Aperitivo a Grado

Il Folk Club Buttrio festeggia 70 anni di Faber – 18 feb

facebook

faveroSono passati 70 anni dal giorno in cui nacque il più grande fra i canautori del dopoguerra italiano. Fabrizio De Andrè. E in occasione dei Faber Days, tradizionale manifestaizone organizzata dal Folk  club Buttrio alcuni grandi artisti rendono omaggio a Faber con un concerto omaggio a Tavganacco.

Tre musicisti di diversa provenienza, accomunati dall’amore per i suoni della tradizione e affascinati dal gusto per la parola in De André, si ritrovano per rileggere alcune significative pagine del suo camino artistico partend o dalle canzoni più vecchie e dalle rime più nascoste, dove le influenze della poesia trovadorica occitana si mescolano con le canzoni francesi di Brassens e le traduzioni di Edgar Lee Masters fatte da un altro grande personaggio scomparso della cultura italiana del secondo dopoguerra, Fernanda Pivano. I tre musicisti hanno fatto parte del gruppo di lavoro che nel ’95 diede vita al progetto Canti Randagi, tradusse parte delle canzoni di Faber nelle parlate locali di tutt’Italia e pubblicò un disco dalle vendite altissime. Il toscano D’Agnello è leader del gruppo Mediterraneo e ha collaborato in diversi spettacoli teatrali con Romano Battaglia e Sandro Luporini (autore dei testi di Gaber). Marusic, etnomusicologo, fiatista e violinista istriano, ha fatto parte di storici gruppi come Istranova e La Sedon Salvadie. Del Favero, anch’egli ricercatore, ha suonato e suona con La Sedon Salvadie, Tischlbong e con Adele Di Palma è stato direttore artistico del progetto Canti Randagi.
Giulio D’Agnello voce, chitarra classica e acustica Andrea Del Favero armonica diatonica, bodhran, fujura Dario Marusic violino, sopele, flauto

Ingresso libero

582