Aperitivo a Grado

Illegio partecipa all’indagine “Parco Genetico del Friuli Venezia Giulia”

facebook

illegio.jpgHa avuto inizio lo scorso sei novembre presso la frazione di Illegio del Comune di Tolmezzo una importante ricerca genetica progettata e coordinata dall’Ospedale “Burlo Garofolo” di Trieste, con il patrocinio del Comitato Nazionale per la biosicurezza e la Bioetica presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, nonché il centro di Biomedicina molecolare, l’Università degli Studi di Udine e Trieste, il Centro Studi Fegato, l’Istituto di neurobiologia e medicina molecolare del CNR di Roma. Il progetto ha richiesto la partecipazione e collaborazione della frazione, nonché l’intervento dell’Amministrazione Comunale.

L’Assessore alla Sanità del Comune di Tolmezzo, Mario Cuder, assieme al presidente della Consulta frazionale, ha presentato gli operatori sanitari alla popolazione in un affollato incontro presso l’albergo Miramonti della frazione tolmezzina. In quella sede sono state esposte le linee principali della ricerca e le motivazioni della stessa: l’abitato di Illegio è un “isolato genetico”, un insieme formato da un numero limitato di famiglie che si possono far risalire a pochi ceppi originari. Dopo una adesione immediata della gente, l’attività dei sanitari è iniziata presso i locali della sede della Mostra di Illegio, messi a disposizione dalla Parrocchia; sono così state avviate le operazioni di check-up sanitario completo e gratuito con prelievi, visite specialistiche e indagini per ogni componente della comunità illegiana. Tutti i dati raccolti dai test e dalle interviste vengono poi inviati per l’archiviazione, lo studio e la preparazione di una banca dati del “Parco Genetico del Friuli Venezia Giulia”. La nostra frazione conclude il lavoro dei genetisti che hanno già incontrato, con le stesse modalità, le popolazioni degli altri isolati genetici di Sauris, in Carnia, di Clauzetto, di Resia, San Martino del Carso, Erto e Casso.

Lo scopo ultimo della ricerca è la conoscenza delle cause e delle modalità di insorgenza ed evoluzione di alcune importanti malattie (oncologiche, cardiovascolari, dell’apparato osseo, digerente, ecc) nonché dello stato di salute in relazione ai regimi alimentari attuali e passati, dell’azione dei fattori ambientali (acqua, aria, esposizione al sole, condizioni climatiche).

L’indagine, si conclude entro sabato 22 novembre. A ciascun componente della popolazione visto ed esaminato verrà inviata a domicilio la documentazione completa dei referti sanitari, sempre gratuitamente, dando così un importante contributo alla conoscenza completa della salute di ciascuno.

353