Aperitivo a Grado

Gorizia: il Teatro apre con Lella Costa – 18 nov 2016

facebook

costa-balianiSi alza il sipario sul cartellone di Prosa della stagione artistica 2016/2017 del Teatro Verdi di Gorizia. Venerdì, con inizio alle 20.45, Lella Costa e Marco Baliani metteranno in scena Human. Uno spettacolo con cui l’attrice e scrittrice, celebre soprattutto per i suoi monologhi teatrali, e il regista e drammaturgo si propongono di indagare quanto sta accadendo sotto i nostri occhi, nella nostra Europa, intesa non solo come entità geografica, ma come sistema “occidentale” di valori e di idee: i muri che si alzano, i fondamentalismi che avanzano, gli attentati che sconvolgono le città, i profughi che cercano rifugio. Allo spettacolo sarà dedicato il primo degli “Incontri al ridotto” che accompagneranno la stagione: relatrice sarà Anna Maria Brondani Menghini, del comitato di Gorizia della Società Dante Alighieri, alle 18 nel foyer del Teatro. Per avere informazioni e acquistare biglietti e abbonamenti, il Botteghino del Verdi, in Corso Italia (tel. 0481/383602), è aperto da lunedì a sabato dalle 17 alle 19.

Nel titolo dello spettacolo la parola Human è sbarrata da una linea nera che l’attraversa, come a significare la presenza dell’umano e al tempo stesso la sua possibile negazione. Spiegano infatti in una nota Lella Costa e Marco Baliani: “Con la nostra ricerca teatrale vorremmo insinuarci in quella soglia in cui l’essere umano perde la sua connotazione universale, utilizzare le forme teatrali per indagare quanto sta accadendo in questi ultimi anni, sotto i nostri occhi, nella nostra Europa. Ma se ci fermassimo qui sarebbe un altro esempio di cosiddetto teatro civile, e questo non ci basta: non vogliamo che lo spettatore se ne vada solo più consapevole e virtuosamente indignato o commosso. Vogliamo spiazzarlo, inquietarlo, turbarlo, assediarlo di domande. E insieme incantarlo e divertirlo. E per riuscirci andremo a indagare teatralmente proprio quel segno di annullamento, quella linea che sancisce e recide: esplorare ed espugnare la soglia fatidica che separa l’umano dal disumano, confrontarci con le parole, svelare contraddizioni, luoghi comuni, impasse, scoperchiare conflitti, ipocrisie, paure indicibili. Senza rinunciare all’ironia, e perfino all’umorismo: perché forse solo il teatro sa toccare nodi conflittuali terribili con la leggerezza del sorriso, la visionarietà delle immagini, l’irriducibilità della poesia”.

Domenica invece ci sarà un appuntamento consigliato ai bambini dai tre anni in su: il Robin Hood del Fantateatro, alle 16 nell’ambito delle Young Pomeridiane. I protagonisti, da Lady Cocca a Re Giovanni, da Little Jhon a Lady Marian, coinvolgeranno lo spettatore in un?avventura che regala la soddisfazione della vittoria del bene sul male, dell?astuzia sull?ignoranza, dell?amore sulla malvagità. Uno spettacolo appassionante e divertente, in grado di emozionare e di insegnare quali sono i valori per cui vale la pena lottare. Combattimenti, amore, tornei e raggiri sono rappresentati con scenografie che lasciano con il fiato sospeso e trasportano gli spettatori in un’Inghilterra d’altri tempi, complice la tecnica della video proiezione.

24 gli spettacoli in cartellone nella nuova stagione artistica, oltre a due fuori abbonamento. Otto gli appuntamenti di Prosa, sei quelli di Musica e balletto, quattro gli Eventi, suddivisi tra Smile e Musical. Tanti i grandi nomi che calcheranno il palcoscenico goriziano per una stagione intensa, capace di emozionare e di far riflettere: Lella Costa, Umberto Orsini, Pino Micol, Emilio Solfrizzi, Giobbe Covatta ed Enzo Iacchetti. Se la Prosa si snoderà su un doppio percorso classico e contemporaneo con compagnie di grande prestigio, la Musica spazierà da star della musica leggera come Ornella Vanoni e Arisa a due appuntamenti di musica classica che confermano la collaborazione del Verdi con le realtà produttive del territorio. Due serate di danza internazionale con il Balletto di Gyor a gennaio e Coppelia di Amedeo Amodio (protagonista Anbeta Toromani) a febbraio. Una stagione spumeggiante, grazie ai musical Vacanze Romane e Billy Elliot, quest’ultimo con una doppia rappresentazione, e divertente, grazie alla partecipazione di Teresa Mannino e Lillo&Greg.

 

759