Aperitivo a Grado

Epifania 2017: cosa fare dove andare – la guida ai Pignarul

facebook

 

PIGNARUL TARCENTO 2015-28Epifania 2017: i falò ardono in tutto i borghi e paesi del Friuli Venezia Giulia il 6 gennaio 2017.
I falò di inizio anno sono una tradizione popolare dell’Italia nord-orientale consistente nel bruciare delle grandi cataste di legno e frasche nei primi giorni di gennaio, solitamente la vigilia dell’Epifania. Data la sua larga diffusione, ne esistono moltissime versioni e denominazioni: in Friuli è detto pignarûl (o, in alcune zone della Bassa friulana, cabossa), in Bisiacaria seima, nelle provincie di Treviso, Pordenone e Venezia panevìn o panaìn (da pan e vin “pane e vino”, in segno di augurio per un anno di abbondanza), ma anche pìro?a-pàro?a, vècia (“vecchia”: le pire possono assumere la forma di un fantoccio), fogherada e bubarata, nel basso Friuli e nel Veneto Orientale foghèra o casèra, nel Veronese e nel Polesine briolo, buriolo, brugnèlo, brujèo, bruja e simili.

Inviateci i vostri video dei farò epifanici con un messaggio alla nostra pagina Facebook o utilizzando WhatsApp o Telegram al nostro numero 388 4285364

