Aperitivo a Grado

Taste The Borders: 24/25/26 luglio a Pontebba

facebook

manifestazione
È stata presentata oggi, lunedì 20 luglio nel palazzo della Regione Fvg a Udine, la terza edizione di “Taste The Borders”, un evento organizzato dal Comune di Pontebba che ha deciso di ampliare i suoi orizzonti spaziando dall’agroalimentare di montagna fino ad un’idea di rigenerazione del sistema montagna, passando per il turismo e le degustazioni. L’edizione del 2015 di Taste The Borders si preannuncia rinnovata con una nuova forma di sperimentazione urbana temporanea: la riapertura dei piani terra storici del centro cittadino che ospiteranno le attività ed i vari appuntamenti, ciò che l’amministrazione vorrebbe creare permanentemente in questa porzione di territorio, che si affaccia sui confini con Austria e Slovenia e che nel passato è stato un prezioso luogo di passaggio e di scambio. «Di solito all’estero sono più bravi a riconoscere il valore delle nostre terre –commenta l’Europarlamentare Isabella De Monte- eppure questa è una zona ricchissima di valore e l’idea di un festival che unisca tre confini stimolerà le persone ad “assaggiare” le caratteristiche agroalimentari, storiche e turistiche di questi posti». È proprio per ricordare questa originale caratteristica territoriale e per rinnovarla secondo le esigenze contemporanee che manifesta ogni zona di confine, che è nata l’idea di un festival proprio qui, a Pontebba, paese che porta al suo interno ancora i segni della storia che l’ha visto essere terra di dazi e di divisione tra l’Italia di Vittorio Emanuele II e l’Impero Austroungarico. «Questa Amministrazione si sta impegnando in un ambizioso progetto per il futuro di questa parte di territorio interessata da nuovi flussi turistici che ci costringono ad una reinterpretazione dell’ idea di montagna sulla quale costruire il futuro della comunità» sostiene Elena Macor assessore alla cultura e al decoro urbano del Comune di Pontebba. Non solo agroalimentare, dunque, ma anche diversi momenti di approfondimento finalizzati allo studio di una nuova idea di montagna, che passi non solo attraverso gli incredibili prodotti dell’agricoltura di montagna, ma anche attraverso la valorizzazione turistica possibile dall’ alto livello di accessibilità del sistema infrastrutturale gomma/treno/bici. «Sicuramente il turismo è e sarà un asset strategico per lo sviluppo della montagna, ma si dovrà fare chiarezza tra gli operatori che vi operano. L’iniziativa –commenta il vicesindaco Sergio Buzzi- vuole dare un’occasione per incontrarsi e produrre scenari e idee mettendo al centro comuni, enti territoriali, fondamentali»
Il format delle precedenti edizioni è stato infatti arricchito con alcuni momenti di confronto e di conoscenza rispetto alla valorizzazione escursionistica e paesaggistica della zona, che guardino anche alle potenzialità turistica di questa parte della Val Canale a partire da Pontebba, unica città del circuito Alpe Adria ad essere attraversata nel suo centro storico dalla ciclovia, che qui porta ogni anno più di 100mila persone. Si comincerà, dunque, venerdì 24 con l’anteprima del Taste The Borders che si svolgerà in due momenti: alle 18.30 ci sarà la riapertura della storica osteria “La Spina” e alle 21.30, nella sala consigliare del Municipio, il Saxophone festival, con Walter Geromet “Incognito”. Il via ufficiale al festiva, invece, sarà sabato 25 alle 17, quando sempre nella sala consigliare, si svolgerà il convegno “Una nuova idea di montagna”, a cura dell’architetto udinese Alessandro Verona. «Proveremo a immaginare come ripensare un nuovo sistema complesso mettendo in relazione agricoltura, zootecnia, filiera del legno, valorizzazione storica, paesaggistica ed escursionistica, ospitalità e turismo –dichiara Verona- favorito dall’importante sistema infrastrutturale già esistente». A questo momento di confronto prenderanno parte Cristina Micheloni, responsabile del comitato scientifico Associazione Italiana Agricoltura Biologica, Melania Lunazzi, storica dell’arte e giornalista, Michele Morgante, presidente Innova Fvg, Marilena Motta, rappresentante Federazione Italiana Amici della Bicicletta, Maurizio Ionico della Società Ferrovie Udine Cividale partner del progetto MI.CO.TRA – iniziativa che si inserisce all’interno delle importanti “Trasversali alpine Nord-Sud” del cosiddetto Corridoio Adriatico Baltico, ed Elena Macor assessore alla cultura del Comune di Pontebba. Le conclusioni spetteranno a Cristiano Shaurli, neo assessore regionale alle risorse agricole e forestali. Uno dei grandi protagonisti di questa edizione del Taste The Borders sarà Slow Food Fvg, che sarà presentato alle 18.30 di sabato dalla Condotta Gianni Cosetti. Cipolla di Cavasso e della Val Cosa, Aglio di Resia, Pan di Sorc, Radic di Mont, Formadi frant e Pestàt di Fagagna e Pitina: questi sono i presìdi Slow Food regionali che saranno proposti, ai quali si aggiungeranno anche le birre artigianali prodotte dal “Birrificio Foglie d’Erba” e “Zahre Beer”. Il clou del festival, per quanto riguarda l’aspetto agroalimentare, è previsto nella serata di sabato. Alle 19.30, al Teatro Italia, si svolgerà infatti la kermesse gastronomica “Taste the Borders”, durante la quale prodotti del nostro territorio saranno reinterpretati da ristoratori e chef dei tre confini, italiano, sloveno e austriaco. Ad essi saranno affiancati altrettanti produttori di vino a completamento della originale proposta. La serata, a pagamento con un prezzo accessibile per favorire l’ accessibilità alla qualità proseguirà poi nel segno della musica del Dj Lord dalle 22.30. Per gli appassionati nella sala consigliare un ulteriore appuntamento del Saxophone Festival alla sala consiliare. Domenica 26, il programma comincerà presto: alle 9.30 è infatti prevista la visita guidata a cura dell’associazione “Quello che le montagne restituiscono” al Parco tematico della Grande Guerra. Taste the Borders è in fatti anche occasione per approfondire la conoscenza storica sul grande evento bellico del quale ricorrono proprio ora i 100 anni. Alle 10.30 si darà, invece, il via al grande mercato cittadino con le eccellenze agroalimentari dei tre confini, mentre nei locali del paese verranno proposti menù a tema. Proseguendo con l’idea di un rilancio socio-turistico della zona, è previsto per le 11 di domenica all’osteria La Spina, il convegno “Gente di montagna si racconta”, con Gigi Verdura, Devis Bonanni, Marzia di Gaspero e Kaspar Nikles. Momento cardine della giornata sarà l’inaugurazione della mostra geo-paleontologica “Quando Pramollo stava all’equatore” che si svolgerà alle 12 in municipio a cura del professor Corrado Venturini e alla quale parteciperà anche la presidente della regione Fvg Debora Serracchiani. Il pomeriggio trascorrerà all’insegna di laboratori sulle erbe e la biodiversità e di giochi didattici per bambini. Ad Armando Cojaniz toccherà il compito di narrare storie e leggende per le vie di Pontebba, mentre dalle 18 sarà la musica a dominare il paese nell’attesa della grande festa delle 22.30 di chiusura del Taste The Borders.

844