Aperitivo a Grado

Friuli: sciopero dei consorzi di bonifica – 30 giugno 2016

facebook

sciopero udineLe Segreterie nazionali di FAI-Cisl, FLAI-Cgil e FILBI-Uil, unitamente alla delegazione trattante, hanno dovuto prendere atto, nella due giorni di trattative del 7-8 giugno u.s., dell’impossibilità di proseguire il confronto per il rinnovo del CCNL, scaduto il 31.12.2014 e cioè da ormai 18 mesi, che interessa 200 dipendenti nella nostra regione e circa 10.000 a livello nazionale.

I lavoratori che operano con elevata professionalità, garantiscono innanzitutto la sicurezza idraulico-ambientale oltre l’irrigazione delle colture e soprattutto in momenti ‘cruciali’ come questi di cambiamenti meteorologici, si dimostrano essenziali per la loro attività di controllo, di vigilanza e di intervento dove le abbondanti precipitazioni se non opportunamente veicolate, potrebbero creare non poche difficoltà al territorio e alle popolazioni che vi dimorano.

La due giorni di trattativa nazionale doveva servire a chiudere il rinnovo contrattuale; invece ci si è trovati di fronte a una controparte che:
non solo si è bloccata sull’aspetto economico proponendo un aumento del 2,7% su 4 anni, escludendo in partenza una trance economica per il 2015;
chiede di ridurre le agibilità sindacali,
non ascolta le nostre richieste di aggiustamenti normativi sui lavoratori stagionali, determinanti nei momenti di irrigazione;
vuole peggiorare le norme contrattuali sul demansionamento, applicando il jobs act.

A fronte della chiusura della controparte le OO.SS. hanno deciso, di effettuare:

SCIOPERO a livello REGIONALE, in FRIULI VENEZIA GIULIA, GIOVEDI’ 30 GIUGNO 2016;

SCIOPERO a livello NAZIONALE per il giorno 28 luglio p.v.

il blocco degli straordinari dal 26 luglio al 3 agosto, su tutto il territorio nazionale.

488