Aperitivo a Grado

L’artigianato artistico per 3 giorni a Manzano

ang_0512.jpgNon c’è nulla come l’artigianato artistico per rappresentare, raccontare, fare memoria di un territorio. Per questo Confartigianato Udine ha dato vita a Legàmi, un progetto nato 4 anni fa in collaborazione con la Regione con l’intento di valorizzare, tramite mostre ed eventi, l’arte preziosa degli artigiani.

Ora, per dare visibilità concreta alle creazioni artigianali, Legàmi ha organizzato, nell’incantevole cornice di Villa Romano a Case di Manzano, una “3 Giornate dell’Artigianato Artistico” che si svolgerà dal 18 al 20 maggio.Lo hanno annunciato oggi nel corso di una conferenza stampa Licia Cimenti, vice-presidente di Confartigianato Udine, coordinatrice del comparto artistico e del progetto Legàmi, il presidente di Confartigianato Udine Carlo Faleschini, il vicepresidente vicario Franco Buttazzoni, il direttore Gian Luca Gortani e Marinella Tolloi, referente del comparto artistico dell’associazione.

Sono circa 50 le opere che saranno esposte a Villa Romano, create dalle abili mani di 20 artigiani dell’artistico del Fvg. Ma l’evento vuole essere anche un’importante occasione per riflessioni e dibattiti sull’artigianato artistico, con competenze e conoscenze da veicolare alla scuola e all’impresa, stimolati da 4 tavole rotonde che toccheranno la comunicazione, la formazione e la valorizzazione economica dell’arte dell’artigianato. Per l’occasione sarà distribuito l’elegante catalogo Legàmi e la nuova rivista Cora, testata che si ripropone l’obiettivo di contribuire al rilancio attivo dell’artigianato artistico.

Ecco il programma: domenica 18 maggio alle 16.30 inaugurazione della mostra “Legàmi”, con i saluti delle autorità e del sindaco di Manzano Lidia Driutti, del presidente di Confartigianato Udine Carlo Faleschini e del direttore Gian Luca Gortani. Alla tavola rotonda che seguirà suL’artigianato artistico comunica il bello?” interverranno Sergio Simeoni, direttore dell’Irtef Udine, l’architetto Roberto Pirzio-Biroli, esperto di tradizioni e artigianato, Gabriella Bucco, studiosa di storia dell’arte, l’antropologa Genevieve Porpora dell’Uniarti. Nella sua relazione il prof. Simeoni fornirà interessanti spunti presentando i dati, emersi da un’indagine effettuata a livello nazionale, sul grado di apprezzamento dell’artigianato friulano in Italia. Il confronto con giornalisti e comunicatori aiuterà a ricercare nuove forme di comunicazione di un prezioso comparto produttivo che tra tradizione e innovazione, traccia interessanti vie formative e professionali, ma che è a rischio di estinzione se non si potenzierà il messaggio del valore didattico, culturale, economico dell’artigianato made in Friuli.

Lunedì 19 maggio alle 10.30 tavola rotonda sul valore formativo dell’artigianato dal titolo: “La formazione più innovativa passa dalla scuola-bottega”. Relatori Sergio Simeoni, direttore dell’Irtef Udine, il preside del Don Bosco di Pordenone Don Maurizio Vito, Paolo Chiaruttini, docente dell’Istituto I.S.I.S. R. D’Aronco di Gemona, Francesca Tonini del Movimento Donne Impresa Confartigianato e Licia Cimenti, referente del comparto artistico di Confartigianato Udine. Il dibattito prevede riflessioni sui percorsi scolastici (“tramandare il passato educando il presente”) anche attraverso l’esperienza di “alternanza scuola lavoro” realizzata in Carnia e sul ruolo dell’artigianato oggi per i giovani.

Nel pomeriggio, alle 15, seguirà la tavola rotonda “Artigianato tipico: un giacimento turistico ancora da esplorare, un momento di confronto per gli addetti ai lavori. Interverranno Carlo Faleschini, presidente Confartigianato Udine, Elda Felluga, presidente del Movimento Turismo del vino, Franco Gattari, referente comparto artistico di Confartigianato Macerata, rappresentanti delle categorie dei ristoratori e degli albergatori, e Marisanta di Prampero del Consorzio Castelli.

Martedì 20 maggio alle 18 presentazione del book “Legàmi” e tavola rotonda sul valore imprenditoriale dell’artigianato: Dall’arte del fare alla cultura d’impresa: il caso Legàmi“. Intervengono Licia Cimenti, vice-presidente di Confartigianato Udine Roberta Corbò, referente del comparto artistico Confartigianato nazionale, Alessandro Del Puppo, docente di storia dell’arte contemporanea all’Università di Udine, Cristina Zanello, imprenditore e referente “Progetto Giocattoli”, Franco Buttazzoni, imprenditore e vice presidente vicario Confartigianato, Paolo Cerutti, presidente Vicino/Lontano. In chiusura buffet per gli ospiti.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
593