Aperitivo a Grado

Pulfero investe nell’energia rinnovabile

facebook

hhhhh.jpgSabato 22 novembre dalle ore 9.30 la sala consiliare di Pulfero ospiterà il convegno Le biomasse forestali e la gestione sostenibile della montagna, al termine del quale verrà inaugurata la nuova centrale a legno cippato che il Comune ha realizzato grazie al sostegno della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.

Un investimento di 249.431 euro che ha consentito di riqualificare l’impianto termico (precedentemente alimentato a metano) sostituendolo con una moderna caldaia a legna che riscalderà municipio, sala consiliare, ambulatorio, scuola e palestra attraverso una rete di teleriscaldamento. Agli edifici già collegati si potranno aggiungere in futuro anche le utenze private, per le quali sono già stati predisposti gli allacciamenti.

La caldaia installata ha una potenza di 348 kW e, a pieno regime, utilizzerà 150 tonnellate di legno cippato all’anno, un combustibile rinnovabile che, oltre ad avere un prezzo estremamente concorrenziale rispetto ai combustibili fossili (circa 85 euro a tonnellata), e quindi a determinare un considerevole risparmio, consente di evitare l’emissione in atmosfera di oltre 67 tonnellate di CO2 all’anno.

Il combustibile legnoso che verrà impiegato per l’alimentazione della caldaia è il legno cippato, prodotto dallo sminuzzamento di legno vergine proveniente dai boschi delle Valli del Natisone, che verrà fornito dalle ditte boschive locali incaricate della fornitura e della gestione dell’impianto.

Una fonte di energia rinnovabile, pulita e reperibile in loco, di cui anche il Comune di Pulfero dispone: esso è infatti proprietario di oltre 500 ettari di foresta nell’area del monte Mia, che si può fregiare del PEFC, marchio ecologico che certifica che le foreste sono gestite ripettando principi di sostenibilità.

Con questo investimento l’amministrazione guidata da Piergiorgio Domenis dimostra la propria attenzione per l’ambiente e per lo sviluppo sostenibile del territorio, la volontà di puntare sulle risorse locali e, allo stesso tempo, di dare nuove opportunità di sviluppo nel settore forestale. Un settore che nelle Valli del Natisone ha conosciuto negli ultimi anni un rilancio considerevole, soprattutto grazie alle iniziative di animazione della Kmecka zveza-Associazione agricoltori di Cividale e alla costituzione della cooperativa E.Le.Na, che si sta affermando sul mercato regionale, con la fornitura di legno cippato per caldaie ad alto rendimento di ultima generazione.

388