Gorizia: concerto classico con musiche di Beethoven e Schubert – 15 gen 2017

coro-femminile-bodeca-nezaGorizia, 9 gennaio 2017 – Un viaggio nella Vienna della prima metà dell’Ottocento, musicalmente a cavallo tra classicismo e romanticismo. Un’occasione preziosa per ascoltare una delle pagine più alte del genio musicale beethoveniano, che si rivela nei dialoghi intimistici tra violino solista e orchestra del Concerto in Re maggiore come nella breve e atipica Sinfonia n.8, oltre che per esplorare alcune composizioni di Franz Schubert per voci e pianoforte basate su testi letterari di prestigio che affrontano temi cari ai romantici, dal soprannaturale ai sentimenti più intimi. Nell’ambito del cartellone di Musica e balletto, la stagione artistica 2016/2017 del Teatro Verdi di Gorizia proseguirà domenica 15 alle 20.45 con “Beethoven e Schubert a Vienna”. Solista d’eccezione dei concerti di Ludwig van Beethoven sarà ?rtomir Šiškovi?, virtuoso del violino internazionalmente noto, mentre le voci dei lieder schubertiani sono quelle del soprano Alessandra Schettino, del mezzosoprano Nuška Draš?ek Rojko e del Coro femminile Bode?a Neža. L’accompagnamento sarà affidato all’Ars Apollineum Atelier Orchestra diretta da Marco Feruglio, formazione trasversale nata dall’unione di ArsAtelier – Centro Internazionale di Musica e Arte, composto da musicisti dell’area isontina italiana e slovena, con l’Orchestra San Marco di Pordenone, che unisce prassi esecutiva filologica all’adozione di strumenti originali dell’epoca. Un concerto che non solo sarà l’occasione per ascoltare le eccellenze regionali, ma che conferma la volontà del Teatro Verdi di collaborare con le realtà artistiche del territorio.

Per biglietti e abbonamenti alla stagione artistica 2016/2017 il Botteghino del Teatro Verdi in corso Italia è aperto da lunedì a sabato dalle 17 alle 19, con chiusura nei giorni festivi. La Biglietteria, in via Garibaldi, è invece operativa la sera degli spettacoli dalle 19.45.
Alessandra Schettino ha studiato canto al Centro sloveno di educazione musicale Emil Komel di Gorizia, diplomandosi a pieni voti al Conservatorio “Benedetto Marcello” di Venezia. Ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti, oltre a diverse borse di studio, tra cui quella che le ha dato l’opportunità di studiare al Mozarteum a Salisburgo. Si è esibita ricoprendo ruoli importanti in diverse operette e si è distinta in concerti di musica da camera, presentando compositori del suo territorio in importanti stagioni musicali. Inoltre è stata protagonista del progetto “Pierluigi Cappello e la musica”, nel cui ambito ha interpretato lieder scritti da diversi compositori italiani e stranieri ispirati ai testi del noto poeta e scrittore friulano. Originaria di Lubiana, Nuška Draš?ek Rojko, che nel concerto al Verdi si esibirà come mezzo soprano, è una cantante molto versatile, capace di passare con facilità da un genere all’altro, tanto da essere conosciuta anche per le sue esibizioni jazz, soul e pop. non a caso può vantare prestigiosi premi vinti in manifestazioni e concorsi internazionali.

Il coro femminile Bode?a Neža è nato nel 2004 come gruppo vocale del C.C. Vrh sv. Mihaela di San Michele del Carso. Il nome in sloveno porta anche il significato di dolce e pungente, che esprime il carattere deciso e il suono morbido che rappresentano il coro. Dal 2007 il coro è diretto da Mateja ?ernic. Molto attivo nell’ambito culturale della minoranza slovena in Italia il coro si esibisce in Italia, Slovenia e all’estero. Il repertorio spazia dai brani rinascimentali al contemporaneo con particolare interesse ai lavori dei compositori contemporanei sloveni e italiani.

