Aperitivo a Grado

Nazionale italiana di Kick Boxing pronta per gli europei in Ungheria

facebook

Appena concluso il primo campionato europeo di combattimento universitario a Zagabria con le discipline di (karate, judo, taekwondo e kickboxing) che hanno visto impegnati 1.300 partecipanti, da 404 università, di 36 Paesi. Per l’Italia c’erano le università di Palermo, Firenze, Roma Foro Italico, Roma Tre, Trieste, Venezia Cà Foscari e Milano Sacro Cuore.

Ora la nazionale italiana si sta preparando in previsione degli Europei di Gyor (Ungheria), per testare lo stato di forma degli Azzurri e allo scopo di affinare le capacità degli atleti, sono nel villaggio Bella Italia Dolomiti di Piani di Luzza (tra Forni Avoltri e Sappada).

Supervisionati dal direttore tecnico della nazionale italiana, Michele Surian, già campione europeo WAKO di kick Boxing (Point Fighting), a Venezia nel 1988; medaglia di bronzo ai campionati mondiali WAKO di Kick Boxing (Point Fighting) a Monaco di Baviera (Germania) nel 1987; cinque volte campione italiano individuale (‘86, ‘87, ‘88,‘89 di Kick Boxing (Point Fighting) FIAM-WAKO e ‘88 di Karate – FIAM; quattro volte campione italiano a squadre di Kick Boxing Point Fighting nell‘87, ‘88, ‘89, ‘90 FIAM-WAKO. Terminata la carriera agonistica nel 1990 è rimasto attivo nella disciplina quale arbitro, tecnico e organizzatore di eventi, ma dal 2000 al 2010 è stato direttore tecnico, selezionatore e coach della Nazionale Italiana Seniores di Point Fighting della Federazione Kick Boxing Italia (FKBI) rappresentante della World Kick Boxing Association (WKA). Dopo la parentesi in WKA, è ritornato a operare in WAKO nella Federazione Italiana (FIKBMS) dove lavora come tecnico e formatore, oltre a essere membro della commissione della scuola nazionale di formazione dei tecnici. Nel dicembre 2015 è stato nominato Direttore Tecnico della nazionale FIKBMS di Light Contact. Ha scritto il romanzo sportivo “La sfida dell’eccellenza” (Mursia editore).

Nel Bella Italia Dolomiti, Surian ha portato una ventina di atleti che comporranno la squadra nazionale italiana. Insieme agli istruttori, principalmente presso il rinnovato palazzetto dello sport del villaggio di Piani di Luzza, sta seguendo la preparazione di ragazzi e ragazze che ritiene potenzialmente in grado di portare a casa ancora tante medaglie. Tra gli azzurri presenti ci sono già diversi medagliati sia a livello mondiale, sia europeo.

Il maestro Surian ci ha spiegato le diversità tra le varie specialità all’interno della disciplina di Kick Boxing che si differenziano principalmente per la possibilità del KO, oppure solo il punteggio attribuito ai singoli colpi. In ogni caso si tratta di uno sport da combattimento molto tecnico, che richiede grande energia, ma soprattutto concentrazione. La capacità di gestire le emozioni e la meditazione necessaria per affrontare e vincere un avversario, posso essere facilmente implementate nella tranquillità del villaggio dolomitico Bella Italia.

A Piani di Luzza, oltre alle sessioni di allenamento nel palazzetto, i kickboxer possono trovare la forma fisica e mentale affrontando i percorsi nei sentieri, le nuotate in piscina e praticando qualsiasi attività propedeutica, preparandosi nel migliore dei modi per affrontare i prossimi impegni agonistici.

438