Aperitivo a Grado

Gli studenti del Sello per Haiti

facebook

sello

Gli studenti del Sello disegneranno i nuovi loghi della manifestazione benefica “Le Corse per Haiti”. Grazie all’accordo siglato oggi nella sede dell’istituto cittadino, a firma del preside Antonio De Ruosi e del presidente dell’associazione sportiva Sante Chiarcosso, è stato bandito un concorso dedicato a tutti i giovani artisti “in potenza”.

Il progetto, che per la prima volta vede l’associazione coinvolgere i più giovani, si concluderà a fine febbraio, con le premiazioni dei vincitori. Gli alunni delle classi 3^,4^,5^ della scuola, con l’ausilio dei docenti di progettazione e laboratorio di grafica, sono chiamati ad ideare i nuovi loghi relativi ai vari eventi che compongono la manifestazione denominata “Le Corse per Haiti”. Una kermesse sportiva – ciclismo, corsa, mountain bike – che da 18 anni devolve tutti gli introiti alla ONG Pane Condiviso, operante a favore delle bambine di strada haitiane. L’ultima edizione ha fruttato 30.000 euro interamente donate a suor Anna D’Angela, friulana di Varmo che da 53 anni si dedica con amore a questa missione.

I loghi ideati dai giovani concorrenti dovranno contenere, in forma grafica, uno o più elementi rappresentativi delle manifestazioni, nonchè essere realizzati sia su supporto informatico sia su supporto cartaceo. A valutare gli elaborati, e ad assegnare i premi in denaro per i primi tre classificati, sarà una commissione formata da docenti dell’istituto (professori Corrado Albicocco, Alessandra D’Este, Federico Santini e Maurizio Valentini) e una rappresentante dell’associazione sportiva Chiarcosso.

Il preside Antonio De Ruosi è pienamente consapevole del ruolo che in futuro i giovani dovranno avere all’interno della società, ed è per questo che ha sposato la causa: “Il nostro istituto è ovviamente interessato a questo tipo di progetti, poichè sensibilizzare i nostri ragazzi sui temi della solidarietà e dell’aiuto reciproco è una delle missioni della scuola”. “Abbiamo in atto diverse iniziative similari” – continua il dirigente scolastico, che festeggia trent’anni di presidenza – “anche nell’ambito di altri temi come la disabilità o gli incidenti stradali, e partecipiamo sempre con entusiasmo. Anche perchè il tipo di elaborati richiesti, come in questo caso, si inserisce pienamente anche nel curriculum scolastico degli studenti, soprattutto quelli dell’indirizzo in grafica pubblicitaria, che quando si diplomeranno dovranno poi misurarsi con lo stesso tipo di lavoro.”

545