Aperitivo a Grado

ERT riparte dopo una buona stagione

facebook

Gio Di Tonno91 spettacoli circuitati in 22 teatri del Friuli Venezia Giulia per un totale di 177 repliche e un pubblico che ha coperto il 77% dei posti disponibili. comunicato stampa dell’ERT

Sono questi, in estrema sintesi, i dati fatti segnare dalle 21 stagioni di prosa che fanno capo all’Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia nel 2008/2009. Il presidente Angelo Cozzarini e il direttore Renato Manzoni li hanno illustrati – assieme all’attività di TeatroeScuola e alla rassegna Piccolipalchi – nel corso di una conferenza stampa nella quale si è anche tolto, almeno in parte, il velo alle rassegne 2009/2010.
Partendo dalle stagioni appena andate in archivio, il direttore Manzoni ha sostenuto che “il pubblico sta continuando a premiare le nostre scelte. In quattro anni abbiamo avuto un’occupazione dei posti a teatro sempre superiore ai 3/4 del totale disponibile, un dato che nasce dalla cultura teatrale della nostra terra e dalla capacità di tastare il polso del pubblico attraverso una intensa e proficua collaborazione con i Comuni e le Associazioni presenti sul territorio”. L’introduzione, da due anni, di un questionario di gradimento dei singoli spettacoli e dei servizi erogati ha contribuito in parte al successo delle stagioni. “Ovviamente non ci illudiamo – ha spiegato il presidente Cozzarini – i tagli ministeriali alla cultura e la congiuntura economica non sono certo fattori positivi per la crescita del teatro. Anche per questo motivo è ancora più sentito il nostro ringraziamento alla Regione FVG che ci ha sempre appoggiati credendo nella nostra attività e permettendoci di operare in diverse direzioni – la prosa, il teatro per le scuole e l’edilizia teatrale – per fornire un servizio sempre migliore”.

Ritornando ai dati, le presenze totali nelle sole stagioni di prosa hanno raggiunto le 51’500 unità, mentre gli abbonati sono stati quasi 5’200. Dei 91 spettacoli circuitati, 27 – per un totale di 44 repliche pari al 25% del totale (si arriva al 33% inserendo anche le repliche delle rassegne Teatro in Collina e Piccolipalchi, di cui si dirà in seguito) – sono stati prodotti nel Friuli Venezia Giulia a dimostrazione dell’attenzione riservata dal circuito alle produzioni di qualità delle compagnie regionali. Entrando nel merito dei singoli spettacoli, il pubblico ha emesso i suoi “verdetti” attraverso il questionario di fine stagione, stilando una classifica di gradimento. I titoli più votati sono stati la commedia corale “Bello di papà” con Vincenzo Salemme, l’epopea rock “Sarà una bella società” di Edmondo Berselli con Shel Shapiro, le “Ragazze” di Lella Costa, i trasformismi di Ennio Marchetto (“A qualcuno piace carta”), l’affiatata coppia Amanda Sandrelli – Blas Roca Rey con il loro “Xanax”, le operette “Cin ci là” e il “Paese dei campanelli”, il “Sior Todero Brontolon” di Carlo Goldoni nella versione di Giulio Bosetti, e i “Viaggiatori di pianura” Natalino Balasso e Laura Curino. Per quanto concerne i generi, invece, i preferiti dal pubblico si confermano la commedia e il comico (il dato dell’anno scorso era analogo). Oltre a musical e alla operetta, aumenta però la richiesta per i classici del teatro e per gli spettacoli di narrazione e in marilenghe.

All’interno delle attività collaterali del circuito – tra le quali segnaliamo anche la collaborazione con il Servizio Associato Cultura della Comunità Collinare per la rassegna di teatro amatoriale “Teatro in Collina” (19 spettacoli per 25 recite) – merita una menzione particolare “Piccolipalchi”, l’ultima nata tra le proposte ERT, che nel 2008/2009 ha compiuto tre anni e ha proposto 15 titoli per un totale di 29 recite. La rassegna di teatro ragazzi della domenica pomeriggio ha fatto segnare una continua crescita nei suoi tre anni di vita. Sono aumentate le piazze del circuito che hanno aderito alla proposta (l’anno venturo saranno, con ogni probabilità, 13), sono aumentati gli abbonati (dai 334 della stagione scorsa si è passati a 429) e soprattutto sono aumentate di oltre il 30% le presenze totali, giunte a quota 4’700.

Restando in tema di consuntivi, anche TeatroeScuola ha mandato in archivio la stagione, la n. 21 della sua storia. Il progetto dell’ERT dedicato alla scuola nei 29 progetti di zona (oltre 130 i Comuni coinvolti, dal Pordenonese alla Valcanale, dalla Carnia a Trieste, con tanto di sconfinamento, per la prima volta, in Istria) ha visto 25’000 bambini e 1’500 insegnanti nelle vesti di spettatori delle 181 repliche di spettacoli. In scena sono andate 46 compagnie teatrali, tra le quali 7 regionali e 2 straniere e le restanti scelte tra le migliori del panorama italiano. 800 sono stati gli insegnanti che hanno partecipato ai laboratori di aggiornamento mentre i laboratori per gli alunni hanno coinvolto più di 8’000 bambini e ragazzi.
Come sempre non sono mancati i progetti speciali, nei quali i bambini hanno potuto approfondire alcuni aspetti legati al teatro e, più in generale, ai mezzi espressivi. Tra i progetti speciali ricordiamo “MAT+S” a Monfalcone, che approfondisce il rapporto tra i diversi linguaggi artistici e la scienza, i programmi radiofonici “Simulisì Simulisà”, “Rimbambelle” e i neonati “Rimbambook” e “Radiosveglia” (tutti in onda sulle frequenze di Radio Spazio 103, grazie alla collaborazione con la radio udinese), il “Teatro di Voci” a Maniago con la fusione tra esperienza corale (grazie alla collaborazione dell’USCI) e teatrale e gli storici “Videoset” (laboratorio permanente sull’immagine e la televisione reso possibile dal sostengo della Fondazione CRUP) e “Teatro fatto di niente” .
Inoltre, sono state realizzate alcune mostre interattive e l’attività del Progetto nei capoluoghi è stata coordinata attraverso dei protocolli con gli operatori locali: La Contrada (Trieste), il CTA (Gorizia), il CSS (Udine) e Ortoteatro (Pordenone).
Ma Teatro&Scuola non si ferma ed ha già preparato l’offerta di laboratori e di spettacoli 2009/2010, contenuti nell’Astuccio delle proposte, pubblicazione presentata ad inizio giugno e disponibile anche on-line al sito www.teatroescuola.it .

