Aperitivo a Grado

Sport e politica in un fantaromanzo a Udine

facebook

pozzo.jpgPer dire il vero già nelle ore precedenti l’addio ufficiale di Edi Snaidero al basket si era un po’ fantascientificamente ipotizzato l’ingresso di Giampaolo Pozzo nel basket friulano. Ecco perchè si può fare. Intrecci e intrighi fra il verosimile e il fantastico. La base di verità c’è sicuramente. Triangolando varie situazioni si possono fare numerose e affascinanti congettureL’incontro fra Edi Snaidero e il sindaco Furio Honsell si sarebbe svolto nelle ore precedenti la comunicazione ufficiale di un disimpegno da parte della società arancione dopo un decennio di luci e ombrenel mondo cestistico. Il sindaco, già in pieno bailamme politico, si trova quindi di fronte anche alla patata bollente della possibilità di perdere il basket di serie A a Udine. Honsell, che non è uomo di sport, si butta un po’ alla ricerca di consigli e si affida ai consigli degli uomini di basket della città.
C’è da considerare inoltre il grande feeling instauratosi fra Honsell e il presidente Pozzo in occasione della campagna elettorale dell’anno scorso. A unire le parti fu forse un nemico comune: Enzo Cainero. Il presidente Pozzo si spinse tanto in là nel sostenere l’ex rettore da dichiarare che avrebbe portato via il suo progetto calcistico da Udine. Senza dimenticare l’invito via sms agli abbonati a votare per il sindaco Honsell. La vecchia ruggine fra Enzo Cainero e Pozzo risaliva a una tentata scalata alla maggioranza azionaria dell’Udinese di una cordata guidata proprio da Cainero.
Quello che però Pozzo non si aspettava era forse la vittoria del centrodestra regionale. Il presidente Illy infatti perdeva, un po’ a sorpresa, contro il candidato del centrodestra Renzo Tondo. Così, nonostante la vittoria di Honsell, il presidente Pozzo si trovava di fronte a una politica regionale di colore avverso. E questo poteva voler dire difficoltà nel realizzare il progetto del nuovo stadio Friuli di proprietà dell’Udinese. Un progetto faraonico pensato anche in occasione dei possibili europei del 2012 andati poi invece in Ucraina e Polonia.
Salvando il basket Pozzo si garantirebbe ben due crediti importanti nei confronti del sindaco Honsell. ma questo potrebbe non bastare: il presidente della Regione Renzo Tondo, unico ente in grado di finanziare il progetto monstredel nuovo stadio, è sempre un uomo del centrodestra, lontano anni luce dal governo della città friulana.
Pozzo però, a detta dei beneinformati, aveva già intrapreso la strada del riavvicinamento al centrodestra integrando lo staff della società bianconera con l’inserimento di Andrea Magr, ex ct della scherma, co un ruolo di ottimizzatore educatore. Andrea Magro, uomo vicino al presidente Tondo.
Un riavvicinamento che potrebbe voler dire ristrutturazione dello stadio? E’ questo il prezzo che pone Pozzo sulla bilancia per salvare il basket friulano?
Negli stessi giorni in cui si intavolano queste trattative la giunta Honsell subisce un gravissimo colpo. Il gruppo “Cittadini per il presidente” si chiama fuori dall’attuale maggioranza comunale. Gruppo che si rifà politicamente guarda caso a Enrico Bertossi, uomo da sempre vicinissimo al basket e che da assessore regionale diede una robusta mano alal gestione Snaidero del basket udinese. Nel frattempo l’ex assessore Barillari, dimissionario in occasione della vicenda Englaro, guarda caso occasione di un ipotizzato avvicinamento fra Tondo e Honsell (mai confermato per veristà), aderisce al gruppo consiliare dell’UDC. Nello stesso giorno anche Fabrizio Anzolini, eletto nella lista”per cainero” aderisce all’UDC. La domanda è: perchè? Siamo forse di fronte a una clamorosa separazione fra Cainero e il centrodestra regionale (reo di sostenere il progetto del nemico Pozzo?)
E intanto il sindaco Honsell prepara il rimpastone che può salvargli la giunta: l’indiziato di trombatura è Kristian Franzil (che fra gli altri referati ha quello allo sport). Dopo la rinuncia di Alberto Bertossi quindi rimarrano due sedie libere: una sarà occupata da Anna Paola Peratoner, l’altra probabilmente dall’ex assessore e attuale presidente del consiglio comunale Cortolezzis del Partito Democratico ma di ispirazione fortemente centrista e quindi potrebbe accampare facilmente prestesti per far mancare la fiducia a Honsell: caso Eluana e lo slittamento a sinsistra della giunta.
Il progetto di una società unica fra calcio e basket, peraltro abbastanza diffuse in Spagna, Madrid e Barcellona su tutt, prende quindi forma e addirittura si sussurrano già nomi e incarichi della prossima Udinese Basket. Promozioni e tagli. Alla fine l’impegno economico indicato da Snaidero (2,5 milioni) non dovrebbe essere impossibile per Pozzo. Inoltre la rivoluzione di Lega Calcio cosa porterà? Gli stadi di proprietà saranno sicuramente una delle battaglie che la “SuperLega” di serie A intraprenderà anche nei confronti delle istituzioni nazionali
Chissà poi che altri partner non siano avvicinati nell’affare basket come viatico per un nuovo immenso impianto sportivo: il primo nome è quello della famiglia Bardelli, proprietaria del Centro Commerciale Città Fiera che otterrebbe un immenso vantaggio pubblicitario dalla costruzione del nuovo stadio. E la famiglia Snaidero? Garantirà una partecipazione nella società? rimarrà come sponsor?
un incredibile intreccio fra sport politica e amicizie e inimicizie di vechcia data. Un vero giallo.

 

710