Aperitivo a Grado
facebook

grillo1.jpg

Un concreto segnale di piena collaborazione su basi paritarie delle due componenti autonomistiche di questa regione, Friuli e Trieste, e’ rappresentato dalla scelta di presentare in entrambi i capoluoghi l’alleanza stretta recentemente. E’ stato presentato oggi al caffè’ tergesteo di Trieste l’accordo firmato dagli autonomisti triestini e gli autonomisti friulani di Identita’ e Innovazione.

grillo2.jpg

Oltre agli interventi dell’avvocato Perna per l’Osservatorio per l’autonomia di Trieste e dei tre presidenti di Identita’ e Innovazione, Valeria Grillo per Udine e presidente delegato per la Regione, Lucio Roncali per Pordenone e Luca Vicario per Gorizia. L’incontro ha visto la partecipazione di Romano Pezzetta di “Servola Respira”, di Maurizio Fogar per il circolo Miani, di Gianni Pascoli e Antonio Mansutti per Identita’ e Innovazione. “Autonomia significa valorizzazione della prorpia terra e non appiattimento e livellamento al basso, ognuno decide per il proprio ambito” cosi’ ha esordito Marcello Perna. “La novita’ rispetto ai vecchi partiti consiste nella convinzione che le decisioni devono partire dal basso, dobbiamo essere padroni dei nostri destini e non considerare la regione come un’azienda necessariamente centralizzata in cui deve essere sempre garantita l’unita’ del comando dal centro alla periferia” cosi ha affemrmato Marzio Strassoldo nel suo intervento “senza verificare le esigenze del cittadino”. Una considerazione specifica da parte di Valeria Grillo sulla sanita’ che considera “non congruente alle necessita’ del territorio, serve l’eccelenza ma anche la capillarita’ e la rapidita’ dei servizi, va dato grande rilievo ai comuni, enti importanti che non devono essere assemblati negli aster, da difendersi contro operazioni di falso efficientismo diretti alla loro soppressione se di piccole domensioni. Risultato principale della novita’ sinergica delle due autonomie sta nel principio federalista che lascera’ alla regione solo competenze’ legislative e di rappresentanza verso l’esterno mentre l’applicazione verra’ completamente demandata alle province. Il modello ispiratore si avvicina molto al sistema del trentino alto adige con le sue province autonome”. Prossima anche la presentazione del programma!

1.553