Ritornando alla prosa probabilmente nel 2009/2010 le stagioni ERT si arricchiranno di una nuova piazza. In questi giorni l’ERT e il Comune di Spilimbergo stanno lavorando affinché il Teatro Miotto diventi la casa della 22a rassegna del circuito, grazie anche alla collaborazione con l’Associazione Culturale Folkgiornale.

Per quanto concerne, invece, le scelte artistiche, la conferenza stampa ha svelato i titoli di alcuni spettacoli che a partire da novembre andranno in scena sui palcoscenici dell’ERT. Precedentemente si è detto dell’attenzione del circuito alle produzioni del Friuli Venezia Giulia, ebbene, quest’anno toccherà proprio ad alcuni lavori prodotti nella nostra regione aprire il sipario delle stagioni 2009/2010.

La coproduzione La Contrada di Trieste e CSS Udine “Capriole in salita”, tratta dal romanzo d’esordio di Pino Roveredo e sostenuta dall’ERT per il particolare interesse regionale e sociale della proposta, avrà per protagonisti Massimiliano Borghesi, Giorgio Monte, Maria Grazia Plos, Marzia Postogna, Ariella Reggio e Maurizio Zacchigna.

Gianrico Tedeschi, classe 1920, dopo i successi delle “Ultime lune” e della “Rigenerazione”, ritorna a stupire il pubblico con la commedia con musiche “Metti in salvo il tesoretto”, ispirata all’Aulularia di Plauto e prodotta dagli Artisti Associati di Gorizia, che vedrà coinvolte le bande musicali delle singole piazze.

Maurizio Micheli e Tullio Solenghi sono gli autori e gli interpreti di “Italiani si nasce”, sottotitolato “e noi lo nacquimo”, una coproduzione La Contrada di Trieste – Procope Studio che, a 150 anni dall’Unità d’Italia, riflette con ironia sul costume italico, sul nostro carattere nazionale che, malgrado i decenni passino, non sembra cambiare.

Le “Indemoniate” ritornano. Il cast di “All Stars FVG” (Massimo Somaglino, Sandra Cosatto, Federico Scridel, Andrea Collavino e la recente vincitrice del Premio Scenario Marta Cuscunà) racconterà l’episodio di possessione collettiva avvenuto a Verzegnis a fine Ottocento. La produzione è Teatro Stabile del FVG e Teatro Club Udine.

Fabiano Fantini, Claudio Moretti ed Elvio Scruzzi saranno i protagonisti di “Forest”, una commedia d’ispirazione inglese (Pinter e i “giovani arrabbiati” sono chiaramente i riferimenti) che ha debuttato con successo il mese scorso. La produzione è del CSS Teatro stabile di innovazione del FVG.

Il Teatro Stabile del FVG presenterà in apertura di stagione “Vita di Galileo” di Bertolt Brecht con Franco Branciaroli, monologo che sonda i temi del senso di responsabilità dell’uomo, della ricerca e dell’etica, dello scienziato e del potere.

Uscendo dai confini regionali, la grande novità della prima parte di stagione sarà il musical “Oscuro e la Strega”. Presentato in prima nazionale al Teatro Comunale di Vicenza lo scorso 27 maggio, “Oscuro e la Strega” è ispirato da una fiaba di Marina Rossi, si avvale delle musiche di Giorgio Bernabò e nel cast annovera cantanti di grande qualità quali Gio’ di Tonno, Elena Tavella, Chiara Luppi e Tiziana Guerra.

Nel corso dell’annata teatrale verranno proposti nuovamente alcuni spettacoli che il pubblico ha dimostrato di gradire nella stagione scorsa. Tra gli altri, Ottavia Piccolo sarà ancora la protagonista de “La commedia di Candido” di Stefano Massini, l’affiatata coppia Massimo Venturiello –Tosca allestirà nuovamente l’adattamento teatrale del felliniano “La Strada”, e tornerà in circuito anche “Michelina”, la commedia con musiche di Edoardo Erba con Maria Amelia Monti e Giampiero Ingrassia.

Infine, tra le novità 2009/2010 citiamo Alessandro Haber impegnato in una pièce di Cechov, “Platonov”, Gianmarco Tognazzi in “Die Panne”, un lavoro teatrale di Friedrich Dürrenmatt, Moni Ovadia con “Shylock” e Amanda Sandrelli e Blas Roca Rey che porteranno in scena non più “Xanax” ma il loro nuovo spettacolo “Con il piede giusto”, testo e regia firmati da Angelo Longoni.

Come da tradizione, tutti i calendari, che sono in fase di definizione assieme ai Comuni e alle Associazioni del circuito, saranno svelati nel mese di settembre.

506