Aperitivo a Grado

Gol: la lenghe dal sport

arlef
L’Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane ha festeggiato in anteprima festa della Patria del Friuli (che cade il 3 di Aprile) con “Gol: la lenghe dal sport” una nuova pubblicazione dove, per la prima volta, si studia il rapporto che esiste tra lo sport e le lingue meno diffuse in Europa.
Dopo l’introduzione del Direttore dell’ARLeF Massimo Duca e gli interventi di Lorenzo Zanon, Presidente dell’ARLeF e Franco Soldati, Presidente dell’Udinese Calcio, William Cisilino, componente del Comitato Tecnico Scientifico dell’ARLeF ha illustrato il volume presentando le due autrici Federica Angeli e Priscilla De Agostini.
La storia della pubblicazione è partita già lo scorso anno in occasione del convegno internazionale Lenghis in goal, organizzato dalla UISP (Unione Italiana Sport per Tutti) col supporto del Servizio Identità Linguistiche della nostra Regione. In quell’occasione Federica Angeli e Priscilla De Agostini, operatrici linguistiche, erano intervenute con una relazione incentrata giustappunto sul rapporto che lega le manifestazione sportive e le lingue minoritarie a livello europeo, con un focus particolare sul FC Barcelona, come esempio di società sportiva con una sua politica linguistica precisa e strutturata. Nei mesi scorsi, in seguito alla stipula del protocollo d’intesa fra l’Agjenzie e la Società Udinese Calcio, si è ripreso in mano il materiale e si è deciso di aggiornarlo, tradurlo in italiano e pubblicarlo. Le motivazioni sono semplici: innanzitutto per dimostrare come le questioni linguistiche coinvolgano tutti gli aspetti della vita, ma anche per dare ancora più sostanza e forza al protocollo d’intese citato.
Solitamente non si pensa che lo sport possa avere una parte così grande nei processi di rivendicazione identitaria e linguistica. Gol: le lingue dello sport dimostra proprio l’opposto. Le autrici hanno affrontato argomenti diversi, per cercare di spiegare questo legame nel modo più completo possibile. Si scopre così che esistono manifestazioni sportive nate come momento di dialogo e di confronto fra minoranze diverse, come il torneo di calcio Europeada, solo per citare un esempio.
Poi ci sono tutte le manifestazione organizzate per dare visibilità alle minoranze. Il caso più esemplare è sicuramente quello delle maratone e delle camminate, della durata di diversi giorni, che si inseriscono in un contesto assai più grande di eventi culturali e spettacoli. L’esempio forse più famoso è quello della Korrika basca, nata nel 1980, che dura 11 giorni lungo un percorso di oltre 2000 km che attraversa tutto il Paese Basco. Sul modello della Korrika sono nate molte altre maratone, la ultima in ordine di tempo è la Rith (ovvero corsa in gaelico), che si è svolta in Irlanda all’inizio del mese di marzo di quest’anno. 1600 km da Belfast a Galway, passando per Dublino, per far crescere l’uso sociale della lingua irlandese e raccogliere fondi per i progetti di tutela e promozione.
Accanto a tutto ciò ci sono poi i casi nei quali lo sport è uno strumento vero e proprio di rivendicazione identitaria. I casi citati nel libro sono molti, sempre per rimanere nel Paese Basco per esempio, c’è la realtà della squadra di ciclismo Euskaltel-Euskadi, una squadra conosciuta a livello internazionale, che ha raggiunto anche buoni risultati nelle competizioni sportive, che è nata proprio col fine di tesserare solo corridori baschi e che sostiene in maniera formale la causa indipendentista.
Le autrici hanno poi studiato come viene usata la lingua del posto per veicolare l’informazione sportiva, sia su Internet che nei mass media. Dal Galles alla Catalogna, passando per la Galizia e il Paese Basco, si trovano situazioni assai diverse, anche all’interno dello stesso Paese. Per esempio in Galles, accanto a una situazione ben strutturata per quanto concerne la televisione (sia la BBC che la S4C hanno sezioni dedicate all’informazione sportive in gallese), sono pochi i siti delle società sportive completamente bilingui.
