Aperitivo a Grado

I Gogol Bordello a Guca sul Carso 2012 – 13 luglio

facebook

Gogol Group PhotoPercussioni, fisarmoniche, chitarre, sax, ritmi incalzanti e sound tra influenze punk e gitane tradizionali dell’Est: dopo l’eclatante boom dello scorso anno, con ben 8.500 biglietti venduti solo per il concerto di Goran Bregovic, il celebre festival “Gu?a sul Carso” toglie i primi veli all’edizione 2012 e annuncia una straordinaria serata all’insegna delle sonorità gipsy punk con i mitici GOGOL BORDELLO, il gruppo più coinvolgente e imprevedibile delle scene live mondiali.

La quarta edizione di “Gu?a sul Carso”, la straordinaria rassegna dedicata alla musica e all’enogastronomia balcanica, organizzata dall’Associazione Culturale Altramusica con il patrocinio del Comune di Sgonico e il contributo della Regione Friuli Venezia Giulia, che ogni anno richiama migliaia di persone da tutto l’Est Europeo e da numerose regioni italiane, prenderà il via venerdì 13 luglio 2012 nell’area antistante l’aeroporto di Borgo Grotta Gigante a Trieste (nel comune di Sgonico) con l’attesissima performance dei travolgenti GOGOL BORDELLO, che saranno l’headliner della lunga serata di festa.

Reduci dal recente successo della tournée acustica, i GOGOL BORDELLO sono pronti a intrattenere nuovamente tutti i fan del Vecchio Continente in occasione del prossimo tour europeo previsto per l’estate 2012, che toccherà l’Italia a luglio con quattro imperdibili date (il 10 a Torino, il 12 a Milano, il 13 a Trieste e il 14 a Padova) in cui poter sperimentare la carica e l’energia che la band è in grado di sprigionare durante i propri live.
L’ultima volta che abbiamo visto Eugene Hütz e il suo gruppo dalle nostre parti è stato lo scorso dicembre, in occasione del Gogol Acoustic Bordello tour, quando la band, a riprova della sua poliedricità, ha letteralmente incendiato il nostro paese con quattro concerti acustici (due dei quali sold out!), confermando così il suo crescente successo anche in Italia. Adesso, a distanza di pochi mesi, eccoli tornare a grande richiesta per quattro concerti, non più in versione acustica ma nella consueta veste live che chi ha già avuto occasione di sperimentare sa essere indimenticabile.

I biglietti (ingresso unico 20 euro più diritti di prevendita) per l’imperdibile evento, inserito anche nella promozione “Music&Live” realizzata dall’Agenzia TurismoFVG che abbina la musica al turismo, saranno disponibili a partire da venerdì 9 marzo 2012 nei punti vendita autorizzati Azalea Promotion, online su Ticketone.it e nei circuiti di vendita sloveni, croati e austriaci www.eventim.si, www.eventim.hr e www.oeticket.com

GOGOL BORDELLO – http://www.gogolbordello.com
10/07/2012 – TORINO, Colonia Sonora
12/07/2012 – MILANO, Carroponte
13/07/2012 – TRIESTE, Borgo Grotta Gigante
14/07/2012 – PADOVA, Sherwood Festival

Le influenze che stanno alla base del sound dei GOGOL BORDELLO sono davvero infinite: si parte dal punk dei Clash, passando per le musiche gitane tradizionali dell’est, fino ad arrivare alle sonorità folk tanto care a Manu Chao, strizzando l’occhio anche a ritmi più rigidi, caratteristici di band come i Fugazi o i The Stooges.
A mischiare sapientemente tutti questi elementi un ensemble che più multietnico non si può: Eugene Hütz alla voce e chitarra, i russi Sergey Ryabtsev e Yuri Lemeshev rispettivamente al violino e alla fisarmonica, l’israeliano Oren Kaplan alla chitarra, l’italo-svedese con padre del Trinidad e Tobago Oliver Francis Charles alla batteria, l’etiope Thomas “Tommy T” Gobena al basso, il percussionista equadoregno Pedro Erazo, e per finire l’affascinante ballerina e percussionista Elizabeth Chi-Wei Sun, di origini cinesi.

