Aperitivo a Grado

Hockey Ghiaccio: Aquile sempre più in su, piegano Bolzano e 2° posto in classifica

facebook

aquile 2011Pontebba, 27 ottobre 2011 – Le Aquile si rifanno con gli interessi della sconfitta all’andata, battono il Bolzano e si piazzano al secondo posto in classifica insieme al Valpusteria

Interspar Bolzano Foxes – Ice Hockey Aquile FVG 2:5 (parziali 1:1, 0:2, 1:2)

Reti: 6.34 (0:1) Tomko (Giugliano/Ihnacak), 17.12 (1:1) Fabris (Meyers/Egger), 21.38 (1:2pp) Ihnacak (Anderson/Rigoni), 39.48 (1:3) Ihnacak (Waddell/Rigoni), 46.06 (2:3) Knackstedt (Bernard/Bruun), 59.02 (2:4en) Iannone (Waddel) 59.57 (2:5en) Rigoni

Tiri: Bolzano 26 (10, 8, 8) – Pontebba 26 (9, 8, 9)

Penalità: Bolzano 6 (2, 2, 2) – Pontebba 4 (0, 2, 2)

Interspar Bolzano Foxes: Hell (Zaba); Meyers, Egger, Bruun, Ambrosi; Zisser, Knackstedt, Giliati, Sharp, Bernard, Dorigatti, McCutcheon, Demetz, Edwardson. Coach: Insam

Ice Hockey Aquile FVG: Petizian (Galtarossa); De’ Gravisi, Milovanovic, Anderson, Tomko, Nicoletti, Waddel; Goebel, Pace, Nicolao, Rezzadore, Giugliano, Rigoni, DeVergilio, Iannone, Ihnacak, Rizzo. Coach: Pokel

Arbitri: Gasser (Cristeli C./Cristeli M.)
———————————————————————————————————————————————————-
Il Pontebba delle meraviglie ridimensiona un Bolzano domato senza troppi problemi dai ragazzi terribili di coach Pokel al termine di un match esaltante che ha visto i friulani praticamente sempre padroni del ghiaccio. E con questa ennesima vittoria (la settima nelle ultime nove partite), le Ice Hockey Aquile FVG si piazzano incredibilmente al secondo posto in coabitazione con il Valpusteria.

I bianconeri, sono da tutti ormai considerati come la vera rivelazione del campionato e dimostrano fin da subito di non avere nessun timore reverenziale nei confronti di un Bolzano che prova a impostare il gioco ma viene ben controllato. Dopo soli 65 secondi è il palo a dire di no a Ihnacal (che avrà comunque modo di rifarsi). Le Aquile si chiudono in difesa e poi ripartono: una trama di gioco che dà i suoi frutti al 6.34 quando Tomko taglia al centro la difesa biancorossa, viene ben servito da Giugliano e devia il puck nell’angolo alto alle spalle di Hell. La rete dà fuoco alle polveri con Iannone a sfiorare il raddoppio e poi con Sharp, assist di Zisser, a chiamare all’intervento Petizian. Le Aquile vanno vicinissime alla seconda rete anche nell’unico powerplay, tipologia di gioco che non sorride molto ai bianconeri, con Iannone sfortunato nel colpire il secondo ferro. Passato il pericolo, è il Bolzano a rendersi pericoloso e a rimettere tutto in parità con un’iniziativa personale di Fabris (17.12).

Frazione centrale davvero positiva per i friulani capaci di allungare con una rete a inizio tempo e una nel finale. Tornano meritatamente in vantaggio le Aquile all’1.38 durante la seconda superiorità numerica, Rigoni serve centralmente per Ihnacak bravo a infilare Hell. Il Pontebba gestisce bene in puck in zona neutra e quando il Bolzano aumenta la pressione, i biancorossi si guadagnano la loro prima superiorità senza però mai impensierire Petizian. Iannone colpisce il terzo palo del match mentre Dorigatti lanciato in 1 vs 0 non beffa Petizian prima che Ihnacak al 19.48 possa festeggiare la prima doppietta italiana su perfetto disco messo nello slot da dietro gabbia da Waddell.

Nell’ultimo periodo si compie il capolavoro pontebbano nonostante Knackstedt riesca ad accorciare le distanze al 6.06. I bianconeri, infatti, riescono a tenere, non si fanno prendere dal panico e poi quando Insam è costretto a togliere il portiere nel tentativo, disperato, di trovare il pareggio infilano per due volte (con Iannone e Rigoni) il puck a porta vuota. Il PalaOnda è lontano, ma a Pontebba si fa festa come quando le Aquile vincono in casa.

614