Aperitivo a Grado

Riparo Film anteprima a Udine

facebook

Riparo Visionario L’anteprima nazionale del film Riparo, girato fra le colline friulane e la provincia di Udine, sarà proposto questa sera al Visionario, alle 20.30, all’interno del cartellone curato dal Cec. Saranno presenti il regista Puccioni, l’attrice co-protagonista Liskova, ed il produttore e distributore Mazzarotto.   Secondo lungometraggio firmato da Puccioni, una delle nuove voci “impegnate” del cinema italiano, Riparo racconta la relazione fra due donne, nella quale si inserisce un giovane clandestino. In concorso alla 57a Edizione della Berlinale 2007, unica pellicola italiana nella sezione Panorama.

Racconta di Anna, 35enne consulente finanziaria, e della sua compagna, Mara, giovane e bella operaia in una fabbrica del nord est di proprietà della famiglia di Anna. Fra di loro si inserisce un ragazzo tunisino, Anis, scoperto dalle due ragazze di ritorno da un viaggio in Tunisia: per superare la frontiera clandestinamente il ragazzo sceglie di sfruttare proprio la loro automobile ed una volta in Italia  si introduce sempre più nella casa e nella vita delle due donne.
  Riparo è un coinvolgente dramma sulla gelosia e le classi sociali, capace di offrire una chiave inedita e interessante sul tema dello straniero che entra in un’unità familiare e la espone alle sue contraddizioni, sottolineando le esperienze di persone comuni che cercano amore e sicurezza, protezione e accettazione, e toccando così un punto di estrema attualità del nostro Paese. Il film, nella prima parte girato in Tunisia, ma per la maggioranza fra le colline friulane, presenta la nostra realtà industriale, gira sulle strade e fra i paesini, fino a giungere sotto la sedia da record che campeggia a Manzano, raccontando di una vita che ci è molto vicina, una storia di estrema contemporaneità. 

Martedì 15 gennaio alle 20.30 (e alle ore 16.30) il film sarà in proiezione, in anteprima nazionale, all’interno del cartellone curato dal Centro Espressioni Cinematografiche presso le sale del Visionario.

466