Aperitivo a Grado

L’uomo che verrà di Giorgio Diritti al Visionario

facebook

uomo che verra
Il weekend del C.E.C. si apre con un’imperdibile esclusiva: L’uomo che verrà di Giorgio Diritti. Dal 22 gennaio in esclusiva al Visionario “l’uomo che verrà” di Giorgio Diritti: raccontare la storia attraverso gli occhi di una bambina.

Giorgio Diritti, un solido passato da documentarista e un film d’esordio, Il vento fa il suo giro (2005), che ha partecipato ad oltre 60 festival internazionali vincendo oltre 36 premi, firma con L’uomo che verrà il racconto della strage di Marzabotto.
Sulla fine del 1943 l’Italia è divisa in due (a sud l’esercito anglo-americano, al centro e al nord, i tedeschi). In questo periodo, a una trentina di chilometri da Bologna, una brigata partigiana composta da contadini incarna quell’atteggiamento di ribellione che scatenerà il 29 settembre del 1944 una rappresaglia senza precedenti da parte delle SS. Circa 770 persone tra bambini, donne e anziani, vengono massacrate: è “la strage di Marzabotto”, dal nome del comune a cui appartiene la maggior parte del territorio. A partire dalla rilettura di questo tragico episodio della storia contemporanea, Diritti costruisce un’opera di alto valore morale, posando lo sguardo su coloro che hanno subito la guerra e che nulla hanno potuto contro il suo incedere. A fare da testimone, a volte con sorpresa, a volte con palpabile timore, è una bambina di 8 anni, Martina, la cui madre mette alla luce un bambino proprio nella notte tra il 28 e il 29 settembre, la notte del rastrellamento.

Diritti, che per questo film ha svolto un lungo lavoro di ricerca, intervistando i superstiti alla strage, riflette sul senso della quotidianità all’interno di una comunità contadina e sul “respiro” interrotto dalle atrocità della guerra.
L’uomo che verrà vede come protagoniste due tra le più intense giovani interpreti del nostro cinema: Alba Caterina Rohrwacher (David di Donatello – Miglior attrice protagonista per Il papà di Giovanna, 2009) e Maya Sansa (Buongiorno notte, 2004).
Giorgio Diritti, dopo le collaborazioni con autori come Lizzani, Wetmuller, Avati, partecipa all’attività di Ipotesi Cinema (istituto per la formazione cinematografica fondato e diretto da Ermanno Olmi). Il vento fa il suo giro ha ricevuto 5 candidature ai David di Donatello 2008 (fra cui Miglior Film, Miglior Regista Esordiente, Miglior Produttore e Migliore Sceneggiatura) e 4 candidature ai Nastri D’argento 2008. Al Cinema Mexico di Milano è rimasto in programmazione per oltre un anno e mezzo.
L’uomo che verrà è un film in esclusiva in programmazione al Visionario da domani venerdì 22 gennaio con orari 15.15 17.30, 19.40.

ESCLUSIVA
L’uomo che verrà
di Giorgio Diritti
Italia 2009, 117′
con Claudio Casadio, Maya Sansa, Alba Rohrwacher
VISIONARIO
dal 22 al 27 gennaio, orari 15.15 17.30, 19.40.

400