Aperitivo a Grado
facebook

img-4628.jpgdal 7 marzo al 13 aprile a Colloredo di Monte Albano, Fagagna e San Daniele. Milton Glaser, Lorenzo Mattotti, Renato Calligaro: tre grandi artisti presentano in contemporanea la loro opera in tre diverse località storiche del Friuli collinareIMG_4583.JPG

IMG_4584.jpg

IMG_4592.jpg

IMG_4628.jpg

IMG_4634.JPG

IMG_4643.jpg

IMG_4657.JPG

IMG_4674.JPG

IMG_4681.jpg

IMG_4702.jpg

IMG_4729.jpg

“Glaser Mattotti Calligaro. Il destino della pittura” è il titolo della mostra, curata dalla Galleria Nuages di Milano, che è stata inaugurata sabato 7 marzo con un percorso di visite guidate – presenti gli autori – che ha toccato tutte e tre le sedi espositive, a partire, dal Museo del Territorio di San Daniele, dove espone Calligaro, passando poi al Palazzo Municipale di Fagagna, che ospita Mattotti, e concludendo, al Castello di Colloredo con Glaser.La mostra propone, in ognuna delle tre sedi, un’ampia selezione di opere – in tutto oltre duecento – di tre fra i massimi protagonisti del graphic design contemporaneo: Milton Glaser, il più noto e carismatico designer della seconda metà del Novecento, Lorenzo Mattotti, illustratore, disegnatore, autore di fumetti dall’inesauribile versatilità, e Renato Calligaro, una delle “matite” più innovative nel panorama europeo dell’illustrazione e del fumetto.La mostra, si inserisce nel vivo del dibattito culturale sul destino dell’arte figurativa nel mondo dominato dalla tecnica. Le opere esposte propongono di fatto tre possibili e originali risposte all’interrogativo implicito nel titolo dell’esposizione. Fondere in un’unica prassi la grafica, la pubblicità, l’illustrazione, il fumetto e la pittura, mantenendo altissimo il livello della qualità formale potrebbe essere uno dei percorsi obbligati per un recupero del valore e del ruolo della pittura.La mostra, sarà visitabile, con ingresso libero, fino al 13 aprile, dal lunedì al giovedì per i gruppi (minimo venti persone e su prenotazione, telefonando allo 032-201408), dal venerdì alla domenica dalle 9.30 alle 12.30 e, solo nei fine settimana, anche dalle 15.30 alle 19.

 

Sedi della mostra:

MILTON GLASER. IL DESTINO DELLA PITTURACastello di Colloredo di Monte AlbanoColloredo di Monte Albano (UD)LORENZO MATTOTTI. IL DESTINO DELLA PITTURAPalazzo MunicipalePiazza Unità d’Italia 2, Fagagna (UD)RENATO CALLIGARO. IL DESTINO DELLA PITTURAMuseo del TerritorioVia Udine 4, San Daniele del Friuli (UD)

 

Milton Glaser, newyorchese, è il più noto e carismatico designer della seconda metà del Novecento: autore del famosissimo manifesto di Bob Dylan (1966) e della serie di elaborazioni grafiche per la Valentina di Olivetti (1968), del ruggente Leone della Biennale di Venezia 1980 e della serie di manifesti “I love New York” (con il cuore a sostituire la parola “love”), è stato definito un “artista completo, nel senso rinascimentale del termine, antico e moderno al tempo stesso” ed è considerato un maestro da innumerevoli schiere di designer nel mondo.

 

Lorenzo Mattotti, artista “europeo” la cui ricerca espressiva ha avuto inizio in quella fucina di creatività che sono stati gli anni Settanta in Italia, collabora con i più importanti giornali e riviste del mondo, illustra testi classici per adulti e per l’infanzia – dalla Divina Commedia alle Avventure di Pinocchio – crea storie a fumetti, copertine e film di animazione, campagne pubblicitarie e manifesti di impegno civile in un personalissimo ed eclettico crescendo creativo che gli ha meritato prestigiosi premi internazionali.

 

Renato Calligaro, friulano con una lunga immersione nell’immaginario mitico della cultura latinoamericana, come illustratore e vignettista di satira politica ha collaborato a numerosi giornali e riviste e pubblicato libri da Feltrinelli e Rizzoli, operando una fusione fra pittura, sua disciplina d’origine, grafica pubblicitaria e fumetto e trasformando la polivalenza delle tecniche e degli stili in una vera e propria “avventura” narrativa del linguaggio. Come teorico della modernità in crisi ha fondato e dirige la rivista di psicologia, fenomenologia e antropologia dell’arte TempoFermo, che ospita saggi e discussioni sulla situazione e sulle funzioni dell’arte nella contemporaneità dominata dalla Tecnica.Orari di apertura:dal lunedì al giovedì: su prenotazione per gruppi allo 0432-201408 (minimo 20 persone)venerdì: dalle 9.30 alle 12.30sabato e domenica: dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.00

 

Foto: Ranieri Furlan

 

Fonte: ufficio stampa – associazione culturale vicino/lontano

534