Aperitivo a Grado

Friuli Doc: Parcheggi aperti fino alle 4

facebook

A Friuli Doc parcheggi in struttura aperti fino all’una di notte giovedì e domenica e fino alle 4 del mattino venerdì e sabato. Il Sistema Sosta e Mobilità, di concerto con gli uffici Mobilità del Comune di Udine, ha predisposto il piano in occasione della kermesse cittadina. Tutti i dettagli all’interno
Tranne il park Caccia, che osserverà i normali orari di apertura (7-21) e il Venerio (aperto 24 ore su 24), infatti, tutte le altre strutture sotterranee (Andreuzzi, Magrini e Tribunale) saranno aperti praticamente tutta la notte, per consentire di parcheggiare la propria auto senza preoccupazioni di riprenderla entro l’orario di chiusura godendosi fino a tardi la festa dedicata all’enogastronomia e alle tradizioni regionali.
Ma per tutti quelli che l’auto non vorranno guidarla fino in centro storico, saranno a disposizione i parcheggi gratuiti dello Stadio, di via Chiusaforte, del Partidor e del Teatro Nuovo. Sarà da tutte queste aree che la Saf metterà a disposizione le tradizionali linee di autobus urbano, in particolare le linee 1, 2, 4 e 5, oltre alla linea speciale 9 che collegherà il parcheggio scambiatore dello Stadio Friuli/Fiera fino in città.
Il Comune, inoltre, ha chiesto alla Saf una proposta per quanto riguarda le tariffe agevolate in occasione di Friuli Doc e l’azienda di autotrasporti ha deciso per il “biglietto speciale Friuli Doc”, che per 2 euro avrà validità giornaliera. Anche gli orari del servizio saranno ampliati. Le linee 2 e 5, infatti, venerdì e sabato circoleranno fino all’1.30 e domenica fino a mezzanotte e mezza. La linea 9, invece, partirà dalle 17.30 per proseguire le sue corse fino all’1.30 di venerdì e sabato e fino alla mezzanotte e mezza di domenica.
Anche per quest’anno, infine, il Comune garantirà il trasporto gratuito sul colle del castello per tutte le persone con ridotta capacità motoria (anziani e disabili) in modo tale da consentire di raggiungere agevolmente gli stand presenti sul punto più alto della città.

Fonte: Ufficio Stampa Comune di Udine

friulidoc2009_

399