5 GENNAIO

  • LATISANA – Foghera tal tiliment – dalle 18:00 -Lo spettacolo che ogni anno gli Amici della Foghera regalano al proprio pubblico è ormai giunto alla 28^ edizione! Venite a scoprire uno spettacolo suggestivo che riporta chi lo guarda indietro nel tempo tra tradizioni e antiche credenze.
  • PAULARO – La femenate – La Fèmenate è una tradizione molto sentita nella Val d’Incarojo. Vi partecipano quasi tutte le frazioni del comune e rappresenta uno degli spettacoli più suggestivi legati ad antiche ritualità. Il nome “Fèmenate” (donnaccia o strega) si riferisce alle caratteristiche negative idealmente racchiuse nel grande fantoccio bruciato il giorno precedente l’Epifania.
    Al calar della sera gli abitanti di ogni singolo villaggio si accalcano attorno al loro simulacro per vederlo bruciare. Il Vecchio Saggio, dalla miriade di faville che ne scaturiscono, trae gli auspici per l’anno nuovo.
  • SAURIS – dalle 17:30 – il sedere della belin – Manifestazione suggestiva ispirata al magico mondo delle superstizioni e della fantasia, in particolare legata in questo caso al personaggio della “Bélin”, una vecchia donna che costringeva i saurani a baciarle il sedere per poter oltrepassare il confine della località e uscire dal proprio paese.
  • GRADO – Arrivano le varvuole –  Le Varvuole, streghe di mare, arrivano puntuali a Grado ogni 5 gennaio e per sempre arriveranno…Giungono a Grado con le barche di vetro per rapire i bambini e saccheggiare le case. L’unica difesa dei Gradesi casoneri è pregare e ungere le maniglie con l’aglio e cospargere le porte di acquasanta. Le Varvuole simboleggiano l’eterna paura del mare (che rappresenta sempre l’incognito) e le scorribande dei pirati Uscocchi, i feroci pirati dalmati (ragioni storiche). Ore 17.00 – Porto Mandracchio
  • ARIIS – incendio sul fiume – dalle 19:30 Fuoco epifanico sull’acqua del fiume Stella, seguirà cena su prenotazione, allieterà la serata Belotti Daniele.
  • LATISANA – La foghera di Sabbionera – dalle 18:30 Accensione falò, musica e arrivo della Befana.
  • LATISANA -arriva la befana – dalle 16:30 Animazioni per bambini, pignarùl in miniatura, bevande calde per tutti e distribuzione delle calzette da parte della Befana.
  • FORNI DI SOPRA – La befana cul Firal – dalle 18:00 frazione Cella – Insolita discesa della befana, che si calerà dal campanile di Cella, per distribuire i suoi doni a tutti i bambini. Dopo la S. Messa delle 18.00.A seguire spettacolo pirotecnico senza botti.
  • SESTO AL REGHENA – Luci e fuochi sul lago Paker – Programma:Immersione dei subacquei nelle acque del lago ed accensione di alcuni simboli beneauguranti, uscita dal lago di una singolare befana, accensione del tradizionale falò epifanico, vichinghi prepareranno il Gran Pampel, Ore 22.00 suggestivo spettacolo pirotecnico. Fornitissimi stand offriranno pinza, cioccolato, the, vin brulè, e Gran Pampel.  Il ricavato sarà destinato alla gestione della casa di Natale
  • LIGNANO – Foghera – Esibizione del Circolo “L. Garzoni” di Lignano, dolce tradizionale offerto dal Gruppo Alpini; alle ore 17.00 Arrivo della Befana ed alle ore 17.30 accensione della Foghera – Pinarûl
  • CAMPOROSSO – Fiaccolata – Dalle 18.00 sulla Piana dell’Angelo Fiaccolata di Perchta Baba, spettacolo pirotecnico
  • ARTA TERME – il paese dei magi – Festa tradizionale in onore dell’arrivo dei Magi e della stella. Programma: Ore 18.00 Inizio festeggiamenti con degustazione vin brulè, sopes indorades e altri piatti della tradizione Ore 20.30 Arrivo dei Re Magi e della Stella Ore 21.00 Accensione falò e pronostici per il nuovo anno
  • GORIZIA – PIgnarul – Sesto anno  consecutivo per il pignarul  che si svolgerà zona artigianale  “delle Casermette” in via Montesanto, il falò epifanico verrà acceso dalle frecce infuocate. Sarà inoltre a disposizione panini e bibite che si potranno acquistare durante tutta la serata. Organizzata, dopo il fuoco, una tombola con diversi premi in denaro, monte premi 800,00.
  • TURRIACO -Seimo 2017 – il 5 gennaio presso la piazza grande alle ore 17.30 accensione del fuoco epifanico e chioschi enogastromici.
  • PIERIS- Seima di Pieris e Seima di San Canzian. Fuochi epifanici giovedì 5 gennaio a partire dalle ore 19.00 organizzati dalla locale Pro loco in collaborazione rispettivamente con il “Gruppo Seima de la Barca “e con gli “Amici della Seima”.
  • TARVISIO – Befane in piazza – Intrattenimento con le Befane dalle 17:30
  • VALVASONE – Zir dai arboras – Una tradizione tutta valvasonese, con i falò che vengono chiamati in friulano locale “arborâs” e sono realizzati in ogni località del borgo castellano.
    Il circolo Erasmo da Valvason, assieme al Gruppo marciatori e a quello scout, organizza il giro in bicicletta dei vari falò.
  • PIANCAVALLO – Befana in piazza – Fiaccolata della Befana, con falò e spettacolo pirotecnico.
  • PALMANOVA – Pignarul  -Alle ore 19.00 accensione del “Pignarûl dell’Epifania” e brindisi benaugurale.

 

