In vacanza con la carta di credito: le regole per utilizzarla in sicurezza

Le transazioni elettroniche sono destinate a diventare le vere protagoniste del prossimo futuro: la carta moneta è infatti sul viale del tramonto, ed è possibile che presto diventerà solo un ricordo. Eppure, già oggi, fare a meno della carta di credito risulta impossibile: tutti noi ne abbiamo bisogno, per via dei diversi vantaggi che essa ci propone. Di contro, dobbiamo anche imparare il prima possibile come utilizzarla in sicurezza: soprattutto adesso che l’estate si avvicina e, con essa, anche le vacanze.

Carta di credito in vacanza: conviene?

La risposta è semplice e immediata: sì, la carta di credito in vacanza non solo conviene, ma spesso rappresenta più di un semplice lusso. Il motivo principale è questo: è molto utile soprattutto per le emergenze. Da un lato spesso non si sa quanti contanti portare, dall’altro la prepagata spesso ha un uso limitato all’estero per i prelievi e i pagamenti. Al contrario, la carta di credito è quella che ci concede più libertà ed è dunque fondamentale quando ci si trova in situazioni che richiedono soldi in più. Fra le altre cose, spesso le strutture ricettive all’estero accettano solo carta di credito, così come le agenzie di noleggio auto.

Chi può richiedere la carta di credito?

Chiaramente esistono dei requisiti da rispettare, per poter avere accesso ad una carta di credito: le banche, infatti, non concedono questo prodotto a chiunque, per motivi legati alle reali opportunità di rimborso. Chi può richiederla? Solo chi ha compiuto la maggiore età e chi può dimostrare il proprio reddito in modo concreto, ad esempio con una busta paga. Altri istituti richiedono anche delle garanzie extra, che dipendono dalla banca e che per questo sono difficili da elencare. Come farne richiesta? Alcuni istituti bancari come ad esempio CheBanca! permettono di richiedere le carte di credito anche online, e per farlo basta semplicemente avere un conto presso la stessa banca.

Cosa fare in caso di furto o clonazione?

In vacanza potrebbe capitare di smarrire la carta di credito, o di essere vittime di un furto o di una clonazione di quest’ultima. Cosa fare quando si incappa in questi incidenti di percorso? Per evitare i prelievi non autorizzati, è sempre il caso di bloccarla quanto prima. Per farlo basta semplicemente chiamare il recapito telefonico del proprio istituto di credito e muovere questa richiesta. Fatto questo, qualsiasi eventuale danno economico subito dopo la segnalazione verrà rimborsato dalla stessa banca. Ricordatevi anche di denunciare il furto o lo smarrimento della carta presso le autorità.

Monitorare le attività anche dopo la vacanza

In vacanza spesso siamo molto attenti alle attività della nostra carta di credito: una volta tornati a casa, però, tendiamo ad essere più distratti. Questo i truffatori lo sanno, ed è infatti a ridosso delle vacanze che spesso agiscono per approfittare dei nostri conti. Quando una carta di credito viene clonata, il rischio di addebiti non autorizzati potrebbe presentarsi dopo mesi: ecco perché è così importante continuare a monitorare le attività del proprio conto in modo costante e duraturo. Così qualsiasi illecito verrà immediatamente evidenziato.

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
221