Aperitivo a Grado

Trieste: per Lonely planet è meta Top

facebook

Friuli Venezia Giulia sempre più “corteggiato” dai turisti: dopo l’ingresso di Udine tra le città del Nordest interessanti da visitare durante l’autunno e l’inverno per la prestigiosa rivista economica Forbes, anche Trieste scala nuovamente la vetta, conquistandosi la fama di “Italy’s next big destination” per Lonely Planet. Un altro colpo messo a segno da PromoTurismoFVG, che prosegue la strategia di promozione del territorio aprendosi e guardando con sempre più attenzione al mercato inglese. La notizia di Trieste, segnalata tra le grandi prossime destinazioni suggerite dalla casa editrice australiana, è comparsa sul sito di Lonely Planet (https://www.lonelyplanet.com/articles/trieste-what-todo?fbclid=IwAR1MA-pKvQvLEmoOL5FV67cuC-DKPOwxoT4v7l1gE9rHM6u1te0xqjAM5zI) in un articolo realizzato dalla stessa autrice della guida, Paula Hardy, che lo scorso giugno era stata ospite di PromoTurismoFVG in regione. Da capitale della scienza a città cosmopolita, ma anche luogo di chiese, affascinanti architetture, piatti tipici, il castello di Miramare e il Carso, e naturalmente di caffè, Trieste si presenta così nelle parole della giornalista: “Per anni Trieste ha convissuto con la sua reputazione di malinconia. Venti anni fa, lo scrittore di viaggi Jan Morris la definì il “luogo del nulla” per eccellenza: una città italiana sospesa in un passato austro-ungarico scomparso, circondata dalla Slovenia, dalla Croazia e dal mare Adriatico. Ma i confini non sono dove finiscono le cose, sono dove iniziano, e Trieste è finalmente sul radar”. Paula Hardy, importante firma del giornalismo britannico, ha avuto modo di conoscere e apprezzare molte zone della regione, scoprendo il capoluogo giuliano, il Collio, Udine, Pordenone, ma anche Grado e la laguna, senza dimenticare i sopralluoghi a San Daniele e la Carnia, con Sappada. La visita rientra tra le attività di PromoTurismoFVG indirizzate alla valorizzazione del territorio attraverso la realizzazione di guide turistiche, dopo quella inglese dedicata interamente al Friuli Venezia Giulia di recente pubblicazione da parte di Bradt, importante casa editrice inglese. L’obiettivo era quello di aumentare la foliazione delle guide Lonely Planet Mondo, aggiornandone i testi, e la creazione di nuovi progetti editoriali che guardino sempre alla valorizzazione del Friuli Venezia Giulia

660