Questa panoramica si chiude con la descrizione di due casi specifici: quello del FC Barcelona e quello dell’Udinese Calcio. Sono stati scelti questi due esempi sia per mettere in evidenza come la questione linguistica non sia legata esclusivamente a realtà locali, ma interessi anche società titolate come quella del Barça, sia per evidenziare che la decisione della Società bianconera, di usare la lingua del posto nella sua comunicazione ufficiale, è sì una novità per l’Italia, ma non certo per l’Europa. La politica linguistica del FC Barcelona è davvero a 360 gradi: coinvolge dirigenti, allenatore e giocatori. Il motto e l’inno della squadra sono in catalano e i giocatori frequentano corsi appositi, per essere in grado di capire e parlare la lingua locale anche nelle interviste. Il presidente Joan Laporta vorrebbe che il Barça continuasse ad essere uno strumento di promozione dell’identità catalana. Chi leggerà Gol: la lingua dello sport rimarrà sicuramente a bocca aperta nello scoprire questa realtà.
Il libro è arricchito, inoltre, da un breve glossario del calcio. Uno strumento che potrà essere certamente di aiuto a tutti gli operatori del settore che parlano di calcio in marilenghe, ma anche a tutti i tifosi dell’Udinese che desiderano scrivere e parlare della loro squadra nella loro lingua. La pubblicazione non è una lettura interessante solo per coloro che si occupano di sport o di rivendicazioni linguistiche, ma soprattutto per tutti coloro che sono completamente all’oscuro di tali argomenti e che potranno così conoscere un mondo totalmente nuovo.
Gol: la lingua dello sport viene distribuito gratuitamente e lo si può trovare presso la sede dell’ARLeF, presso l’Udinese Store allo Stadio Friuli e presso la libreria Ribis (Via P. Canciani, 14, Udine).

La Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane e à fat ricuardât la Fieste de patrie dal Friûl denant trat (di fat e cole ai 3 di Avrîl) cun “Gol: lis lenghis dal sport” une gnove publicazion li che, pe prime volte, si studie il rapuart che al è jenfri il sport e lis lenghis mancul pandudis in Europe.
Dopo de introduzion dal Diretôr de ARLeF Massimo Duca e i intervents di Lorenzo Zanon, President de ARLeF e di Franco Soldati, President Udinese Calcio, William Cisilino, component dal Comitât Tecnic Sientific de ARLeF al à fevelât dal volum presentant lis dôs autoris Federica Angeli e Priscilla De Agostini.
La storie de publicazion e je partide zaromai un an indaûr in ocasion de cunvigne internazionâl Lenghis in goal, inmaneade de UISP (Unione Italiana Sport per Tutti) cu la poie dal Servizi Identitâts Linguistichis de nestre Regjon. In chê ocasion Federica Angeli e Priscilla De Agostini, operadoris linguistichis, a jerin intervignudis cuntune relazion incentrade juste apont sul rapuart che al lee lis manifestazions sportivis e lis lenghis minoritariis a nivel european, cuntun focus particolâr sul FC Barcelona, tant che esempli di societât sportive cuntune sô politiche linguistiche precise e struturade. Tai mês passâts, daspò de firme dal protocol jenfri la Agjenzie e la Societât Udinese Calcio, si à tornât a cjapâ in man il materiâl e si à decidût di inzornâlu, voltâlu par talian e publicâlu. Lis motivazions a son semplicis: prime di dut par dimostrâ cemût che lis cuestions linguistichis a cjapin dentri ducj i aspiets de vite, ma ancje par dâ ancjemò plui sostance e fuarce al protocol di intese sorenomenât.
Par solit, no si pense che il sport al puedi vê une part cussì grande tai procès di rivendicazion identitarie e linguistiche. Gol: lis lenghis dal sport al dimostre juste il contrari. Lis autoris a àn frontât argoments diviers, par cirî di spiegâ chest leam te maniere plui complete pussibile. Si discuvierç cussì che a esistin manifestazions sportivis nassudis tant che moment di dialic e di confront jenfri minorancis difarentis, come il torneu di balon Europeada, juste par fâ un esempli.
