Aperitivo a Grado

Santa Caterina fermati 4 abusivi

facebook

polizia municipaleAzione di contrasto della Polizia Municipale: individuati 600 articoli falsi , fermati ed identificati quattro abusivi: un senegalese sarà espulso. Santa Caterina, maxi sequestro di merce contraffatta. E’ la più grande manifestazione di Udine dopo Friuli Doc, ma forse è quella più tradizionalmente sentita dagli udinesi e dai friulani che la affollano ogni anno. Per questo la Fiera di Santa Caterina è diventata anche per molti abusivi l’occasione per smerciare una notevole quantità di materiale contraffatto.


I malintenzionati però non hanno fatto i conti con l’attività di vigilanza posta in essere dal Comando di Polizia Municipale. Un lavoro che è descritto perfettamente dai numeri: 52 agenti venerdì, 50 sabato e 30 domenica sono stati sguinzagliati dal comandante Giovanni Colloredo per effettuare un’azione di contrasto che ha portato al sequestro di 30 casse di materiale per un quantitativo pari a oltre 600 articoli, al fermo e all’identificazione di quattro persone e all’espulsione di un senegalese privo dei requisiti per soggiornare sul territorio nazionale.
Borsette, portafogli, giacconi e cinture dei marchi più celebri della “haute couture” internazionale: e poi giubbotti, golf, occhiali, sciarpe, berretti, pantaloni nonché gli immancabili cd e dvd “taroccati” che oltre a violare il diritto d’autore interferiscono con i circuiti commerciali legali, andando a ledere il diritto di chi ha regolare licenza di commerciare i prodotti lecitamente posti in vendita.
La conferenza stampa che ha illustrato i dettagli dell’operazione è servita anche al comandante Colloredo e al suo vice Eros Del Longo per ricordare che il reato di abusivismo commerciale coinvolge sempre due parti e nemmeno chi compra è esente da un personale coinvolgimento. Chi è sorpreso ad acquistare merce contraffatta si rende infatti responsabile del reato di ricettazione. In questo caso tuttavia nessun cliente è stato sorpreso in “flagranza d’incauto acquisto”. Tuttavia va ricordato che acquistando merce falsa si contribuisce solo a far crescere traffici illeciti gestiti dalla malavita e pertanto è un comportamento fortemente sconsigliabile.

fonte: Walter Tomada

332