Aperitivo a Grado

Pordenone: sgominata banda che spacciava nel nord est

facebook


L’indagine è stata avviata nel luglio 2011; la banda – secondo quanto accertato – si riforniva di cocaina e marijuana da due cittadini albanesi residenti a Venezia e Milano. Una volta giunta in provincia di Pordenone la droga veniva suddivisa, in parte per approvvigionare i vari pusher locali, in parte per rifornire facoltosi acquirenti della zona del pordenonese e del trevigiano. Nell’ambito delle indagini sono state arrestate in flagranza di reato dieci persone – quattro italiani, un dominicano e cinque albanesi. Quattro di essi (tre albanesi e un italiano, già membri della “baby gang” pordenonese) hanno assaltato sportelli bancomat e compiuto furti in esercizi commerciali per procurarsi denaro. Nonostante l’arresto di uno dei capi, per l’assalto a un bancomat ad Aviano l’8 luglio 2011, l’organizzazione ha conitnuato l’attività, ricevendo ordini direttamente dal carcere ove l’albanese era recluso. Molti acquirenti erano inoltre diventati “insolventi”, per cui tre appartenenti alla banda erano stati incaricati del “recupero crediti”, vere e proprie estorsioni con minacce e pestaggi dei debitori. Le nove ordinanze di custodia cautelare sono state emesse dal Gip di Pordenone Alberto Rossi. Altre nove persone sono state denunciate per reati connessi al possesso e allo spaccio di sostanze stupefacenti. Arresti e perquisizioni sono stati svolti in provincia di Pordenone, a Udine, Venezia e Bovisio Masciago (Monza). Sono state sequestrate una carabina calibro 22 con matricola abrasa, tre pistole semiautomatiche giocattolo e 4 grammi di cocaina.

339