Aperitivo a Grado
facebook

halloween.jpgDopo aver visto le Zucche a Venzone, “oggi  è Halloween” che sta investendo le antiche tradizione europee e italiane dei morti.. ma da dove arriva la storia di Halloween… intanto la chiesa Udinese terrà aperte le chiese della città per contrastare lo spirito consumistico e edonistico di questa festa proveniente da oltremare. All’interno segnalate alcune feste

La parola Halloween deriva dalla frase ALL HALLOWS EVE cioè la notte di ognissanti che si festeggia il 31 ottobre. Tale data anticamente coincideva con la fine dell’estate. I colori di HAlloween si rifanno a questa ricorrenza: l’arancio richiama il colore del grano mietuto (fine estate) ed il nero ricorda il buio dell’inverno.

ORIGINI DI HALLOWEEN Le tradizioni di Halloween si fanno risalire ai tempi delle popolazioni Celtiche nelle isole britanniche. I Celti erano un popolo di pastori e celebravano la fine della stagione dei raccolti (passaggio dall’estate all’inverno) : il 31 ottobre per loro era la fine dell’anno e di conseguenza il primo di novembre l’inizio di un nuovo anno. In questa notte si svolgevano grandi festeggiamenti e si salutava l’arrivo dell’inverno. I Celti pensavano che nella notte del 31 ottobre gli spiriti di coloro che erano morti durante l’anno si mettessero in cerca di un copro da possedere per l’anno successivo. I vivi del momento non volevano però essere posseduti da questi spiriti quindi cercavano di trasformare le loro abitazioni in luoghi poco accoglienti e trasformavano i loro corpi con dei travestimenti terrificanti in modo da far scappare gli spiriti che volevano possederli. La festa di Halloween venne portata negli USA intorno al 1840 dagli emigranti irlandesi che fuggivano dalla carestia di patate che aveva colpito la loro patria. Da allora Halloween è rimasta ancorata nella cultura americana ed è una delle più famose feste del paese.

DA DOVE VIENE IL DETTO “DOLCETTO O SCHERZETTO” ?Anche questa usanza si fa risalire alla popolazione celtica. Alla fine dell’estate i contadini passavano per tutte le abitazioni del loro villaggio per chiedere un aiuto per affrontare il difficile periodo invernale dato che non avrebbero più potuto contare sul proprio lavoro. Gli abitanti che si rifiutavano di dare loro qualcosa ricevevano in cambio delle maledizioni: venivano invocati demoni, spettri e streghe in modo da impaurire chi aveva osato non contribuire. Per evitare tutto questo la maggior parte degli abitanti del villaggio donava qualcosa ai contadini.
Oggi sono i bambini ad andare di casa in casa a chiedere qualche caramello o dolcetto. I proprietari delle case preparano dolci, biscotti, caramelle, torte monetini e piccoli regali da donare ai bambini mascherati. I bambini suonano alle porte e reciatno la famosa frase: “trick-or-treat” ? Cioè offrite qualcosa (treat) o vi facciamo uno scherzetto (trick) come gli spiriti maligni che doveveno essere invocati dagli antichi Celti.

CHI E’ JACK-O-LANTERN?
La tradizione di Jack deriva molto probabilmente dalla tradizione irlandese. La leggenda dice che un certo Jack, noto come baro, delinquente dedoti al bere, riuscì ad ingannare Satana in persona. Una sera Jack invitò il Diavolo a bere con lui ed il Diavolo accettò. Jack propose una scommessa a Satana: gli disse che non sarebbe più riuscito a scendere da un albero. Satana rise a scuarciagola credendi che Jack fosse pazzo: sicuro di vincere la scommessa accettò. Mentre Satana saliva sull’albero, Jack incise sulla corteccia una croce che impediva al Diavolo di scendere giù. Jack vide che Satana era perduto e quindi avanzò la sua proposta: avrebbe cancellato la croce se lui si fosse impegnato a non tentarlo più. Satana accettò e Jack cancellò la croce come concordato. Alla sua morte Jack non fu accettato in Paradiso a causa dei suoi numerosi peccati,; non fu però accettato neanche all’Inferno in memoria dello scherzo giocato al Diavolo. Nonostante questo, il Diavolo donò a Jack un tizzone che gli illuminasse la strada. Per far durarae la luce del tizzone per il maggior tempo possibile, Jack lo infilò all’interno di una cipolla. Da allora si narra che vaghi durante la notte di Halloween facendosi luce col tizzone a lui donato da Satana. Da allora Jack fu soprannominato Jack O’Lantern e quando gli irlandese migrarono in America, avendo a disposizione delle grosse zucche, le sostituirono alla cipolla.

Segnaliamo

Hamity Halloween Party il 31 ottobre alla Fiera di Udine

Club Commission 4 il 31 ottobre a Udine

1.385