6 GENNAIO

  • TARCENTO – Pignarul grant –  LINK – Il 6 gennaio sul fare della sera il corteo storico sfila tra la folla percorrendo le vie del centro cittadino. Il Venerando racconta d’antiche Epifanie, poi sale, in fiaccolata, verso Coia, seguito da migliaia di torce dando così vita a uno spettacolare nastro di fuoco lungo i tornanti della collina. Il Vieli Venerando (Vecchio Venerando), figura simbolica di nonno e di narratore, accende il grande falò, il Pignarûl Grant, e predice in base alla direzione del fumo l’andamento della nuova annata. A chiusura della manifestazione ci sarà un grandioso spettacolo pirotecnico.
  • CIVIDALE – Messa dello spadone – LINK – A partire dalle ore 09.30, ha luogo la celebrazione dell’Epifania del Tallero. Dame, conti, cavalieri, armigeri e popolani: questi i partecipanti alla sfilata della Messa del tallero, una delle manifestazioni più significative dell’Epifania.
  • GEMONA – Epifania del tallero – LINK  – Dame, conti, cavalieri, armigeri e popolani: questi i partecipanti alla sfilata della Messa del tallero, una delle manifestazioni più significative dell’Epifania in Friuli,  da quest’anno con una liturgia più arricchita. Un corteo che, com’é nella tradizione, parte da palazzo Boton, sede del Municipio, e, percorrendo la ricostruita via Bini, arriva in duomo.
  • AQUILEIA – Cabossa –  LINK –  Un tempo la Cabossa veniva preparata ed accesa da ogni famiglia utilizzando cose povere ed ormai inutili, non certo le canne del mais che erano usate come lettiera per gli animali. I tempi, non certo di grande abbondanza e prosperità, non davano alle persone grandi occasioni per stare in allegria, perciò la notte dell’accensione dei fuochi epifanici era sera di festa.Osservando e scaldandosi accanto al fuoco, si beveva il Vin Brulè e si mangiava la salciccia cantando filastrocche in friulano come per esempio “Pan e Vin”, mentre i vecchi saggi traevano gli auspici per la nuova annata agraria osservando la direzione del fumo.
  • GEMONA Medili epifanico – Ore 18.00 – 22.00 Arrivo dei Re Magi ed accensione del “Medili” epifanico. L’appuntamento prevede una rappresentazione dell’Arrivo dei Re Magi in adorazione al Bambin Gesù (che viene impersonato da un bambino della borgata nato nel 2016), con la conseguente accensione del Fuoco Epifanico e le previsioni per il Nuovo Anno. Degustazioni di “Brovade e Muset”
  • VENZONE – Arrivano i re magi  -In Piazza Municipio, alle ore 14.30, Arrivano da Oriente i Re Magi, a cura della Pro Venzone, alle 15.15 dopo aver consegnato i regali ai più piccoli porteranno i loro saluti agli anziani ospiti della Casa di Riposo i Venzone, per concludere la serata dalle ore 16.00 alle 18.30 presso il Centro Sociale Ricreativo della Pro Loco di Portis.
  • TARVISIO – Fiaccolata della befana – Fiaccolata della Befana a Fusine Val Romana dalle ore 17.00 presso il piazzale del Consorzio Pascoli di Fusine nei pressi del negozio “Alimentari Smile”.
    Caramelle per i bambini the e vin brulè per tutti.
  • PALMANOVA – Pignarul – Via Valleresso – Alle ore 19.00 accensione del tradizionale Pignarûl epifanico
  • BUTTRIO – la fugarele – I festeggiamenti incominceranno dalle ore 17.30 Animazioni per bambini, arrivo dei magi e … delle befane in moto, bevande calde per tutti !
  • GRUPIGNANO – Fogarissa – Tradizionale falò di inizio anno a Grupignano
  • TEOR – La foghere – – ore 18.00: inizio festeggiamenti con Dj Frankie – ore 19.00: accensione del Pignarûl e arrivo della Befana
  • TERZO D’AQUILEIA – Pignarul – Festa per l’accensione del falò epifanico alle ore 17.00. In collaborazione con l’associazione dei Cacciatori ed il gruppo Amici del Folklore
  • DUINO AURISINA – PIgnarul  -Ore 17.00 inizio manifestazione con intrattenimento musicale Ore 18.00 accensione del Pignarul
  • PORDENONE – La befana scende dal campanile – La befana vien giù dal campanile per portare caramelle (o carbone?) a tutti i bambini! A partire dalle 15.00 ci sarà musica per bambini e un piccolo chiosco con crostini succulenti e prodotti del territorio. A cura dell’associazione il Castello e del Comando Provinciale dei vigili del Fuoco.
  • SESTO AL REGHENA – Ciaminada  con la befana – Venerdì 06 Gennaio 2017 ore 14.00 “Ciaminada da la Befana” Con partenza dal campo sportivo di Ramuscello Ore 17.00: arrivo della Befana ed accensione del falò.
  • MUGGIA – Motobefana – La Motobefana di Muggia è giunta alla sua 6. edizione. Ritrovo in Piazza Marconi ore 12.00 e partenza ore 13.00 con rientro alle 16,30
  • MUGGIA – Befaniadi  -Le Olimpiadi delle Befane meglio conosciute come Befaniadi.dalle 16:30
  • COLUGNA Pignarul di Chei di Culugne nell’area verde sportiva

 

12.367