Approfonditi gli studi musicali con Nino Gardi, dopo essersi diplomato in pianoforte ed in musica corale e direzione di coro al Conservatorio J. Tomadini di Udine, Marco Feruglio si è dedicato alla direzione d’orchestra perfezionandosi con Massimo De Bernart, Emilio Pomarico e Nicola Rescigno. Vincitore nel 1991 del concorso Internazionale per Direttori d’orchestra “Bottega” di Peter Maag, ha diretto numerosi complessi. Dal 2005 è direttore artistico e musicale del Ensemble vocale e dell’Orchestra su strumenti originali “Collegium Apollineum” con cui ha effettuato decine di concerti in importanti stagioni musicali e festival. Inoltre è sovrintendente e direttore artistico Musica e danza del Teatro Nuovo Giovanni da Udine.

Nato a Trieste, ?rtomir Šiškovi? si è diplomato nel 1976 a pieni voti al Conservatorio Tartini, per poi perfezionarsi con Igor Ozim e con il Quartetto Amadeus di Colonia, dove consegue nel 1980 il diploma a pieni voti e menzione speciale presso la prestigiosa Musikhochschule. In qualità di solista si è esibito con importanti Orchestre collaborando con prestigiosi direttori. Da oltre vent’anni ?rtomir Šiškovi si dedica con particolare interesse alla musica barocca, suonando con l’arco e il violino di quell’epoca.

L’ArsAtelier – Centro internazionale di musica e arte è stato fondato da Silvan Kersevan nell’ ambito del Centro sloveno di educazione musicale “Emil Komel” di Gorizia ed è attivo dagli inizi degli anni ’90 con attività di ricerca, di esecuzione musicale e di editoria. Nell’ambito dell’ ArsAtelier è stata fondata un’orchestra composta da musicisti dell’area isontina italiana e slovena con la collaborazione di professionisti provenienti da Teatro Verdi di Trieste, Orchestra Filarmonica Slovena, Orchestra di Padova e del Veneto, Teatro la Fenice di Venezia, La Scala di Milano. L’Orchestra ha prodotto prime esecuzioni di musica contemporanea, programmi sinfonici a tema ed allestimenti di operetta mitteleuropea collaborando con numerosi solisti internazionali e rinomati direttori d’orchestra e sta sviluppando un progetto dedicato all’esecuzione della musica del ‘700 europeo eseguita con strumenti originali e prassi esecutiva filologica.

Dal 1969, anno della sua fondazione, l’Orchestra San Marco ha realizzato decine di concerti in tutta Italia. Parallelamente a una regolare stagione concertistica a Pordenone e nella sua Provincia, ha recentemente tenuto significativi concerti a Venezia (Basilica dei Frari e Biennale Musica) Treviso, Aquileia, Bolzano (Rimusicazioni), Padova, Trieste e Torino e ha realizzato prime esecuzioni in tempi moderni di opere del ‘700 europeo. Il repertorio comprende musiche di tutte le epoche, alternando le più frequentate ad altre meno conosciute: dalla musica barocca e classica (eseguita secondo i più recenti apporti della prassi esecutiva e l’utilizzo di strumenti originali) ai grandi romantici, al novecento storico, sino alle più recenti contaminazioni crossover tra classico e leggero. Dal 2014 Direttore Artistico della Società Musicale Orchestra e Coro San Marco è il maestro Diego Cal.

violino Crtomir Siskovich
soprano Alessandra Schettino, mezzosoprano Nuška Draš?ek Rojko
Coro Femminile Bode?a Neža, direttore Mateja ?ernic
Orchestra Ars Atelier – Collegium Apollineum – S. Marco Pordenone
su strumenti originali
direttore Marco Feruglio

PROGRAMMA
Ludwig van Beethoven (1770 – 1827)
Concerto in re maggiore op. 61 per violino e orchestra
1. Allegro ma non troppo
2. Larghetto
3. Rondos\
********************************************************
Ludwig van Beethoven
Sinfonia n.8 in fa Maggiore op.93
I. Allegro vivace e con brio
II. Allegretto scherzando
III. Tempo di Minuetto
IV. Allegro vivace

Franz Schubert (1797 – 1828)
Gott in der Natur D.757 (J.W.L.Gleim – orchestrazione P.Quaggiato)
Grechten am spinrade D. 118 (J.W.von Goethe – orchestrazione F.Listz)
Erlkonig D. 328 (J.W.von Goethe -orchestrazione H.Berlioz)
Standchen D. 957 (L.Rellstab – orchestrazione J.Offenbach)
Standchen D. 921 (F.Grillparzer – orchestrazione P.Quaggiato)

del biennio delle scuperiori.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
196