuminato per una via diversa da quella proposta dal edonismo sfrenato e nichilista del mondo occidentale.

L’ARRIVO IN CASTELLO A UDINE
dalai lama

dalai lama
INCONTRO CON LE AUTORITA’

dalai lama

dalai lama

dalai lama

INCONTRO AL TEATRO GIOVANNI DA UDINE
dalai lama

dalai lama

dalai lama

dalai lama

dalai lama

dalai lama

766