Aperitivo a Grado

Omaggio al balletto – 28 ottobre

facebook

Si apre sotto il segno del grande coreografo Mauro Bigonzetti la XXIXa edizione del Festival internazionale “Omaggio al Balletto”, evento organizzato come sempre dall’Acad (Associazione culturale amici della danza e teatro) che quest’anno andrà in scena martedì 28 ottobre, alle 20.45, al Teatro Nuovo Giovanni da Udine (prevendite da lunedì 13 ottobre in biglietteria). A rappresentare i suoi brani, un graditissimo ritorno, quello dell’Aterballetto di Reggio Emilia, formazione di punta della danza italiana, alla cui guida come direttore artistico, da circa un anno, è giunta Cristina Bozzolini, dopo che lo stesso Bigonzetti ha lasciato l’incarico per dedicarsi esclusivamente all’attività creativa – restando peraltro coreografo principale della Compagnia emiliana –. Sarà un magnifico dittico a caratterizzare la soirée: “Omaggio a Bach” e “Absolutely free”. Il primo è stato disegnato nel 2000 per commemorare i 250 anni dalla morte del compositore tedesco e utilizza brani bachiani di diversa derivazione, tra cui arie dalle Variazioni Goldberg. “Solo la bellezza riesce a suscitare simili emozioni”, disse del balletto Mya Tannenbaum sul Corriere della Sera. Il secondo brano, come suggerisce il nome, è un collage di coreografie che esprimono la massima libertà interpretativa dei danzatori, lasciando all’ironia e all’impeto giocoso il compito di sottolineare con estro la proverbiale qualità della danza griffata Aterballetto. Che, in questo caso, si infiamma sulle musiche dei Pearl Jam, piuttosto che dei Chemical Brothers, dei Red Hot Chili Peppers o Jimi Hendrix.
Aterballetto è la principale compagnia di produzione e distribuzione di spettacoli di danza in Italia e la prima realtà stabile di balletto al di fuori degli Enti Lirici. Nel 1991 è diventata la compagnia del Centro Regionale della Danza, Associazione riconosciuta fondata dal Comune di Reggio Emilia, dalla Regione Emilia Romagna e dall’Ater. Ha svolto la sua attività produttiva con il marchio Aterballetto e ha concentrato su di sé funzioni e prerogative in un’ottica d’impegno globale sul balletto: produzione, promozione, diffusione, formazione, studio e ricerca. Il Centro Regionale della Danza, dopo essere diventato, nel 2001, Centro della Danza, dall’aprile 2003 si è trasformato in Fondazione Nazionale della Danza. Nella Fondazione confluiscono alcune fra le più significative esperienze maturate nel campo della danza regionale e nazionale; tutto ciò la rende un’esperienza unica in Italia, arricchita da corsi di alta formazione professionale per giovani danzatori e insegnanti, e iniziative di promozione e diffusione della danza volte ad approfondire e stimolare l’interesse e la conoscenza del pubblico verso questo linguaggio.
Ma non è tutto. Anche quest’anno, Omaggio al Balletto (sostenuto da Regione e Fondazione CRUP e patrocinato da Comune e Provincia di Udine, dal Coordinamento Circoli Aziendali del Friuli e Dopolavoro Ferroviario di Udine) è strutturato su un doppio appuntamento. Dopo l’evento Aterballetto, seguirà la giornata del 14 novembre, in cui protagonista sarà il Piccolo Teatro della Città di Udine, istituzione che gode del Riconoscimento della Personalità Giuridica da parte dello Stato e Presa d’Atto del Ministero della Pubblica Istruzione, Università e Ricerca, e che da poco ha festeggiato  i 60 anni di intensa e infaticabile attività. “Let’s dance” è il titolo del concerto di balletti che porteranno in scena gli allievi, in doppia programmazione: la mattina alle 10 per i ragazzi delle scuole (già sold out) nell’ambito del Progetto Giovani – Scuola a Teatro, e la sera alle 20.45 con un programma parzialmente modificato, per tutto il pubblico udinese e della regione.
****

376