Aperitivo a Grado

Udine: Renzi “sfida FVG é una sfida non solo per questo territorio, ma per tutto il Paese”

facebook

“La sfida del Friuli Venezia Giulia é una sfida non solo per questo territorio, ma per tutto il Paese”. Lo ha detto stasera a Udine il sindaco di Firenze Matteo Renzi, in un comizio a sostegno della candidatura di Debora Serracchiani (Pd) alla presidenza della Regione, del sindaco di Udine Furio Honsell e del candidato alla presidenza della Provincia Andrea Simone Lerussi (Pd). “In questa regione – ha detto Renzi – chi prende un voto in più ha vinto, e quindi si rischia che chi dà un voto di protesta alla fine diventi il principale alleato della conservazione”. Renzi ha invitato gli elettori “a essere una comunità, un popolo, a non andare mai in ferie da cittadini. Così il Friuli Venezia Giulia tornerà a essere una frontiera della speranza, della curiosità, dell’innovazione. Non mettete a marcire i vostri sogni e ciascuno di voi nei prossimi giorni cerchi un deluso, uno che vuole votare Grillo o il centrodestra o che non vuole votare, gli dica su Serracchiani ci metto la faccia, perché la scommessa non è solo mia – ha concluso – ma di un popolo e di una comunità e di una piazza”.

 

“Dobbiamo arrivare a un modello in Italia per cui non ci sono 132 partiti dove uno si alza la mattina e fa un nuovo partito, ma un Paese dove come in tutti i Paesi normali ci sono due partiti di destra e due partiti di sinistra, e dove noi cerchiamo di sconfiggere gli altri, ma se vincono gli altri li rispettiamo”. Lo ha detto il sindaco di Firenze Matteo Renzi oggi a Udine dove ha fatto tappa per sostenere la candidatura di Debora Serracchiani (Pd) alla guida della Regione. “Chiedo di votare Debora Serracchiani – ha aggiunto – perché ha rispetto per gli avversari. Bisogna affermare un’idea di partiti in Italia in cui non si parla male degli altri – ha aggiunto -, ma si parla bene di quello vogliamo fare noi. E’ ora di finirla – ha concluso – con questo atteggiamento per cui siamo sempre in una guerra civile in Italia”.

 

“Se in Vaticano avessero votato con il Porcellum sarebbero usciti dal conclave in quattro a dire ho vinto io”. Lo ha detto stasera a Udine Matteo Renzi, durante un comizio a sostegno della candidata del centrosinistra alle regionali Fvg, Debora Serracchiani. “Sapete perché io sono triste? – ha continuato Renzi, parlando alla piazza gremita – Perché quando si è insediato il governo Monti i politici avevano detto ‘facciamo fare a Monti la parte dell’economia e noi sistemiamo la legge elettoralé. E’ accaduto invece che in un anno e mezzo non sono riusciti a fare la legge elettorale e siamo andati a votare con un sistema, il ‘Porcellum’, dove alla fine non si è capito chi ha vinto”. Secondo Renzi “la moralità della politica è sicuramente il non rubare, ma questo è l’abc. La vera moralità è fare le cose che sei chiamato a fare”, ha concluso.

278