Il filo conduttore del gruppo è senza dubbio l’istrionico Eugene Hütz, figura più unica che rara: cresciuto in Ucraina, si forma musicalmente ascoltando bootleg di Birthday Party ed Einstürzende Neubauten. A causa del disastro di Chernobyl, nel 1986 abbandona la sua terra natia, e durante il suo girovagare tra Polonia, Ungheria, Austria e Italia, fino a ritrovarsi negli Stati Uniti attorno al 1993, inizia ad ascoltare e interessarsi alla musica gitana. Arrivato a New York incontra il chitarrista Vlad Solofar e il fisarmonicista Sasha Kazatchkoff, con i quali comincia a suonare utilizzando il nick GOGOL BORDELLO.

L’incredibile presenza scenica, unita a un’originalità unica, si materializza nel 1999 con l’uscita del primo singolo, intitolato When the trickster come a-pockin’, e seguito subito dalla registrazione dei pezzi che andranno a comporre quello che sarà l’album di debutto: Voi-La Intruder. A far crescere la popolarità dei GOGOL BORDELLO è soprattutto l’esuberante leader Eugene Hütz: DJ, attore e instancabile artista che grazie a una serata in un noto club/bar/ristorante bulgaro di New York -il Mehanata, dove seleziona musica ogni giovedì- permette alla band di farsi conoscere e di pianificare così il primo tour europeo nella primavera del 2002. E’ in questo periodo che esce il primo album, Voi-La Intruder, prodotto da Jim Sclavunos, già batterista di Nick Cave & The Bad Seeds. Da lì in seguito, i GOGOL BORDELLO, come una macchina che non si ferma mai, avviano subito i lavori per il secondo disco, Multi Kontra Culti vs. Irony, che sarà pubblicato l’autunno successivo. Nel marzo del 2005 è la volta dell’EP The East Infection, mentre ad agosto la band firma per la One Side Dummy, con la quale realizza l’album Gypsy Punk – Underdog World Strike

Parallelamente alla sua carriera di musicista, Eugene Hütz porta avanti anche quella di attore, che prende il volo nel 2005 quando viene scritturato per il film “Ogni cosa è illuminata” del regista Liev Schreiber. Subito dopo le riprese, partono i lavori per il nuovo disco, che uscirà nel 2007 col titolo di Super Taranta!. Al banco di regia troviamo l’australiano Victor Van Vugt (Nick Cave, Beth Orton, Depeche Mode, Billy Bragg), che permette al disco di ricevere consensi unanimi da parte di critica specializzata e pubblico. La carica rock degli spettacoli dei Gogol Bordello non ha eguali, tanto da stupire persino la popstar Madonna, che durante una data promozionale a Londra, colpita da Heugene e dal suo show, gli chiede di partecipare a un suo film, “Sacro e Profano”, nelle sale di tutto il mondo nel 2008. Sempre insieme alla stessa Madonna inoltre, in occasione del Live Earth 2007, Eugene Hütz e Sergey Ryabtsev cantano un mashup de La Isla Bonita vs Lela Pala Tute.
Nel 2009 è la volta di Live from Axis Mundi che, come recita lo stesso titolo, documenta e cattura su disco tutta l’energia live dei GOGOL BORDELLO. Il loro lavoro più recente è Trans-Continental Hustle, uscito nell’aprile 2010 per la major Sony e prodotto dal guru Rick Rubin. Continuamente in tour e reduci dalla sperimentazione acustica portata sui palchi di tutto il mondo lo scorso inverno, che ha coronato il loro successo con l’ultima data in occasione del Capodanno a New York, i GOGOL BORDELLO sono pronti a regalare al pubblico italiano nuove esperienze live cariche di energia e dinamismo unici: quattro date tutte da vivere e ballare sulle note della “world music” proposta da questa incredibile band!

516