Po dopo a son dutis lis manifestazions inmaneadis par dâ visibilitât aes minorancis. Il câs plui esemplâr al è dal sigûr chel des maratonis e des cjaminadis che si davulezin dilunc di diviers dîs e che si insuazin intun contest une vore plui grant di events culturâi e spetacui. L’esempli forsit plui famôs al è chel de Korrika basche, nassude tal 1980, che e dure 11 dîs dilunc di un percors di passe 2000 km che al travierse dut il Paîs Basc. Sul model de Korrika a son nassudis tantis altris maratonis, la ultime in ordin di timp e je la Rith (ven a stâi corse par gaelic), che si è davuelte in Irlande al inizi di Març di chest an. 1600 km di Belfast a Galway, passant par Dublin, par incressi l’ûs sociâl de lenghe irlandese e cjapâ sù fonts pai progjets di tutele e promozion.
Dongje di dut chest a son po i câs dulà che il sport al è un strument vêr e propri di rivendicazion identitarie. I câs citâts tal libri a son tancj, simpri par restâ tal Paîs Basc par esempli, e je la realtât de scuadre di ciclisim Euskaltel-Euskadi, une scuadre cognossude a nivel internazionâl, che e à fat ancje bogns risultâts tes competizions sportivis, che e je nassude propit cul fin di tesserâ dome coridôrs basc e che e sosten in maniere formâl la cause indipendentiste.
Lis autoris a àn po studiât cemût che e ven doprade la lenghe dal lûc par veicolâ la informazion sportive, sedi in Internet che tai mass media. Dal Gales ae Catalogne, passant pe Galizie e pal Paîs Basc, si cjatin situazions cetant difarentis, ancje dentri di un stes Paîs. Par esempli in Gales, dongje di une situazion ben struturade par chel che al inten la television (sedi la BBC che la S4C a àn sezions dedicadis ae informazion sportive par galês), si cjatin pôcs sîts dal dut bilengâi di societâts sportivis.
Cheste panoramiche e finìs cu la descrizion di doi câs specifics: chel dal FC Barcelona e chel de Udinese Calcio. A son stâts sielts chescj doi esemplis sedi par meti in evidence cemût che la cuestion de lenghe no je leade dome a realtâts locâls, ma e interesse ancje societâts innomenadis come chê dal Barça, sedi par marcâ che la decision de Societât blancje e nere, di doprâ la lenghe dal lûc te sô comunicazion uficiâl, e je une novitât pe Italie, ma no dal sigûr pe Europe. La politiche linguistiche dal FC Barcelona e je pardabon a 360 grâts: e cjape dentri dirigjents, alenadôr e zuiadôrs. Il sproc e l’imni de scuadre a son par catalan e i zuiadôrs a frecuentin cors di pueste, par jessi in stât di capî e di fevelâ la lenghe dal lûc ancje tes intervistis. Il president Joan Laporta al volarès che il Barça al continui a jessi un strument di promozion de identitât catalane. Cui che al leiarà Gol: la lenghe dal sport al restarà dal sigûr a bocje vierte, tal discuvierzi cheste realtât.
Il libri al è insiorât, cun di plui, di un piçul glossari cui tiermins dal balon. Un strument che al pues dal sigûr judâ ducj i operadôrs dal setôr che a fevelin di balon in marilenghe, ma ancje ducj i tifôs dal Udin che a àn gust di scrivi e fevelâ de lôr scuadre te lôr lenghe. La publicazion no je une leture interessante dome par chei che si ocupin di sport o di rivendicazions linguistichis, ma soredut par ducj chei che di chescj argoments no san nuie e che a podaran cognossi cussì un mont dal dut gnûf.
Gol: la lenghe dal sport al ven dât fûr sore nuie. Si lu cjate te sede de ARLeF, tal Udinese Store li dal Stadi Friûl e li de librarie Ribis (vie P. Canciani, 14, Udin).

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
460